Breaking news

Emond fa debuttare il suo record professionale con un attacco alla meta dei 50 km

Clara Emond È arrivato al ciclismo professionistico all’età di 25 anni, a recensione rara nell’era attuale in cui tutto si misura nel dettaglio, in cui tutto è controllato e in cui la precocità e il talento non vengono frenati. Adesso, a 27 anni, il canadese ha assaporato quel successo indimenticabile della prima vittoria nell’élite. E non su uno qualsiasi, ma su un grande palco come il Giro d’Italia femminile. Quello di EF Education ha culminato una fuga fantastica con un attacco a 50 km che gli ha regalato la vittoria in solitaria sul traguardo di Urbino. Come se non bastasse, ha abbattuto una barriera storica: Una ciclista canadese non vinceva al Giro dai tempi di Linda Jackson nel 1998.

Nel tragitto verso la suddetta città c’erano diversi fronti aperti tra i favoriti, con letture differenti. Elisa Longo Borghini Ha difeso la sua maglia rosa con assoluta autorità, quindi sembra difficile che qualcuno possa raggiungere il suo livello quando la prima metà di gara è già terminata. Arrivò al suo volante Lotte Kopecky, che prosegue a pieno regime a scapito di raggiungere l’alta montagna, il terreno in cui soffre di più il belga. Per il resto la nota positiva è stata la ripresa dell’ Mavi García, che ha fatto una buona prestazione (è arrivato con Labous e ha concesso solo 4″ a Borghini e Kopecky) che lo ha portato all’8° posto della classifica generale, a 1:33 dalla vetta e a 55” dal podio.

“Vincere per la prima volta in carriera qui al Giro d’Italia è fantastico, non pensavo di poterlo fare così presto, alla mia prima partecipazione. Ho iniziato in ritardo, mi sono trasferito in Europa per inseguire il mio sogno e questa è la ricompensa dopo anni di sacrifici. È stata una tappa pazzesca, tutta la squadra voleva riscattare un inizio di Giro sfortunato e tutti abbiamo provato a unirci alla fuga. Quando ho attaccato avevo paura che fosse troppo presto, ma alla fine è andata bene. “Sono orgoglioso di quello che ho fatto”, ha sintetizzato esultante Emond. Questo giovedì, Tappa di transizione di 108 km tra Frontone e Foligno con una fine prevedibile dello sprint.

Generale del Giro Donne

1ª Elisa Longo Borghini (ITA/Lidl-Trek) 9h 28:53
2ª Lotte Kopecky (BEL/SD Worx) a 0:13
3ª Cecilie Uttrup Ludwig (DIN/FDJ) – 38
4ª Juliette Labous (FRA/DSM-Firmenich PostNL) – 49
Mavi Garcia (ESP/Liv AlUla Jayco) – 1:33

Segui il canale Diario AS su WhatsApp, dove troverai tutto lo sport in un unico spazio: le notizie del giorno, l’agenda con le ultime notizie sugli eventi sportivi più importanti, le immagini più belle, il parere dei migliori AS aziende, rapporti, video e un po’ di umorismo di tanto in tanto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Giant fa un’offerta per l’acquisto del marchio di misuratori di potenza Stages
NEXT Segnalano interesse dall’America per il colombiano Cristian Borja