I ko più elettrizzanti della prima metà dell’anno nella UFC

I ko più elettrizzanti della prima metà dell’anno nella UFC
I ko più elettrizzanti della prima metà dell’anno nella UFC

L’UFC lo è spettacolo puro. Il parco giochi per gli esseri umani più duri e dipendenti dall’adrenalina. Un’organizzazione che regna in uno sport brutale, con finali fantastici e dove tutto può succedere. La metà dell’anno in azienda si racconta solo con i nomi che hanno firmato all’interno dell’ottagono più famoso del mondo il più scioccante ed elettrizzante colpi bassi che hanno alimentato i depositi di dopamina dei tifosi più esigenti a livello globale. Tuttavia, esiste un selezionare un gruppo di individui che entra di diritto nella lista dei migliori ko formalizzati per finire il suo avversario in Campionato di combattimento definitivo da Gennaio fino alla fine di Giugno.

1

Max Holloway e ciò che non si è mai visto prima contro il Gaethje

300° anniversario

L’hawaiano ha inviato un messaggio a tutta la compagnia e a Ilia Topuria con uno spettacolare combattimento contro Justin Gaethje sulla carta più importante della storia dell’UFC. Dopo un grande combattimento, superiore sotto ogni aspetto al suo rivale, la fine del combattimento portò con sé uno dei più grandi e migliori colpi bassi della storia della compagnia di arti marziali miste più importante al mondo: con 10 secondi rimasti, Holloway punta al centro dell’ottagono Gli highlight ed è allora che inizia un violento scambio, che si conclude con l’americano a terra e con gli occhi completamente vuoti, con solo un secondo rimasto per porre fine alla disputa. Pura brutalità.

2

Ilia Topuria e il sogno spagnolo: annientare Volkanovski per entrare nella storia

298° anniversario

La storia delle arti marziali miste a livello spagnolo ha coronato il suo apice con il campionato Ilia Topuria. L’ispano-georgiano, 27 anni, ha concluso un regno che sembrava essere l’inesorabile eredità di quanto José Aldo aveva già disegnato in passato nella divisione 145 libbre. Tuttavia, con le scommesse e il pubblico a sfavore, Ilia Topuria è riuscito ad avere la meglio Il grande in due turni per scioccare il mondo e far vibrare l’intera Spagna e la Georgia e cambiare il panorama dello sport nei paesi che El Matador rappresenta. Un traguardo che oggi si riflette già nelle accademie di MMA a livello spagnolo, affollate dall’influenza del primo monarca assoluto alfiere dell’UFC.

3

Erceg e un ko contro Schnell che valse la possibilità di conquistare il titolo

UFC Las Vegas 87

Steve Erceg ha ottenuto il titolo contro Alexandre Pantoja con uno spettacolare KO contro Schell all’UFC Vegas 87 a marzo. Una carta dove erano presenti anche le grandi promesse emergenti dell’UFC e dove anche lui ha saputo distinguersi con una prestazione incredibile, che ha lasciato il suo rivale prostrato a terra dopo una grande combinazione e una fedele dimostrazione che l’australiano ha la stoffa di un il miglior contendente e, dopo aver visto il suo combattimento contro il campione di Rio all’UFC 301 di maggio, anche un possibile campione per il futuro nella divisione 125 libbre.

4

La serata salvifica e spettacolare di Alex Pereira e il suo ko contro Procházka

303° anniversario

Il campione di Rio ha messo in gioco il suo titolo contro il ceco per salvare un poster orfano senza la presenza di Conor McGregor. Il ko ufficializzato da Poatan contro Procházka ha un retroscena curioso: la squadra di allenamento di Pereira ha percepito, in un video pubblicato dall’UFC del suo rivale che si riscaldava per l’incontro, che il suo avversario della serata si era preparato solo a difendere i calci alla gamba del brasiliano . Ciò ha portato all’incredibile highkick che ha portato il BJP in acque profonde e ha causato la sua sconfitta a pochi secondi dall’inizio del secondo round.

5

Poatan e sogni d’oro per Jamahal Hill

300° anniversario

Alex Pereira ha iniziato il suo frenetico 2024 come protagonista della più grande carta nella storia dell’UFC. Il campione da 205 libbre ha ricevuto un ex campione infortunato, Jamahal Hill, che ha perso il titolo a causa di un infortunio al tendine d’Achille più di un anno fa. Il suo ritorno è stato definito un fallimento, formalizzato da un incredibile sinistro di Alex Pereira verso il mento dell’americano per chiudere la serata nel primo round dell’evento principale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Inghilterra, live: segui il risultato della staffetta finale di Euro 2024
NEXT Carlos Alcaraz sarà nominato figlio adottivo di Triana