Perché il nuovo capo tecnico dell’Alpine F1 è fiducioso nella sua guarigione

Dopo un inizio deludente della stagione 2024, Alpine ha continuato a modificare la propria struttura ingegneristica e chiamato David Sanchez come direttore tecnico esecutivo all’inizio di quest’anno.

Sánchez, che aveva lasciato la McLaren tre mesi dopo aver iniziato a lavorare nella squadra britannica a gennaio, è stato scelto da Alpine per guidare una nuova struttura tecnica tripartito istituito dal team manager Bruno Famin.

Ciò è seguito alle dimissioni di Matt Harman e Dirk de Beer per un A524 molto deludente. Da allora, le cose sono migliorate grazie ad una riorganizzazione del team, con Joe Burnell ora a capo dell’ingegneria, David Wheater a capo dell’aerodinamica e Ciaron Pilbeam a capo delle prestazioni.

I tre direttori tecnici ora rispondono a Sánchez, il francese a Famin.

Anche se l’arrivo di un nuovo capo tecnico settimane dopo una riorganizzazione potrebbe suggerire l’arrivo di cambiamenti più ampi, Sánchez ha assicurato di essere molto soddisfatto della squadra che ha trovato quando si è unito alla squadra francese.

“Sono molto bravi. C’è tutto quello che serve per fare una macchina competitiva. Quindi ero molto felice quando sono arrivato,” ha rivelato.

“Venendo da fuori, ovviamente c’erano alcune cose su cui avrei avuto la mia opinione. C’era un piano in atto, abbiamo rivisto il piano, abbiamo modificato alcune cose. Senza dubbio la vettura ha bisogno di una grande spinta in termini di miglioramenti.. “Ci stiamo lavorando e finora sta andando abbastanza bene.”

“Questa struttura sta diventando sempre più la norma. Ci sono grandi team che lavorano così e in questo momento sembra funzionare. L’anno scorso abbiamo visto che la McLaren era capace di fare grandi passi avanti nella stagione.”

Inoltre, Sánchez afferma che il team sta iniziando a comprendere meglio il suo A524 e ha notato che lo sforzo dell’intero team per ridurre il peso è un fattore chiave. Si diceva che la vettura fosse sovrappeso di quasi 10 kg, ma questo fu eliminato nelle prime gare.

L’Alpine ha ottenuto il suo primo punto stagionale a Miami, poi ne ha aggiunti altri nelle gare tra Monaco e Austria, due delle quali con punti doppi. E, anche se il suo miglior risultato è stato il nono posto, la sua prestazione è migliorata molto ultimamente.

Sánchez assicura che la vettura ora ha semplicemente bisogno di miglioramenti; L’attenzione del team sulla riduzione del peso dell’auto aveva in gran parte evitato gli aggiornamenti basati sulle prestazioni, ma ora le cose sono cambiate..

“Stiamo imparando di più sulla macchina e in ogni gara cerchiamo di ottenere più prestazioni da essa. Questa è stata una buona tendenza nelle ultime gare. E abbiamo imparato molto su ciò che dovremmo sviluppare e dovremmo ricevere nuove parti durante le vacanze estive,” ha detto Sánchez .

“È stato tolto molto peso in eccesso dalla vettura, cosa da non sottovalutare. Inoltre abbiamo lavorato molto sul telaio, sull’assetto, cercando di mettere i piloti a proprio agio con il bilanciamento e cercando di ottenere il massimo dalla macchina”.

“Alcuni miglioramenti erano in cantiere. Ora abbiamo molte più idee. E ora si tratta di pedalare il più velocemente possibile. Penso che ci sia ancora un po’ di sviluppo. Abbiamo bisogno di più carico aerodinamico. Abbiamo bisogno di un po’ più di tutto, soprattutto di downforce“.

“Ovviamente il modo più semplice per ottenere deportanza è abbassare la vettura. Ma fallo senza causare altri problemi. È uno dei limiti, ma penso che tutti combattano contro questo. Abbassare la vettura è il modo più semplice per ottenere deportanza. Ma c’è un punto e alcune regole a cui dobbiamo stare attenti. Ma in termini di sviluppo, penso che la direzione sia molto chiara al momento.

Oltre a concentrarsi sul recupero del ritardo nello sviluppo, il team è stato messo in ombra dalla Haas nella battaglia per il settimo posto nel campionato costruttori, ma Ciò non ha fermato Alpine, che ha continuato ad assumere altro personale.

Due dei loro acquisti sono arrivati ​​dalla Red Bull: Michael Broadhurst è il nuovo capo dell’aerodinamica, mentre Vin Dhanani è a capo delle prestazioni dei veicoli. Nel frattempo, Jacopo Fantoni ha lasciato la Ferrari per diventare vice ingegnere capo, e questo trio aggiunge la vasta conoscenza di altri team attualmente al vertice della griglia.

Sebbene Sánchez dia priorità allo sviluppo nel 2024, sperando che la squadra possa migliorare “dopo la pausa estiva” e raggiungere una posizione simile a quella raggiunta dalla McLaren lo scorso anno con i suoi spettacolari aggiornamenti, ha già individuato le aree di miglioramento entro il 2025 (l’ultimo anno dell’attuale regolamento).

“Ora stiamo sviluppando in base ai nostri punti deboli. In questa stagione concentreremo molto sull’aerodinamica e per la vettura del prossimo anno, quando rivedremo l’hardware, proveremo cambiare radicalmente alcuni aspetti della vettura e questo dovrebbe essere un altro passo avanti“Lui ha spiegato.

“L’anno prossimo ci saranno cambiamenti concettuali, e ovviamente uno di questi lo sarà la sospensione. Per quest’anno ci concentreremo un po’ sull’aerodinamica”.

“Non direi che ci saranno grandi cambiamenti concettuali perché quando guardi la macchina sembrerà simile ad occhio nudo, ma quando guardiamo le caratteristiche aerodinamiche, saranno diverse,” ha concluso.


Vuoi leggere le nostre notizie prima di chiunque altro e gratuitamente? Seguici qui sul nostro canale Telegram e non ti perderai nulla. Tutte le informazioni, a portata di mano!

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Ronald Araujo, con un infortunio al tendine del bicipite femorale della coscia destra
NEXT Carlos Alcaraz: “Vado all’oro olimpico, nel singolo e nel doppio”