La NASA prevede di creare una stella artificiale e inviarla nello spazio

La stella artificiale creata dalla missione Landolt servirà da punto di riferimento. Foto NASA
La stella artificiale creata dalla missione Landolt servirà da punto di riferimento. Foto: NASA.

La NASA intraprenderà una missione rivoluzionaria per lanciare una stella artificiale nello spazio, con l’obiettivo di migliorare la precisione delle misurazioni astronomiche.

Questa missione, chiamata Landolt, coinvolge un dispositivo delle dimensioni di un tostapane, dotato di otto laser. La sua funzione principale è simulare la luce delle stelle e di altri oggetti celesti, come le supernove, dirigendo i raggi laser verso strumenti sulla Terra.

Missione Landolt

La missione Landolt del valore di 19,5 milioni di dollaricerca di aiutare gli scienziati a ottenere misurazioni più precise delle stelle reali.

I ricercatori ritengono che i dati raccolti potrebbero anche contribuire allo studio dell’energia oscura, la forza misteriosa che si ritiene guidi l’espansione accelerata dell’universo.

David Ciardi, vicedirettore dell’Exoplanet Science Institute della NASA e astronomo del Caltech, ha sottolineato l’importanza della missione. Ha spiegato che gli strumenti attuali possono misurare la luminosità effettiva delle stelle solo con un margine di errore di pochi punti percentuali..

Lo scopo della missione Landolt migliorare questa precisione più di dieci volteche migliorerà la nostra comprensione delle stelle e dei pianeti che orbitano attorno ad esse.

Misurazioni accurate della luminosità stellare sono fondamentali per comprendere meglio questi mondi lontani e il loro potenziale di ospitare la vita.

La missione prende il nome dal defunto astronomo Arlo Landolt, noto per i suoi ampi cataloghi di luminosità stellare, che sono una pietra miliare dell’astronomia dal 1973.

Daniel Huber, astronomo associato e professore all’Università delle Hawaii, ha notato l’impatto duraturo di Landolt sulla comunità astronomica.

La stella artificiale creata dalla missione Landolt servirà da punto di riferimento. Confrontando la loro luminosità conosciuta con quella di stelle distanti, gli scienziati possono sviluppare nuovi cataloghi più accurati della luminosità stellare. Anche se la stella artificiale non sarà visibile ad occhio nudo, potrà essere osservata attraverso un telescopio.

Oltre a migliorare le misurazioni stellari, la missione Landolt mira a migliorare la nostra comprensione dell’espansione dell’universo.

La stella artificiale creata dalla missione Landolt servirà da punto di riferimento. Foto NASALa stella artificiale creata dalla missione Landolt servirà da punto di riferimento. Foto NASA
La stella artificiale creata dalla missione Landolt servirà da punto di riferimento. Foto: NASA.

Ecco come procede il progetto Landolt

Studiando la luminosità delle stelle distanti, i ricercatori sperano di ottenere informazioni sull’energia oscura, uno dei misteri più importanti dell’astronomia odierna.

Il lancio della navicella spaziale che trasporta la stella artificiale è previsto per il 2029. Orbiterà attorno alla Terra ad un’altitudine geostazionaria di 35785,373 chilometriche gli permetterà di rimanere fisso su un unico punto della superficie del pianeta.

Jamie Tayar, assistente professore di astronomia presso l’Università della Florida e membro del team della missione, ha sottolineato l’importanza fondamentale della missione.

Ha osservato che l’obiettivo è determinare se altri pianeti in orbita attorno ad altre stelle potrebbero avere condizioni adatte alla vita, come gli oceani. Per ogni stella è fondamentale sapere esattamente quanta energia emette e la distanza precisa del pianeta dalla stella.

Fornendo misurazioni più precise della luminosità stellare, la missione Landolt contribuirà alla nostra comprensione delle condizioni necessarie per la vita su altri pianeti. Questo sforzo rivoluzionario rappresenta un importante passo avanti nella nostra ricerca per svelare i misteri del cosmo.

Per saperne di più: Orgoglio colombiano: Diana Trujillo come direttrice di volo della NASA.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Rivelano che i Neanderthal non si sono estinti, sono stati assorbiti dagli esseri umani
NEXT Queste sono le tue 5 migliori offerte tecnologiche