Chris Paul spiega perché ha scelto di suonare a San Antonio

Chris Paul spiega perché ha scelto di suonare a San Antonio
Chris Paul spiega perché ha scelto di suonare a San Antonio

Ha sorpreso molti. Chris Paul è al crepuscolo della sua carriera e non ha quasi più alcuna possibilità di ottenere un anello. In più occasioni il playmaker dell’All-Star ha affermato che per lui conquistare un campionato era davvero importante; Quest’estate però ha scelto di firmare con i San Antonio Spurs, rinunciando così a unirsi a una squadra con chiare aspirazioni a diventare campione. La ragione? Vuole competere.

“Non c’è niente che mi piaccia di più dell’opportunità di giocare, contribuire e giocare”, sottolinea il fatto che il suo ruolo nell’organizzazione del Texas sarà più rilevante che in altri come Los Angeles, dove ora lascia la sua famiglia.

“La mia famiglia è tutto. Mia moglie è qui, i miei figli sono a Los Angeles ed è lì che saranno durante la stagione. Magari sono vicino a casa, ma se non gioco non sono felice. E amo da morire la mia famiglia. Quindi quando abbiamo visto questa opportunità, anche se mi porterà lontano dalla mia famiglia, la mia famiglia mi conosce meglio di chiunque altro e sanno che voglio solo giocare. Io voglio giocare. “Sono grato a loro e per essere qui”, dice.

Più NBA

Elenco dei migliori marcatori nella storia della NBA

Già nella sua nuova ‘casa’, CP3 coinciderà con Victor Wembanyama, un giocatore destinato a diventare tra non molto il chiaro dominatore della NBA. A questo proposito assicura che durante il volo per San Antonio ha parlato con Harrison Barnes, anche lui arrivato agli Spurs nell’ambito del trasferimento di DeMar DeRozan ai Sacramento Kings.

«Ho giocato contro di lui questa stagione e ti dico che probabilmente non c’è nessun giocatore in campionato di cui tutti parlino dopo una partita come lui. È fantastico, ognuno deve adattarsi alle cose che fa”, dice.

(Foto di Jared C. Tilton/Getty Images)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Confermato il primo acquisto nella storia del Dubai BC
NEXT “Onestamente, ho avuto giochi migliori”