Il telescopio spaziale James Webb e una sorprendente fotografia della Nebulosa del Granchio

Il telescopio spaziale James Webb e una sorprendente fotografia della Nebulosa del Granchio
Il telescopio spaziale James Webb e una sorprendente fotografia della Nebulosa del Granchio

02/10/2021 Ricostruzione 3D del resto della Nebulosa del Granchio visto dalla Terra (a destra), e da un altro punto di vista che mostra la sua morfologia a forma di cuore (a sinistra). POLITICA RICERCA E TECNOLOGIA T. MARTIN, D. MILISAVLJEVIC E LAURENT DRISSEN

Era l’anno 1054 quando diversi astronomi cinesi videro come un nuovo oggetto apparve nel cielo che non era mai stato osservato prima. Lo chiamavano una “guest star”.

I libri dicono che gli esperti non sapevano cosa fosse, ma brillava così intensamente che poteva essere facilmente visto ad occhio nudo, anche di giorno. Solo il Sole e la Luna erano più luminosi. Nel cielo brillò luminoso come Giove per quasi un mese, prima di affievolirsi gradualmente nel corso di due anni, fino a diventare invisibile.

Quel fenomeno da loro osservato era una supernova (è la grande esplosione di una stella) che avrebbe prodotto quella che oggi è conosciuta come la Nebulosa del Granchio, una nuvola di detriti lanciata nello spazio da una stella morente distante circa 6.500 anni luce nella costellazione del Toro.

La Nebulosa del Granchio è stata oggetto di studio dagli anni ’50 e ’60, quando si scoprì che possiede forti campi magnetici ed emette raggi X energetici, oltre a potenti onde radio. (VASO)

Ora, una nuova importante osservazione effettuata dal potente telescopio spaziale James Webb fornisce definizioni squisite di questo oggetto cosmico come mai osservato prima. Per la prima volta possiamo vedere le strutture simili a gabbie formate da innumerevoli granelli di polvereche sono visti in modo particolarmente prominente come materiale soffice magenta nelle regioni superiori e inferiori dell’immagine della nebulosa.

A differenza di altri resti di supernova, dove la polvere domina le regioni centrali, gran parte del deposito di polvere è racchiuso nei filamenti dello strato esterno, dicono gli astronomi.

“La Nebulosa del Granchio onora una tradizione in astronomia: gli oggetti più vicini, più luminosi e meglio studiati tendono ad essere strani”, Nathan Smith dello Steward Observatory dell’Università dell’Arizona, che ha pubblicato uno studio scientifico su Le lettere del diario astrofisico.

Il telescopio spaziale James Webb ha fornito nuove immagini dettagliate della Nebulosa del Granchio, che mostrano strutture di polvere simili a gabbie, un fenomeno che incuriosisce gli astronomi da decenni. (VASO)

“La Nebulosa del Granchio è i resti in espansione di una stella esplosa come supernova. Questa esplosione fu vista nel 1054 come una luminosa “nuova stella”. Tuttavia, la nebulosa stessa fu scoperta da Charles Bevis nel 1731, e fu riscoperta indipendentemente da Charles Messier nel 1758. Messier stava cercando comete quando osservò la nebulosa. Lo inserì come prima voce nel suo famoso catalogo di oggetti dello spazio profondo, ed è noto come “Messier 1” o “M1”. Nel 1844 Lord Rosse la chiamò Nebulosa del “Granchio”, perché la sua forma ricorda le zampe di un crostaceo. Solo nel 1928 Edwin Hubble propose, per la prima volta, di associare questa nebulosa all’antica esplosione di supernova. Nel 1939 gli astronomi confermarono che questa formazione è ciò che rimane della stella esplosa nel 1054″, spiega il VASO su questo oggetto spaziale.

Negli anni ’50 e ’60, gli astronomi scoprirono che la Nebulosa del Granchio possedeva forti campi magnetici e che scaricava anche raggi X energetici e le onde radio più forti conosciute per un oggetto astronomico.

Ma cosa produceva questa potente radiazione? La risposta fu trovata nel 1968: un oggetto ultradenso, una stella di neutroni, si trova al centro della nebulosa. È conosciuta come la “pulsar del granchio” ed è uno dei primi oggetti del suo genere ad essere scoperti.

La Nebulosa del Granchio è ciò che resta dell’esplosione di una supernova che contiene una pulsar al centro. (NASA/CXC/ASU/J. HESTER ET AL.)

Sia l’energia dell’esplosione della supernova che quella della pulsar del Granchio mantengono la radiazione della nebulosa praticamente su tutto lo spettro elettromagnetico. La maggior parte di questa energia ci raggiunge sotto forma di radiazioni invisibili all’occhio umano, ma possono essere rilevate utilizzando i telescopi.

Da quando è esplosa come supernova, il guscio di materiale della stella si è espanso a circa 900 miglia (1.500 chilometri) al secondo e Ora ha un diametro di circa 11 anni luce.

La Nebulosa del Granchio è un oggetto ben studiato grazie alla sua vicinanza cosmica; Tuttavia, nonostante decenni di osservazioni, i dettagli specifici dell’esplosione rimangono sfuggenti.

Il cuore del Granchio è ora governato da una pulsar in rapida rotazione (NASA Photo Video)

Come la maggior parte delle stelle massicce, verso la fine della loro vita, la stella nel cuore della Nebulosa del Granchio potrebbe aver iniziato la sua morte quando ha iniziato a produrre ferro. A differenza di altri elementi prodotti durante la fusione nucleare (il processo che alimenta le stelle, che fonde l’idrogeno in elementi più pesanti), il ferro richiede più energia di quanta ne rilascia, il che significa che la stella ha finito per soccombere alla propria gravità e collassare su se stessa.

Il cuore del Granchio è ora governato da una pulsar in rapida rotazionevisto nell’immagine di Webb come un punto bianco brillante al centro, da cui emergono linee di campo magnetico come sottili nastri blu che ondeggiano secondo uno schema ondulatorio.

Sebbene il Granchio sia stato studiato approfonditamente per decenni, gli astronomi hanno ancora molto da imparare. Le osservazioni a varie lunghezze d’onda hanno già fornito grandi informazioni su questo corpo stellare, situato a 6.500 anni luce di distanza, nella costellazione del Toro. Ma c’è ancora molto da scoprire.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’iPhone 15 è ad un prezzo ridicolo con uno sconto di 314 euro
NEXT MSI Claw è protagonista di un’offerta imperdibile