LeBron James parla delle critiche rivolte a Bronny

I Los Angeles Lakers hanno selezionato Bronny James nel Draft NBA 2024 e giocherà al fianco di suo padre, LeBron James, la prossima stagione. I James passeranno alla storia quando condivideranno il campo come prima coppia padre-figlio a giocare nella stessa squadra nella storia del miglior campionato di basket del mondo.

LeBron James difende suo figlio Bronny

Un sogno iniziato nel 2018 quando LeBron James espresse il desiderio di giocare con suo figlio nella NBA e che diventerà realtà nel corso della stagione 2024/25. L’arrivo del primogenito della superstar dei Lakers ha generato molte critiche tra tifosi ed esperti per nepotismo. Qualcosa di cui LeBron James non si preoccupa e spiega che a Bronny non interessa quello che dicono gli altri.

Non so se la gente capisce davvero BronnyJames ha detto a ESPN dopo gli allenamenti di basket USA in preparazione alle Olimpiadi di Parigi. “Non gli importa. A dire il vero, un po’ mi interessa. Quando arrivi [como novato], Volevo piacere alle persone e alcune delle cose che dicevano su di me mi davano fastidio all’inizio della mia carriera. “Non gliene frega niente”, ha detto durante l’intervista.

POTREBBE INTERESSARTI – LeBron James è ottimista sulla vittoria di un altro campionato

Non gli importa niente. Non ascolta nemmeno quelle cose. È come quello più calmo. È l’esatto contrario di suo padre. Tuo padre direbbe qualcosa [para abordar a los críticos]. A Bronny non importa. Tutto quello che si dice su di lui, non gli interessa davvero“ha aggiunto LeBron James, che giocherà per l’ultima volta ai Giochi Olimpici in rappresentanza degli Stati Uniti.

“Immagina se tu fossi un bambino, fossi nato in una situazione in cui tuo padre fosse super famoso, super ricco e tu, il ragazzo, avessi ancora la spinta a voler realizzare cose per te stesso”, ha continuato LeBron. “Personalmente non so se ce l’avrei fatta se i ruoli fossero stati invertiti”.ha continuato la superstar dei Los Angeles Lakers.

Quando stavo crescendo, non avevo scelta. Non avevo letteralmente scelta.. Ho dovuto andare avanti per me stesso. Mia madre, la mia famiglia, la mia città natale, la mia città. Bronny ha tutte le opzioni del mondo. Se Bronny avesse voluto smettere adesso o non giocare mai a basket o semplicemente avesse voluto essere un giocatore o uno chef o non avesse voluto essere niente, avrebbe potuto farlo. La gente non capisce quanto sia difficile e l’impegno che comporta per lui uscire da un intervento al cuore meno di un anno fa, per poter giocare nella NBA. Il ragazzo è speciale“, ha concluso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV notizia d’obbligo, il mistero dell’Arabia… e sette perle nel portafoglio | Sollievo
NEXT “Il 95 per cento delle distorsioni della caviglia come quella di Messi non vengono operate”