Paola Salcedo: I suoi presunti assassini chiariscono “i motivi” per toglierle la vita

Paola Salcedo: I suoi presunti assassini chiariscono “i motivi” per toglierle la vita
Paola Salcedo: I suoi presunti assassini chiariscono “i motivi” per toglierle la vita

I due detenuti avrebbero confessato di essersi avvicinati alla zona dove si trovava il circo e di aver osservato una donna sola accanto a un furgone di lusso.

Un giudice ha decretato il detenzione preventiva giustificata come misura precauzionale per Miguel Ángel “N”, soprannominato “El Pecas”, e José Iván “N”, accusati dell’omicidio di Paola Salcedosorella del calciatore del Cruz Azul, Carlos Salcedo la notte del 29 giugno.

Nel corso della prima udienza tenutasi presso i tribunali di Tlalnepantla, l’autorità giudiziaria ha preso questa decisione dopo aver valutato le prove presentate dalla Procura Generale dello Stato del Messico. Il 9 luglio si terrà l’udienza per stabilire se Miguel Ángel “N” e José Iván “N” sono collegati al processo.

LEE: Un cadetto messicano muore perché non ha aperto il paracadute dopo essersi lanciato da un elicottero (VIDEO)

Perché Paola Salcedo è stata uccisa?

Miguel Ángel “N”, detto “El Pecas”, insieme a José Ivan “N”, Facevano uso di droghe e ne volevano di più, ma non avevano più soldi. Decisero di ottenerlo derubando una donna che usciva con il figlio da un circo. Si è opposta all’aggressione, quindi Gli hanno sparato tre volte. Paola Salcedo, sorella del calciatore Carlos Salcedo, ha perso la vita in un ospedale di Huixquilucan, nello Stato del Messico.

Secondo il giornalista Carlos Jiménez, che ha avuto accesso alle dichiarazioni dei due presunti autori del delitto di Paola Salcedo, hanno ammesso che “Stavano usando crack in una zona dello Stato del Messico, sono finiti, hanno finito i soldi e poi hanno deciso di uscire e commettere una rapina.”

I due detenuti avrebbero confessato di essersi avvicinati alla zona dove si trovava il circo e di Hanno osservato una donna sola accanto a un furgone di lusso. Si sono avvicinati e hanno chiesto la sua borsa e le chiavi del veicolo, ma ha resistito all’aggressione, il che ha portato “El Pecas” a sparargli tre volte.

Un video che circola sui social mostra brevemente l’illuminazione del circo, con sei riprese sonore in sottofondo, catturate in solo 10 secondi di registrazione.

LEE:Christian Nodal condivide una foto esclusiva con Ángela Aguilar: “Mi manchi da impazzire”

Con informazioni da SUN

BB

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sergi Cardona, rilevato dal Betis, parte per il Villarreal
NEXT Attivisti animalisti protestano a Pamplona alla vigilia di San Fermín contro la “crudeltà medievale” della corrida