Un insolito fossile di 550 milioni di anni risolve il paradosso paleontologico

Un insolito fossile di 550 milioni di anni risolve il paradosso paleontologico
Un insolito fossile di 550 milioni di anni risolve il paradosso paleontologico

Il team di Shuhai Xiao ha scoperto un fossile di spugna di 550 milioni di anni nell’Hubei, in Cina (Virginia Tech)

Un team di ricercatori, guidato da Shuhai Xiao del Virginia Tech (Virginia Polytechnic Institute and State University), ha scoperto un fossile di spugna marina 550 milioni di anni nella provincia di Hubei, Cina. Questa constatazione colma una lacuna 160 milioni di anni nella documentazione fossile e fornisce nuove conoscenze sull’evoluzione iniziale di questi animali. Come dettagliato SciTechDailyil fossile ritrovato offre indizi che lo suggeriscono le prime spugne si prendono cura degli scheletri mineraliil che ne avrebbe reso difficile la conservazione.

La scoperta fu considerata rivoluzionaria perché gli orologi molecolari indicavano che le spugne si erano evolute approssimativamente 700 milioni di anniTuttavia, i fossili confermati risalivano solo al 540 milioni di anni, che ha generato un enigma in paleontologia. In uno studio precedente di 2019, Xiao e il suo team avevano già proposto che le prime spugne non avrebbero sviluppato le caratteristiche strutture dure, note come spicole, che rendevano difficile la loro conservazione dei fossili. Secondo Xiao: “Se ciò fosse vero, non sopravviverebbero alla fossilizzazione se non in circostanze molto particolari.“.

Il fossile di Helicolocellus dimostra la continuità tra il biota di Ediacara e gli animali del Cambriano (Illustrative Image Infobae)

I ricercatori del Università di Cambridge e il Istituto di Geologia e Paleontologia di Nanchino collaborò all’analisi del fossile, chiamato Helicolocellusche è stato scoperto nei sedimenti del Biota Shibantan. Questo fossile ha una struttura che ricorda le moderne spugne di vetro, ma senza componenti biomineralizzato. La superficie del fossile presenta un caratteristico disegno a riquadri, suddivisi in riquadri più piccoli, caratteristica rara in queste antiche spugne.

Alex Liuricercatore collaboratore dell’ Università di Cambridgeha evidenziato: “Il nuovo fossile misura circa 38 centimetri di lunghezza e ha una pianta corporea conica relativamente complessa, che ha sfidato molte delle nostre aspettative sull’aspetto delle prime spugne.“. Questa dimensione contrasta con l’idea iniziale che le prime spugne sarebbero state molto più piccole e più semplici in confronto.

Xiaopeng Wangricercatore post-dottorato presso Istituto di Geologia e Paleontologia di Nanchino, ha spiegato che questo modello suggerisce che il fossile sarebbe correlato a una specie di moderna spugna di vetro. La conferma che le prime spugne non contengono minerali nelle loro strutture dimostra perché è così raro trovare fossili anteriori al XIX secolo. Periodo Cambriano.

Un’analisi filogenetica composta da dati morfologici di animali estinti ed esistenti ha portato alla conclusione che Helicolocellus Appartiene al gruppo della corona delle spugne, particolarmente imparentato con la esattinellidi o spugne di vetro. Ciò suggerisce che gli antenati delle spugne moderne probabilmente utilizzavano materiali organici nelle loro strutture prima di evolversi verso componenti biologici silicei nel periodo Cambriano.

La scoperta dell’helicolocellus potrebbe ispirare nuovi materiali leggeri basati su design naturali (Yuan Xunlai)

Questi risultati non solo colmano un’enorme lacuna nella documentazione fossile, ma collegano anche l’enigmatico biota di Ediacarano con gli animali del Cambriano, dimostrando una continuità tra questi due stadi evolutivi. I risultati potrebbero incoraggiarci a rivedere altri reperti fossili del periodo Ediacarano ed esplorare siti fossili meno studiati a livello globale.

L’importanza della scoperta di Helicolocellus Sta anche nel suo impatto oltre la paleontologia. Jorge Ortega, paleontologo indipendente, ha commentato: “Questa scoperta mette in discussione le nozioni esistenti sui tempi della biomineralizzazione nelle spugne e in altri primi animali. “. Inoltre, questa scoperta potrebbe ispirare progressi nei materiali biomimetici, motivando lo sviluppo di materiali leggeri e durevoli basati sui primi progetti naturali.

Le prossime indagini, secondo gli scienziati coinvolticontinueranno a cercare di comprendere meglio la diversità e la complessità della vita precambrianaesaminando al contempo nuovi reperti fossili che potrebbero fornire una visione più chiara del patrimonio biologico del pianeta.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Huge Ark: Survival Ascended Mod rende gli oceani più pericolosi che mai
NEXT Bloodborne su PlayStation 5? La traccia entusiasma i fan del gioco FromSoftware