“World of Warcraft”, “Runescape” o “EVE Online”?: una guida per scegliere il mondo virtuale a cui appartenere | Arca perduta | Final Fantasy XIV | EVA in linea | Elder Scrolls Online | TECNOLOGIA

“World of Warcraft”, “Runescape” o “EVE Online”?: una guida per scegliere il mondo virtuale a cui appartenere | Arca perduta | Final Fantasy XIV | EVA in linea | Elder Scrolls Online | TECNOLOGIA
“World of Warcraft”, “Runescape” o “EVE Online”?: una guida per scegliere il mondo virtuale a cui appartenere | Arca perduta | Final Fantasy XIV | EVA in linea | Elder Scrolls Online | TECNOLOGIA

A causa dell’enorme richiesta di tempo ed energia, la scelta di a MMORPG Bisogna farlo con la cura con cui si sceglie una nuova macchina o si impara una nuova lingua, visto che questi videogiochi richiedono centinaia e perfino migliaia di ore per essere goduti appieno. Non è un investimento sprecato e i MMORPG possono fornire alcune delle esperienze più soddisfacenti nell’intero settore dei videogiochi, permettendoci di inserirci in mondi fantastici con persone in comunità con interessi simili.

ASPETTO: “Sand Land”: l’ultimo videogioco di Akira Toriyama onora la sua eredità

Se sei interessato ad esplorare questo genere di giochi, ecco alcuni punti da considerare quando scegli il MMORPG più adatto alle tue preferenze.

Cos’è un MMORPG?

L’abbreviazione MMORPG deriva dal termine gioco di ruolo online massivamente multiplayer o videogiochi di ruolo massivamente multigiocatore che, come indica il nome, sono titoli che combinano aspetti dei videogiochi di ruolo con la capacità di interagire con centinaia o migliaia di giocatori in un mondo virtuale.

Queste interazioni sono solitamente riassunte in due varianti, cooperativa o PvE (giocatore contro ambiente/giocatore contro ambiente) e competitiva o PvP (giocatore contro giocatore/giocatore contro giocatore). Esistono anche combinazioni di entrambi, come le modalità di gioco regno contro regno o mondo contro mondo in cui grandi squadre di giocatori combattono per la vittoria.

“Neverwinter Nights” è stato uno dei primi MMORPG ad avere una grafica ed è stato pubblicato dal 1991 al 1997 tramite il servizio Internet America Online.

Determinare quale tipo di interazione preferisci è fondamentale quando scegli un MMORPG, poiché ogni gioco di solito si concentra maggiormente su contenuti competitivi o cooperativi.

Lo sviluppo del proprio personaggio diventa cruciale in questo genere di videogiochi e molti titoli cercano di offrire al giocatore la massima libertà di personalizzare il proprio avatar sia nell’aspetto che nelle proprie abilità, potendo in molti casi trasformarlo in un forte guerriero, un agile arciere, un abile stregone o anche in professioni non violente come fabbri, cuochi, ecc. Queste decisioni saranno fondamentali anche per le relazioni che avrai con gli altri giocatori, che a loro volta costituiranno la base delle comunità che si sviluppano attorno a questi giochi in emulazione delle nostre stesse società.

Che tipo di gioco preferisci?

Quando si sceglie un MMORPG, nulla è più importante delle proprie preferenze nei videogiochi e questo genere offre un’ampia varietà tra il frenetico combattimento di giochi come “Black Desert Online” o “Lost Ark” fino a esperienze più tranquille e cerebrali come “EVE Online”.

Uno dei dibattiti principali tra i fan dei MMORPG è incentrato sui due sistemi di combattimento più popolari: tab-target o combattimento d’azione.

Tab-Target è utilizzato da MMORPG famosi come “World of Warcraft” o “Final Fantasy XIV” e ti costringe a scegliere un bersaglio con il cursore o il pulsante Tab per usare le tue abilità, rendendo quasi impossibile mancarlo a causa di un errore umano.

“Final Fantasy XIV” è uno dei MMORPG più popolari oggi.

Il “combattimento d’azione” o combattimento d’azione ti consente di eseguire le abilità quando sono disponibili, ma ti obbliga a mirare o posizionarti in modo appropriato affinché l’attacco si connetta al suo bersaglio. Giochi come “Elder Scrolls Online” e il già citato “Black Desert Online” utilizzano questo sistema.

Un ultimo punto che riteniamo importante rivedere prima di scegliere il MMORPG è la prospettiva della telecamera nei giochi. La maggior parte dei titoli utilizza una prospettiva in terza persona, in cui la telecamera è posizionata dietro il personaggio che lo mostra a figura intera, ma ci sono anche giochi che presentano una prospettiva in prima persona – attraverso gli occhi del tuo avatar – o una prospettiva isometrica simile giochi come “Diablo” o “Star Craft”.

‘Parco a tema’ o ‘sandbox’?

Altrettanto importante quanto il gameplay è il tipo di contenuto del videogioco. A questo proposito, ci sono due archetipi MMORPG che attualmente dominano il settore e che sono cruciali da considerare prima di scegliere un gioco.

Il “parco a tema” o “parco divertimenti” è un archetipo di design in cui gli sviluppatori hanno creato esperienze specifiche in cui ciò che il giocatore ha sperimentato è stato diretto come se fosse un’attrazione di un carnevale. Il vantaggio di questo design è che consente la creazione di contenuti di alta qualità, ma dove la libertà degli utenti è limitata. L’esempio principale di questo stile è “World of Warcraft”, ma lo stile è stato copiato oggi da molti MMORPG.

“World of Warcraft” è un esempio della tendenza dei parchi a tema MMORPG con i suoi livelli elaborati.

‘Sandbox’ o ‘sandbox’ sono giochi in cui gli sviluppatori stabiliscono i mondi e i loro meccanismi, ma lasciano che i giocatori controllino i loro sistemi. Ciò rende le esperienze dei giocatori più varie e spontanee, limitando allo stesso tempo il potere degli sviluppatori. La maggior parte di questi tipi di giochi tendono ai contenuti PvP. “EVE Online” e “Mortal Online 2″ sono due esempi di questo tipo di MMORPG.

Va notato che, nonostante li delimitino, molti titoli implementano elementi di un disegno o di un altro in misura maggiore o minore.

Che tipo di mondo preferisci?

Non solo il gameplay è importante, è anche decisivo che il tipo di mondo in cui abiteremo sia di nostro gradimento. Sono stati realizzati MMORPG di tutti i tipi e sebbene il tema più popolare sia il fantasy in stile “Il Signore degli Anelli” come “Final Fantasy XIV” (o lo stesso “Il Signore degli Anelli Online”), ci sono anche video giochi di fantascienza (“Star Wars: The Old Republic”, “Star Trek Online”), urban fantasy (“The Secret World”), supereroi (“DC Universe Online”) e molto altro. Esplora più titoli per scoprire quale tipo di impostazione risuona maggiormente con le tue preferenze.

Gratuito, a pagamento o in abbonamento

Ora che hai ristretto le tue preferenze di gioco, devi tenere in considerazione le preferenze del tuo portafoglio. In generale, ci sono tre sistemi per quanto riguarda la monetizzazione degli MMO:

Free-to-play: il sempre più diffuso modello gratuito non richiede al giocatore l’inserimento di un biglietto d’ingresso, ma solitamente lo monetizza con diverse microtransazioni che spaziano da questioni estetiche come i costumi a servizi più importanti come maggiore spazio di archiviazione, maggiore velocità di acquisire esperienza, armi potenti e altri vantaggi che incoraggiano l’utente a spendere i propri soldi. È l’equilibrio di quest’ultimo che determina se un gioco è veramente ‘free-to-play’ o ‘pay-to-win’ in quanto il potente cavaliere Don Dinero sbilancia l’esperienza per gli altri giocatori. Esempi di questo tipo di titoli sono “Neverwinter”, “Lost Ark”,

“Lost Ark” è uno dei MMORPG più popolari che utilizza il sistema ‘free-to-play’.

‘Buy to play’ o ‘buy to play’: un altro modello popolare di MMORPG in cui per goderti il ​​gioco devi prima acquistarlo. Nel frattempo, espansioni e contenuti aggiuntivi sono generalmente facoltativi e richiedono un pagamento aggiuntivo. Questo modello MMO di solito utilizza anche microtransazioni per problemi estetici e altri servizi. Esempi di questi giochi sono “New World” e “Elder Scrolls Online”.

In abbonamento: un modello che ha dominato dall’inizio dell’MMO fino a poco più di un decennio fa e probabilmente il più costoso a prima vista. Consiste nel mettere il gioco dietro un “paywall” in cui non solo devi acquistare il titolo (e le sue espansioni), ma anche pagare una tariffa mensile o un abbonamento. Considerato quasi obsoleto, questo stile di pagamento viene oggi utilizzato solo da un paio di titoli come “World of Warcraft” e “Final Fantasy XIV”. Sebbene questi tipi di giochi di solito non siano esenti dalle microtransazioni, queste sono solitamente legate ai cosmetici.

Com’è la comunità?

Uno dei maggiori punti di forza dei MMORPG è la capacità di interagire con altri giocatori, ma può anche diventare uno dei maggiori punti deboli quando queste comunità diventano tossiche o semplicemente scompaiono.

I forum online, i gruppi Discord e persino i social network di gioco sono buoni posti per scoprire lo stato di salute della comunità di un gioco, sia nel livello di partecipazione che nella qualità di questa partecipazione. Dopotutto, a nessuno piace trasferirsi in un nuovo quartiere solo per trovarlo circondato da case abbandonate o, peggio ancora, abitato da troll.

Controlla e prova prima di acquistare

Prima di scegliere un MMORPG è estremamente consigliabile leggere le recensioni sia dei critici professionisti che dei giocatori, questi ultimi sono anche preziosi barometri di come la community si sente nei confronti di un gioco. YouTube e Twitch sono anche ottimi posti per trovare informazioni su determinati titoli e vedere altri interagire con essi a livello avanzato.

Ma ciò che considero più importante quando scelgo un MMORPG è l’esperienza diretta. Consiglio vivamente di provare diversi giochi che ti interessano prima di dedicarti a un titolo particolare, anche se ne trovi rapidamente uno che ti piace, in modo da avere un quadro più ampio delle offerte presenti sul mercato.

Fortunatamente, la maggior parte di questi giochi prevede periodi di prova, compresi quelli con modello di abbonamento. Ci auguriamo che questi suggerimenti possano aiutarti a indirizzare la ricerca della tua nuova casa nel cyberspazio.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sei stufo dei messaggi WhatsApp non letti? Il nuovo aggiornamento dell’app ha pensato a te
NEXT Ha chiuso il suo negozio di videogiochi 27 anni fa a causa delle scarse vendite, ma invece di mettere all’asta e recuperare i soldi, ha tenuto tutto e ora vale più di un milione di dollari