I partecipanti al forum Skift Aviation condividono approfondimenti su 4 sfide chiave

Questo contenuto sponsorizzato è stato creato in collaborazione con un partner Skift.

Skift Take

Quali questioni chiave si trova ad affrontare il settore aereo mentre entriamo nella fase successiva del viaggio? Abbiamo intervistato esperti del settore dell’aviazione e delle compagnie aeree durante lo Skift Aviation Forum di quest’anno per ottenere informazioni sulle loro prospettive uniche su ciò che il futuro riserva al settore.

— AIG

Tutti gli occhi sono puntati sul 2024 per le compagnie aeree e l’industria aeronautica. Secondo l’International Air Transport Association (IATA), il prossimo anno il traffico passeggeri in tutto il settore tornerà ai livelli del 2019. Il direttore generale della IATA, Willie Walsh, afferma che mentre le previsioni sull’evoluzione del numero dei passeggeri danno buoni motivi per essere ottimisti, l’industria aeronautica deve ancora affrontare sfide significative.

Durante il recente Skift Aviation Forum, abbiamo intervistato il nostro pubblico di oltre 250 dirigenti del settore dei viaggi e delle compagnie aeree per raccogliere le loro opinioni su quattro sfide importanti che il settore si trova ad affrontare all’inizio del 2024. Gli esperti hanno valutato argomenti che vanno da quelli critici le sfide che riguardano l’adozione sostenibile del carburante per l’aviazione, il panorama in evoluzione dei viaggi aziendali, la serie unica di ostacoli che mettono alla prova la resilienza delle compagnie aeree dell’America Latina. Continua a leggere per acquisire una comprensione più approfondita dei principali sviluppi che modellano la traiettoria dell’industria aeronautica.

La dura battaglia per l’adozione di carburante sostenibile per l’aviazione

Oggi, l’aviazione rappresenta l’11% delle emissioni statunitensi legate ai trasporti. Il carburante sostenibile per l’aviazione – un carburante alternativo ottenuto da materie prime rinnovabili e di scarto – rappresenta una grande promessa per ridurre l’impatto ambientale dell’industria aeronautica. Nel settembre 2021, la Casa Bianca ha lanciato una “Grande Sfida”, cercando di aumentare la produzione di carburante sostenibile per l’aviazione a 3 miliardi di galloni entro il 2030 e fissando l’obiettivo di produrre abbastanza carburante per soddisfare il 100% della domanda di carburante per aerei commerciali entro il 2050.

Nel nostro sondaggio, il 33% dei dirigenti del settore aeronautico ha affermato di ritenere che le compagnie aeree saranno in grado di raggiungere l’obiettivo dello zero emissioni entro il 2050. Tuttavia, il 67% degli intervistati non crede che le compagnie aeree stiano adottando questa alternativa verde abbastanza velocemente.

Questo gruppo riconosce che ci sono diverse sfide che le compagnie aeree devono affrontare. In primo luogo, i costi di produzione sostenibile del carburante per l’aviazione superano il tradizionale carburante per aerei. Le compagnie aeree devono collaborare con i produttori di biocarburanti e cercare incentivi governativi per ridimensionare la produzione e ridurre i costi. Inoltre, anche la tecnologia rappresenta un ostacolo, poiché richiede investimenti per semplificare processi produttivi complessi.

Il panorama in evoluzione dei viaggi aziendali

Prima della pandemia, i viaggi aziendali erano la gallina dalle uova d’oro del settore dei viaggi. Tuttavia, poiché le aziende statunitensi stanno ancora lavorando per convincere i dipendenti a tornare in ufficio, le prenotazioni sono rimaste stagnanti.

La visione più pessimistica sui viaggi aziendali è stata sostenuta dal 26% degli esperti del settore aereo, i quali ritengono che questo segmento non raggiungerà mai i livelli pre-pandemia. Un altro 43% riconosce che il segmento sta crescendo – lentamente – prevedendo che ci vorrà più del 2025 per tornare completamente. Solo il 30% ritiene che i viaggi aziendali torneranno completamente entro il 2024.

Diversi fattori contribuiscono a ridurre il peso dei viaggi aziendali. L’aumento del lavoro a distanza e delle riunioni virtuali ha ridotto la necessità di lunghi viaggi d’affari. Le persone sono anche meno propense a viaggiare per lavoro, con il 39% che afferma che preferirebbe non fare mai un altro viaggio di lavoro.

--

Anche se al momento il quadro dei viaggi aziendali resta oscuro, è chiaro che non scomparirà del tutto. Dobbiamo semplicemente riconoscere che la composizione del segmento dei viaggi aziendali sta cambiando, offrendo al settore l’opportunità di interagire con i nuovi viaggiatori d’affari in modi innovativi.

Cinque disgregatori nella navigazione nei cieli futuri

Il prossimo anno riserva una miriade di sfide per il settore aereo. La preoccupazione più significativa tra gli esperti del settore riguarda il personale e gli ostacoli operativi, con il 57% dei partecipanti allo Skift Aviation Forum che lo citano come la questione più critica. Molti vettori devono ancora far fronte alla carenza di personale qualificato, in particolare piloti e addetti alla manutenzione, rendendo difficile soddisfare la domanda di viaggi aerei a causa di interruzioni del servizio, cancellazioni di voli e tempi di consegna più lunghi.

Al secondo posto, con il 14% delle risposte ciascuno, si collocano le preoccupazioni per i colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento e l’aumento dei prezzi del carburante. I problemi della catena di fornitura incidono sui programmi di manutenzione e sulla disponibilità della flotta, mentre l’impennata dei prezzi del petrolio incide sui costi operativi delle compagnie aeree, facendo aumentare i prezzi dei biglietti e comprimendo i margini di profitto.

Con l’escalation di guerre e disordini civili che si verificano in tutto il mondo, i conflitti politici e le tensioni geopolitiche rappresentano la principale preoccupazione per l’11% dei decisori delle compagnie aeree. Solo il 4% dei partecipanti considera la sostenibilità la questione più critica che le compagnie aeree dovranno affrontare nel 2024.

Turbolenze che colpiscono le compagnie aeree dell’America Latina

La IATA prevede che le compagnie aeree dell’America Latina perderanno 1,4 miliardi di dollari quest’anno. Cosa sta causando questa turbolenza nella redditività?

La maggioranza degli esperti del settore intervistati, il 69%, ritiene che l’ostacolo più significativo che le compagnie aeree latinoamericane devono affrontare sia l’infrastruttura aeroportuale inadeguata. Strutture obsolete, terminal sovraffollati e capacità limitata ostacolano l’efficienza operativa e si traducono in esperienze non ottimali per i passeggeri.

E sebbene la domanda leisure rimanga forte, non compensa del tutto l’assenza di viaggi aziendali ad alto rendimento. Secondo il 23% dei dirigenti del settore aeronautico, le compagnie aeree latinoamericane devono trovare soluzioni per mantenere una forte domanda senza viaggi aziendali. Devono diversificare le loro fonti di reddito e puntare a nuovi segmenti per generare flussi di reddito più stabili.

La mancanza di consolidamento all’interno del settore aereo latinoamericano è stata considerata la sfida principale dall’8% della leadership del settore. Il mercato frammentato dell’America Latina limita le economie di scala e il potere contrattuale. Il consolidamento può portare a vantaggi quali risorse condivise e risparmi sui costi, particolarmente cruciali nel loro mercato competitivo e sensibile ai costi.

Tracciare una rotta per il futuro dell’aviazione

Mentre il settore aereo affronta queste molteplici sfide nel prossimo anno, è chiaro che la resilienza e l’adattabilità sono essenziali. Andare avanti con uno spirito di collaborazione, innovazione e pianificazione strategica sarà fondamentale per aprire la strada a un futuro più sostenibile e dinamico per l’aviazione. Lavorando insieme, l’industria può superare con successo queste sfide, raggiungendo nuovi traguardi mentre diamo forma al futuro dei viaggi aerei.

Questo contenuto è stato creato in collaborazione da AIG e dallo studio di contenuti brandizzati di Skift, SkiftX.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

-

PREV L’impegno statunitense del GCF e la carta del petrolio e del gas “greenwashing”.
NEXT Van Gils batte il record scolastico di 3.000 metri indoor per evidenziare la giornata