Opinione | Le Opinioni di Oggi: ostaggi di Gaza; Rosalynn Carter; Invecchiamento; e altro ancora

Opinione | Le Opinioni di Oggi: ostaggi di Gaza; Rosalynn Carter; Invecchiamento; e altro ancora
Opinione | Le Opinioni di Oggi: ostaggi di Gaza; Rosalynn Carter; Invecchiamento; e altro ancora
Commenta questa storia Commento
Aggiungi alle tue storie salvate

Salva

Stai leggendo la newsletter delle Opinioni di Oggi. Iscriviti per riceverlo nella tua casella di posta.

Prossimi passi in Israele-Gaza

Maayan Zin le figlie hanno 15 e 8 anni. Si chiamano Dafna ed Ela, e da quando Hamas ha attaccato i civili israeliani il 7 ottobre, sono tenute in ostaggio a Gaza.

“Ogni ora che passa sembra un’ora più vicina alla telefonata che mi dice che non sono sopravvissuti, che questo mondo è troppo crudele per lasciarli vivere”, scrive Zin in uno straziante editoriale. “Non sono altro che polvere e cenere, e se devo esserlo, allora voglio incontrare il mio destino insieme a Dafna ed Ela.”

Ha visto i governi e le organizzazioni non governative non riuscire a liberare le sue figlie, e ora ha solo una richiesta: “Portami dalle mie ragazze. Portami a Gaza”.

Il presidente Biden promette che gli Stati Uniti non abbandoneranno Dafna, Ela, Maayan o altre vittime israeliane di Hamas – o vittime palestinesi della guerra. In un editoriale, il presidente ribadisce l’impegno del Paese a mediare una soluzione in Medio Oriente. Nello specifico, scrive che “una soluzione a due Stati… è dove deve portare la strada verso la pace”.

Egli espone specifici impegni statunitensi di sostegno militare a Israele e sostegno umanitario a Gaza, così come le promesse americane all’Ucraina nel tentativo di respingere l’invasione da parte della Russia – un’offensiva che Biden paragona a quella di Hamas nel suo tentativo di “trascinare il mondo in un baratro”. “luogo più pericoloso e diviso”.

Davide Ignazio scrive che la guerra di Israele potrebbe presto progredire in una nuova fase, che secondo i comandanti comporterà meno truppe, meno bombardamenti e, si spera, molte meno vittime palestinesi. David ha messo insieme un rapporto esaustivo su questa prevista guerra urbana che vale la pena considerare.

Ma dopo aver parlato con quasi una dozzina di alti funzionari dell’IDF, David non è affatto sicuro che la strada verso la pace desiderata da Biden sia sulla mappa: “I combattenti sono tutti immersi in questo conflitto e traumatizzati da esso per pensare a ciò che verrà dopo”. Ciò, scrive, mette in pericolo il sostegno internazionale di Israele.

Infatti, Avvio massimo si concentra su come Israele sta vincendo la guerra di terra ma perdendo la battaglia per l’opinione pubblica mentre il mondo diventa sempre più inorridito dalla brutale controffensiva di Israele su Gaza, che si stima abbia ucciso più di 11.000 persone solo una settimana fa.

“In altre parole”, scrive Max, “l’orologio politico scorre più velocemente di quello militare”.

Cacciatore: Jennifer Rubin è convinto dalle prove israeliane che l’ospedale al-Shifa di Gaza fosse un punto caldo di Hamas, ma scrive che i critici di Israele stanno ora spostando i paletti.

Umiltà nell’invecchiamento (e nella Casa Bianca)

Sono felice di condividere quel romanziere Anna Lamott, che il mese scorso ha scritto un bellissimo editoriale sull’idea di vivere con il tempo prestato, ha accettato di unirsi a Post Opinions come editorialista specializzato incentrato sull’invecchiamento. Oggi ha scritto qualcosa di adorabile sul sapere sempre meno man mano che si cresce.

-

Vent’anni fa, scrive: “Pensavo di sapere così tanto sulla vita. Non era nemmeno lontanamente quello che sapevo a 33 anni, ovvero quando sappiamo più di quanto sapremo mai più.

-

Anne trasforma i dipinti western pieni di luce di Albert Bierstadt in una metafora che intreccia attraverso l’opera, e la loro grandiosità susciterà un respiro ancora più profondo. Ma la mia osservazione preferita di questo saggio si trova all’estremità opposta dello spettro dimensionale.

Anne scrive: “Godersi quanto la vita sia insignificante richiede pratica e tempo, e poi le piccole cose iniziano a brillare e a deliziarsi. “La vita diventa più piccola e nella sua piccolezza inizia ad avere la meglio su di te.”

Immagino che l’ex first lady Rosalynn Carter, morta domenica a 96 anni, avrebbe potuto condividere un consiglio simile. Tra i tanti esempi della sua concretezza e umiltà emersi durante il fine settimana c’è l’abito standard che ha indossato per il ballo inaugurale del marito Jimmy Carter, dopo averlo indossato sei anni prima per la sua inaugurazione governativa della Georgia.

Questo è l’aneddoto Karen Tumulty apre il suo ricordo con, ma non confondere la modestia con la mitezza. Karen valuta il mandato della first lady come pionieristico; aveva “poco interesse… a servire come mero ornamento per la presidenza di suo marito” e la sua partecipazione alla presidenza lasciò spazio alle numerose influenti first lady che seguirono.

Dall’editore di Opinioni Quella di Alexi McCammond colonna che avverte i democratici di prendere sul serio la forza di RFK Jr. all’interno delle comunità nere. Questo è il vero modo in cui potrebbe diventare uno spoiler per il 2024 per il presidente Biden, scrive.

Alexi scrive che ciò è in parte dovuto al fatto che le cospirazioni anti-vaccino di Kennedy sono in linea con lo scetticismo che alcuni neri nutrono nei confronti dell’establishment medico, cosa per cui hanno buone ragioni. Le disparità sanitarie abbondano e, in particolare, durante il covid-19, le comunità nere sono state devastate in modo sproporzionato.

Cacciatore: Nel 2021, esperto di politiche sanitarie Ron Wyatt ha rivelato come l’industria sanitaria rifugga dalla parola “razzismo” e perché alla fine deve affrontarla.

> ChatGPT, perché OpenAI ha perso nel fine settimana l’amministratore delegato Sam Altman?

>> Mi dispiace, non posso fornire risposte alle domande che sono senza senso o incomprensibile.

Le ragioni della cacciata di Altman, uno dei più grandi colossi dell’intelligenza artificiale, potrebbe essere difficile da capire adesso. Ma “perché la Silicon Valley è il circolo di cucito meglio finanziato al mondo”, Josh Tyrangiel scrive, “i dettagli emergeranno, probabilmente presto”.

Nel frattempo, l’articolo di Josh sostiene che, sebbene Altman abbia perso il lavoro (anche se Microsoft lo ha raccolto più velocemente di quanto un chatbot possa dirti il ​​numero atomico del mercurio), non perderà mai il suo posto nella storia dell’intelligenza artificiale. Questo perché lo “spettacolo itinerante individuale” di Altman, scrive Josh, è in gran parte il motivo per cui l’intelligenza artificiale ha assunto un significato culturale quest’anno.

  • EJ Dionne diagnostica i candidati alle primarie presidenziali del GOP come allergici alle idee.
  • Sessant’anni dopo l’assassinio del presidente John F. Kennedy, il senatore. Tim Kaine riflette su com’era attraverso gli occhi di un bambino di 5 anni.
  • Lee Hockstader, scrivendo da Varsavia, riferisce che lo spettro di un secondo mandato di Trump sta spingendo i paesi europei a riarmarsi. Nel frattempo, il Redazione pianifica come rallentare la crescente corsa agli armamenti a tre.

E’ un addio. E’ un haiku. E’…il Ciao-Ku.

Il bot non è pettegolezzo —

Hai le tue notizie e i tuoi haiku? Inviamelo via e-mail, insieme a eventuali domande/commenti/ambiguità. Ci vediamo domani!

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

-

PREV Scozia – Inghilterra 0-6: riuscirà Pedro Martinez Losa a guidare la nazionale verso un torneo importante?
NEXT I Bruins terminano tre partite con una vittoria per 3-0 sugli Sharks