Tour de France 2024 – Tappa preliminare 11 – Ciclismo Internazionale

Di @amatiz12

Évaux-les-Bains Il Liorano (211 km)

4350 di dislivello positivo, più di 200 km di percorso e passi molto impegnativi. Le cose accadranno qui.

Lo svantaggio di questo parziale è che concentra tutta l’attenzione sugli ultimi 50 km, i precedenti 160 km passano attraverso pianure che offrono due alternative che portano alla stessa meta, quella della noia. O se ne va una fuga di due o tre corridori leggeri facilmente controllabili dal gruppo oppure si dà il via libera ad una fuga con più unità in modo che la vittoria della giornata venga contesa con pochi minuti di anticipo.

L’inizio della catena è brutale, 3,8 km al 9,1% dove spicca il tratto intermedio che è di 1600 metri al 10%. Anche se a Nerone non ci saranno grandi traslochi, basterà fare una prima selezione e mettere in moto un piano.

In cima non c’è discesa, ma piuttosto un falso piano che porta alla più impegnativa delle salite in programma: Puy Mary. È stata utilizzata l’ultima volta nel 2020 come finale della tappa 13, dove i famosi sloveni dell’epoca aprirono più distanza rispetto agli altri.

Si tratta di una 1° con una prima metà molto ripida, dove l’interesse principale sono gli ultimi 2 km che sono intorno al 10% di pendenza, con pendenze massime del 15%. I numeri parlano chiaro e alla fine a 31 km dal traguardo, con due salite ancora da superare, sarebbe il luogo perfetto per sferrare un agguato.

11 km di discesa tecnica, con brevi rettilinei e curve strette che ci portano al penultimo muro. Questa presenta un iniziale 1800 metri al 10%, un successivo recupero di 900 metri e poi altri 1800 metri in salita all’8% con vetta a 15 minuti dall’arrivo e che prevede bonus di 8, 5 e 2 secondi. Forse questo fattore, o il fatto che si tratti dell’ultima vera salita difficile, può rinviare le azioni del Puy Mary, purché avvengano qui.

Poco più di 5 km di discesa, poi una 3° ciclabile e una leggera discesa per un arrivo diretto.

Clima

Caldo, possibile pioggia all’arrivo e vento contrario al traguardo. Anche i frammenti delle salite finali avranno l’aria in faccia.

Scenario

Direi che la vittoria è 60/40 a favore del gruppo, dato che il terreno è molto amichevole per controllare la fuga e finché si arriva alla catena con 3 minuti di ritardo, sarà sufficiente che la vittoria sia tra il migliore.

Questa è una teoria rafforzata dal dolore psicologico dei protagonisti, poiché trovandosi su un percorso che calza a pennello e con un debito pendente da saldare a seguito di quanto accaduto domenica, Pogacar uscirà con il coltello tra le mani denti, pronto a schiacciare il suo avversario ancora convalescente. Ha l’attrezzatura per fare danni e consapevole che la prossima partita sarà fino a sabato, non risparmierà nulla per cercare di sfruttare questa giornata.

Detto questo, il copione dovrebbe essere simile, con lo sloveno in attacco e il danese in difensiva. Dovremo vedere come si evolve il fattore Remco, che nonostante abbia ottenuto un punteggio elevato in questa presentazione, continua a portare il peso di poter vacillare gravemente da un giorno all’altro. Se ha le gambe, è un’aggiunta positiva sia per quello che rappresenta nell’enigma tattico, sia perché ama anche correre all’attacco, e ogni suo tentativo può nuocere a terzi, come è già stato vicino a fare con Roglic che è il ma sembra che siano tutti e quattro.

Preferiti

Simone Yates – Senza la classifica generale all’orizzonte, dovrà cominciare a tentare la fortuna con le fughe.

Davide Gaudì –

Vedendo le squadre che hanno vinto questo Tour, la necessità di Groupama sale alle stelle.

Riccardo Carapaz – Un altro il cui momento arriva per combattere per fasi.

Maxim Van Gils – Scalatore esplosivo, molto adatto a queste pareti.

Stefano Williams – Il suo turno dopo il tentativo di Gee a terra.

Tadej Pogacar – Il favorito in caso di arrivo del gruppo. Quasi sicuramente attaccherà.

Remco Evenepoel – Non resterà fermo se sta bene.

Predizione

Pogačar.

Alessandro Matiz

Iscriviti al canale WhatsApp di International Cycling

Entra nel nostro forum di Telegram

Ci trovate su Instagram

Non perderti #CiclismoInterTV su YouTube

Ti piace quello che facciamo? Seguici su @CiclismoInter

Unisciti a noi su Facebook: Ciclismo Internazionale

Copyright © 2012-2024 Ciclismo Internazionale. Tutti i diritti riservati

Mi piace questa:

mi piace Ricarica…

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Tappa 17 con arrivo al Superdévoluy in diretta
NEXT Ci saranno due versioni delle magliette del Barça con l’icona di Spotify