McEnroe difende Djokovic dopo l’atteggiamento del pubblico di Wimbledon: “Rispetta la sua grandezza…”

McEnroe difende Djokovic dopo l’atteggiamento del pubblico di Wimbledon: “Rispetta la sua grandezza…”
McEnroe difende Djokovic dopo l’atteggiamento del pubblico di Wimbledon: “Rispetta la sua grandezza…”

Novak Djokovic è esploso contro il pubblico di Wimbledon. Non capiva i fischi ricevuti nella partita contro Runa Holger e ha risposto con forza nell’intervista ai piedi del campo. John McEnroe Lo ha difeso e ha chiesto al pubblico di porre fine a questo atteggiamento.

Questo è ciò che ha detto in dichiarazioni alla ‘BBC’: “Ha lottato contro questo tipo di atteggiamento per tutta la sua carriera. È chiaro che ha saputo nutrirsi di quell’energia negativa, ma è logico che detesti ricevere quel trattamento…”

“Il sostegno a Rune e ai rivali di Novak in generale sembra andare solo contro di lui. È così bello che inizino a sostenere l’altro, senza tener conto del rispetto che merita un giocatore che ha lavorato duro per 20 anni. tennis Ha avuto il coraggio di farlo rovinare la festa di Rafa (Nadal) e Roger (Federer).vince più di loro, eppure la gente non lo rispetta”, dice la leggenda del tennis.

Chiede “affetto” perché ha fatto uno sforzo per competere a Wimbledon: “Stiamo parlando di un ragazzo che è stato operato un mese fa e che ha fatto un miracolo potendo gareggiare qui. Perché non ottieni un po’ di amore e riconoscimento? rispetto ad un ragazzo che non ha ancora dato alcun contributo al mondo del tennis.

“Dobbiamo rispettare la sua grandezza e valorizzare quanto sia bravo per il nostro sport…”dice McEnroe.

De Miñaur si ritira

Djokovic va direttamente in semifinale dopo il ritiro del suo potenziale rivale, Alex de Miñaur, a causa di un infortunio. Quindi non giocherà nuovamente fino a venerdì contro la vincente del duello tra Musetti e l’americano Fritz.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Questo sarà il terzo stadio più grande della Spagna dopo la sua ristrutturazione
NEXT VIDEO: IndyCar: la manovra di abbandono di Canapino dal punto di vista di Franco Vivian