Hamilton fa la storia a Silverstone

Hamilton fa la storia a Silverstone
Hamilton fa la storia a Silverstone



07/07/2024

Atto. alle 17:38

Orario CEST


Lewis Hamilton ha fatto la storia a Silverstone, ottenendo la sua nona vittoria nel Gran Premio di Gran Bretagna e rompendo così il pareggio di otto vittorie nello stesso circuito con cui manteneva Michael Schumacher. Il leader della Coppa del Mondo, Max Verstappen Gli ha reso le cose molto difficili in un finale vibrante della gara, anche se i suoi connazionali hanno portato il sette volte campione Mercedes in volo verso un successo senza precedenti.

È la 104esima vittoria per Hamiltonche è salito sul podio scortato da Verstappen e un altro idolo britannico, Lando Norris. La Mercedes aggiunge la seconda vittoria consecutiva dopo quella ottenuta in Austria da George Russell, che ha dovuto abbandonare oggi a causa di un guasto. Carlos Sainz salvato un fine settimana irregolare in quinta posizione e Fernando Alonsoottavo, è riuscito a conquistare punti in casa dell’Aston Martin.

Russell, un polacco

La gara è iniziata sull’asciutto, anche se con la minaccia della pioggia e le gomme medie come scelta prevalente sulla griglia. Gasly, partito dalla pit lane come Checo Pérez quando ha cambiato tutti gli elementi del propulsore dell’Alpine, non è riuscito a scendere in pista a causa di un guasto tecnico.

Russell, in pole per la seconda volta in questa stagione, ha difeso molto bene la sua posizione contro l’attacco del compagno di squadra Hamilton, il pilota più vincente della storia a Silverstone, con otto vittorie, che ha adottato un approccio aggressivo alla partenza.

Dietro, Verstappen ha strappato il terzo posto a Norris, che non si è arreso e ha continuato a mettere pressione sull’olandese, anticipando un nuovo capitolo della lotta personale che i primi due classificati della Coppa del Mondo portano avanti quest’anno.

Alonso si è scontrato con Albon in partenza, raggiungendo la terza curva, quando la Williams gli ha incrociato la strada. Per fortuna il pilota dell’Aston Martin è uscito bene ed è riuscito a conservare il decimo posto, seppur con Tsunoda in difficoltà.

Leclerc è volato con la Ferrari al via guadagnando tre posizioni, fino all’ottavo posto, mentre Sainz si è piazzato sesto, lontano dalla McLaren di Piastri, che chiudeva la top five nella prima parte di gara.

Gli spalti ruggiscono

Dopo quindici giri, Norris, il più veloce in pista, ha sorpreso Verstappen con uno strepitoso sorpasso all’esterno alla curva 15 utilizzando il DRS. Max, senza ritmo, non reagì e continuò ad affondare. Anche Piastri, che ‘sentiva’ odore di sangue, ha osato sfidare il tre volte campione della Red Bull, che ha superato due giri dopo.

La festa è continuata con un altro passaggio superbo di Hamilton a Russell, che ha cercato di rispondere al suo compagno di squadra. Le due Mercedes si sono scontrate e Norris ha approfittato della confusione per sorpassarli entrambi, portandosi in testa alla corsa proprio mentre cominciavano a cadere le prime gocce sull’asfalto.

Arriva la pioggia

I team, in attesa dei radar di Silverstone, hanno avvisato i propri piloti della pioggia imminente, anche se con una sfumatura: tra pochi minuti sarebbe arrivato un intenso temporale. Condizioni mutevoli che potrebbero trasformare la battaglia in una lotteria. Proprio quello che chiedeva sabato Alonso, che è risalito fino all’ottavo posto

Piastri lascia dietro di sé la Mercedes per seguire Norris, mentre Verstappen è ancora in difficoltà, con Sainz in attesa.

Non appena la pioggia si è intensificata, Verstappen e Sainz sono stati i primi a montare le intermedie, la McLaren ha fermato solo Norris, mentre la Mercedes ha optato per un doppio pit-stop. Alonso ha ritardato il suo passaggio ai box, ha provato una strategia diversa ed è rientrato in pista nono.

Dopo la danza degli stop, Norris ha continuato a comandare il festival britannico, con Hamilton a 3 secondi di distacco, anche se Verstappen era schiacciato tra il sette volte campione e Russell e Sainz era già quinto a scapito di Piastri.

Russell, KO

Verstappen si è lamentato dell’elevato degrado della gomma intermedia nelle zone asciutte della pista e Sainz ha avvisato la Ferrari di problemi con l’ERS, il motore elettrico della Ferrari.

Un altro problema di affidabilità, in questo caso l’impianto idrico della Mercedes, ha costretto al ritiro Russell, che dopo la vittoria di domenica scorsa in Austria e la pole questo sabato in casa, ha visto la sua serie di vittorie consecutive interrotta nel peggiore dei modi.

Battaglia finale

Il tempo capriccioso in Gran Bretagna ha lasciato il posto a un cielo sereno e un sole splendente nella parte finale della gara, a quindici giri dalla fine. Hamilton ha anticipato la sua sosta guidando con le soft e Verstappen ha seguito l’esempio, rientrando in pista con le hard, mentre Norris e Sainz hanno continuato un altro giro con le intermedie.

Un lento pit-stop alla McLaren quando una ruota si è bloccata è costato a Norris il comando, con Hamilton di nuovo davanti. Verstappen, guarito dal ‘malore’, si è gettato addosso a Lando, rieditando il duello più avvincente della F1 attuale in cinque giri al cardiopalma.

Hamilton taglia il traguardo da solo e ottiene la sua nona vittoria a Silverstone, oltre alla 104esima della sua vita in F1. L’inglese è crollato e ha pianto dopo la gara, l’ultima che ha gareggiato davanti ai suoi tifosi con i colori della Mercedes, prima di fare il salto alla Ferrari nel 2025.

Verstappen ha dato la caccia a Norris e ha quasi mancato anche Lewis, è arrivato secondo sul podio e leader eccezionale della Coppa del Mondo. Sainz ha perso posizione con Piastri chiudendo quinto e Alonso ottavo, preceduto dal compagno di squadra Stroll, entrambe Aston Martin a punti in casa.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Anteprima 8a tappa Tour de France 2024
NEXT Evenepoel debutta al Tour de France con una cronometro magistrale, Pogacar continua a primeggiare