I pipistrelli raggiungono i 900 battiti al minuto quando volano

La frequenza cardiaca dei pipistrelli raggiunge circa 900 battiti al minuto durante il volo, rispetto ai soli 6 quando questi animali sono a riposo.

I ricercatori dell’Istituto Max Planck per il comportamento animale e dell’Università di Costanza hanno studiato con un metodo speciale i pipistrelli nottole maschi, che si trovano in tutta Europa. Il loro obiettivo era capire esattamente quanta energia consumano i pipistrelli durante il giorno e come questa quantità cambia durante l’anno.

Per scoprirlo, gli scienziati hanno dotato i pipistrelli di piccoli trasmettitori di frequenza cardiaca che pesano solo 0,8 grammi. Come negli esseri umani, la frequenza cardiaca può essere utilizzata per determinare il consumo di energia. I trasmettitori, che i pipistrelli hanno indossato per alcuni giorni, inviano un segnale audio del battito cardiaco dei pipistrelli, che viene poi registrato da un ricevitore radio. Tuttavia, questo funziona solo se il ricevitore si trova a poche centinaia di metri dai pipistrelli.

Utilizzando le registrazioni uniche dei battiti cardiaci, gli scienziati hanno scoperto strategie affascinanti che i pipistrelli utilizzano per pianificare il consumo di energia nelle diverse stagioni. Hanno scoperto che i pipistrelli nottole comuni maschi consumano fino al 42% in più di energia in estate rispetto alla primavera. Ciò è dovuto soprattutto al fatto che in primavera i pipistrelli entrano in una sorta di breve letargo diurno, il cosiddetto “torpore”, uno stato di risparmio energetico in cui la frequenza cardiaca può essere ridotta a sei battiti al minuto. “Abbiamo visto che i pipistrelli in primavera erano in grado di aumentare la loro frequenza cardiaca al risveglio, raggiungendo la frequenza massima di 900 battiti al minuto in pochi minuti”, spiega in una nota l’autrice principale dello studio, Lara Keicher.

Il team è rimasto sorpreso dal fatto che i pipistrelli maschi non entrassero affatto in torpore in estate. “Nei mesi più caldi, quando il cibo è abbondante, i maschi rimangono svegli durante il giorno per investire energia nella produzione di sperma ed essere pronti per l’accoppiamento in autunno.” Per ricostituire l’energia spesa, i maschi cacciano il doppio del tempo in estate che in primavera e mangiano fino a 33 coleotteri di giugno o più di 2.500 zanzare in una notte.

I risultati hanno fornito informazioni sulle sfide energetiche dei pipistrelli e sulle loro affascinanti strategie di sopravvivenza. Questa conoscenza ci consentirà di prevedere meglio come fluttuazioni di temperatura sempre più estreme o cambiamenti nella disponibilità di cibo influenzeranno la vita degli animali e potenzialmente li minacceranno.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Motorola lancia il cellulare con intelligenza artificiale e schermo pieghevole con Falabella
NEXT Jigsaw consente ad Altitude di combattere i contenuti terroristici su piattaforme online più piccole