Cosa è successo a Stephen Elop, l’uomo che ha provato a reinventare Nokia e che sembrava il successore di Steve Ballmer in Microsoft

Quando Stephen Elop è subentrato in Nokia nel settembre 2010, ha dovuto affrontare una sfida enorme. Il produttore finlandese che da anni ha portato Il mercato della telefonia mobile stava rapidamente scomparendo. I dati cominciavano a preoccupare. Secondo Statista, l’azienda ha chiuso il 2007 con una quota di mercato del 50,9%, ma due anni e dieci mesi dopo era caduta di circa 18 punti percentuali.

Fino ad allora, Elop aveva ottenuto numerosi risultati. Ha terminato i suoi studi nel suo nativo Canada tra i migliori della sua classe alla McMaster University. Ha ricoperto diversi incarichi presso Macromedia fino a diventarne amministratore delegato. È entrato anche in Juniper Networks, dove è entrato come direttore delle operazioni e, quando stava per essere nominato CEO, è stato assunto da Microsoft.

All’interno del colosso di Redmond ha ricoperto il ruolo di capo della divisione business, oltre ad essere responsabile di Microsoft Office e Microsoft Dynamics. Bloomberg Businessweek gli attribuisce il merito di aver spinto Microsoft allo sviluppo versioni basate su cloud di alcuni dei suoi programmi più popolari. Una mossa strategica che a distanza di anni possiamo considerare di grande successo.

Sbarco su una “piattaforma infuocata”

L’arrivo di Elop in Nokia è avvenuto dopo il licenziamento del suo amministratore delegato Olli-Pekka Kallasvuo. Il consiglio di amministrazione stava perdendo la pazienza e aveva bisogno che l’azienda facesse una svolta di 180º per adattarsi a un mercato in cui piattaforme come iOS (ex iPhone OS) e Android facevano sembrare Symbian un software destinato a diventare obsoleto.

Lo stile di leadership del canadese era molto diverso da quello degli altri amministratori delegati di Nokia che, tra l’altro, erano tutti finlandesi. La missione di Elop era sviluppare a nuovo paradigma nell’azienda. Uno dei suoi primi passi per raggiungere questo obiettivo è stato inviare un’e-mail interna chiedendo ai dipendenti cosa si aspettavano e ha inviato un messaggio ottimista: avrebbero finito per battere la concorrenza.

Ma l’ottimismo non durò a lungo. Quando Elop cominciò a vivere Nokia dall’interno, capì che l’azienda si trovava in una situazione delicata. A quanto pare, per far sì che tutti all’interno dell’azienda lo sapessero, inviò una nota interna che finì per essere trapelata alla stampa nel 2011. In circa 1.300 parole descrisse il Nokia di allora come una “piattaforma in fiamme”.

“Il primo iPhone è stato lanciato nel 2007, e ancora non abbiamo un prodotto che si avvicina alla tua esperienza. Android è entrato in scena poco più di 2 anni fa e questa settimana ha preso il nostro posto di leader nei volumi degli smartphone. Incredibile”.

È interessante notare che Elop sembrava molto chiaro sulla direzione in cui stava andando il settore. Il dirigente ha sottolineato che nel mondo mobile non contano solo l’hardware e il software, ma che entra in gioco un intero “ecosistema” che integra anche sviluppatori, applicazioni, servizi di ricerca e altro. Andiamo, cos’è il mondo mobile oggi.

A quel punto, Nokia aveva un’alternativa a Symbian chiamata MeeGo, che non era riuscita a decollare. Elop, che a causa del suo passato aveva legami con Microsoft, si è affrettato ad annunciare un “collaborazione strategica” con il colosso di Redmond. Avrebbero potuto optare per Android? Tecnicamente sì, infatti stavano testando internamente il sistema operativo di Google.

Tuttavia, questo non rientrava nei piani del produttore finlandese. Ciò che volevano era differenziarsi e non potevano farlo approdando sulla piattaforma Google. In effetti, vedevano l’importanza di Samsung come un problema. Se l’azienda sudcoreana stesse consolidando la propria leadership, come avrebbe potuto portargliela via? Nokia voleva riconquistare il grande spirito che aveva una volta e Windows Phone sembrava essere la strada giusta.

Nokia Stephenelop
Nokia Stephenelop

Circa nove mesi dopo, l’azienda ha presentato il suo primo telefono con Windows Phone, il Lumia 800. Come abbiamo detto nella nostra analisi, il sistema di Microsoft si presentava come qualcosa di molto diverso da iOS o Android. Aveva un stile molto personale con riquadri animati come quelli di Windows 10 che ti permettevano di ottenere informazioni sulle applicazioni rapidamente, a colpo d’occhio.

Nokia aveva messo sul tavolo una promessa interessante, ma c’era un problema: l’ecosistema promosso da Microsoft aveva ancora molta strada da fare. Era molto lontano dalle altre proposte, soprattutto nel campo delle applicazioni. Nonostante tutto ciò, la quota di mercato di Nokia è scesa a circa il 13%, un punto negativo di fronte alle sfide che si prospettano.

Nadella e Stephen Elop
Nadella e Stephen Elop

La linea di telefoni cellulari Lumia ha continuato a crescere negli anni successivi con lanci destinati a tutte le gamme, come l’eccezionale Lumia 920 per chi ha un po’ più di budget. Potresti acquistare questa attrezzatura in Spagna per 669 euro. L’iPhone 5, invece, era disponibile a partire da 699 euro. Elop ha collaborato con Microsoft alla ricerca di una piattaforma a cui appartenere, ma Windows Phone non ha fornito i risultati attesi.

Nel terzo trimestre del 2013 Nokia deteneva una quota di mercato pari a circa il 3%. La piattaforma in fiamme continuava a bruciare, anche dopo i drastici movimenti volti a spegnere l’incendio precedentemente avvertito. In mezzo a questo panorama, Microsoft ha accettato di acquistare il business dei telefoni cellulari e dei dispositivi Nokia per 5,4 miliardi di dollari.

Nonostante gli sfortunati risultati di Nokia, Elop aveva acquisito molta esperienza e, come accennato in precedenza, numerosi risultati. Ciò ha portato Microsoft a considerarlo uno dei candidati alla successione di Steve Ballmer. Lo storico amministratore delegato dell’azienda aveva annunciato il suo ritiro e non era chiaro chi potesse prendere le redini del colosso che in più di 30 anni aveva avuto solo due amministratori delegati, l’altro era Bill Gates.

Stephenelop Microsoft
Stephenelop Microsoft

Dopo le polemiche legate al grosso bonus per l’ultima operazione di acquisizione, il dirigente ha continuato la sua carriera in Microsoft. In questa occasione è stato incaricato di guidare il gruppo Dispositivi dell’azienda. Si trattava di un’area di grande importanza, poiché comprendeva prodotti come Microsoft HoloLens, Microsoft Band e smartphone Lumia, come Lumia 830 e Lumia 640 e 640 XL.

Nel febbraio 2014, Satya Nadella è stata nominata CEO di Microsoft. Il dirigente ha promosso un gran numero di cambiamenti interni all’azienda per concentrare gli sforzi nei servizi e nel cloud. Successivamente, nel giugno 2015, Elop ha lasciato Microsoft quando la società ha integrato il gruppo Devices, che operava separatamente, in una delle sue divisioni interne, in particolare Windows.

La carriera del dirigente è continuata nel 2016 presso Telstra, il più grande fornitore di telecomunicazioni australiano. In qualità di leader del gruppo Tecnologia, innovazione e strategia, aveva l’obiettivo di promuovere il business delle apparecchiature di rete dell’azienda. Ma la fortuna non è stata dalla sua parte. Telstra ha terminato i suoi servizi nel 2018. Tra il 2019 e il 2020 è stato CEO di APiJET, una società di analisi di dati aeronautici.

NVIDIA guadagna così tanto che è già la prima fabless del pianeta: ha superato Qualcomm, Broadcom e AMD

Elop, 60 anni, ha cinque figli ed è divorziato da dieci anni. Oggi conduce una vita meno esposta. Presiede il consiglio di amministrazione delle organizzazioni Digital.ai, Nintex e AOPA. È anche membro del consiglio dei governatori della McMaster University. Elop, che ha una licenza di volo, trascorre parte del suo tempo libero volando sul suo Cessna CitationJet.

Immagini | Maurizio Pesce da Milano | Microsoft (1, 2) | Maurizio Pesce (CC BY 2.0 DEED) | Nokia

A Xataka | Chi è John Ternus, il nuovo favorito per succedere a Tim Cook come amministratore delegato di Apple

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Warhammer 40.000: Space Marine 2 ha confermato due nuove modalità multiplayer nel nuovo trailer
NEXT WhatsApp ora consente note vocali fino a un minuto per gli stati su iOS e Android