Nintendo rimuoverà il supporto per Twitter da Nintendo Switch

Nintendo rimuoverà il supporto per Twitter da Nintendo Switch
Nintendo rimuoverà il supporto per Twitter da Nintendo Switch

Da Nintendo lo hanno annunciato Rimuoveranno il supporto per Twitter da Nintendo Switch.

Come annunciato attraverso la pagina della console, Il 10 giugno terminerà il supporto al social network ora chiamato X.

Va ricordato che sebbene la console non disponesse di un client per utilizzare il social network in modo nativoa, se consentiva la condivisione di contenuti come screenshot e video direttamente su Twitter.

Come affermato nella pagina di supporto Nintendo, “Il 10 giugno 2024 interromperemo l’integrazione per X (ex Twitter), così come la possibilità di inviare richieste di amicizia agli amici sui social media (integrazione dei social media) dalla funzione Suggerimenti di amicizia di Nintendo Switch.

Secondo quanto aggiungono, anche se continuerà a essere disponibile la pubblicazione di screenshot e video su Facebook, “è possibile che anche questo servizio venga sospeso in un secondo momento”.

Adottando questa misura Nintendo si unisce ad aziende come PlayStation e Xbox che avevano anch’esse eliminato l’integrazione con il social network di Elon Musk.

Cambiamenti in alcuni giochi

Come dettagliato da Nintendo Ciò influenzerà anche alcuni giochi come Super Smash Bros. Ultimate, dove non potrai pubblicare screenshot dell’album nel menu Home di Nintendo Switch in Smash World o nell’app per dispositivi smart Nintendo Switch Online.

D’altra parte, nel caso di Splatoon 3Secondo quanto sottolineano, “nelle caselle di posta di Splatsville, Inkopolis Plaza o Inkopolis Square non sarà più possibile pubblicare su X (ex Twitter) o Facebook”, aggiungendo che “i dati verranno inviati direttamente ai server di Nintendo. “.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un supercomputer della NASA ha mostrato come sarebbe per un essere umano camminare attraverso un buco nero
NEXT Intel fornisce la sua versione ufficiale sulla questione della stabilità delle CPU Core Gen 13 e 14 K