Il processo di rimozione degli onori dell’Australia Day rimane opaco

Il processo di rimozione degli onori dell’Australia Day rimane opaco
Il processo di rimozione degli onori dell’Australia Day rimane opaco

Le agenzie e i ministri stanno ancora giocando alla patata bollente, la cui responsabilità è preservare l’integrità del sistema di onorificenza dell’Australia Day.

Sulla scia del coinvolgimento di Kathryn Campbell nello scandalo dei debiti robotici e della caduta in disgrazia dell’ex ministro degli Interni Mike Pezzullo, ci sono state forti voci a Canberra sulla possibilità o meno di ricoprire il merito.

Ad entrambi è stato tagliato senza tante cerimonie il paracadute d’oro dal governo, dopo che l’opinione pubblica si è rivoltata contro i due alti burocrati della base del servizio pubblico e della classe politica.

Campbell è stato nominato Ufficiale dell’Ordine dell’Australia, premiato nel gennaio 2019 per “servizi distinti alla pubblica amministrazione attraverso ruoli di alto livello presso i dipartimenti governativi e l’Australian Army Reserve” e una Cospicuous Service Cross nel 2022.

Pezzullo è stato nominato Ufficiale dell’Ordine dell’Australia nel 2020 per “il servizio distinto alla pubblica amministrazione attraverso ruoli di leadership nei settori della sicurezza nazionale, del controllo delle frontiere e dell’immigrazione”.

L’Ufficio del Governatore Generale è responsabile dell’emissione e della rimozione degli onori dell’Australia Day, tra cui la Medaglia del Servizio Pubblico (PSM) e l’Ordine dell’Australia. La convenzione prevede che le selezioni per i premi si basino sul parere dell’autorità raccomandante.

Per l’Ordine d’Australia, questo è il Consiglio dell’Ordine d’Australia. Per il PSM si tratta di un consiglio espresso dai governi del Commonwealth, degli Stati o dei territori.

Questo processo è coordinato dall’Ufficio del Primo Ministro e del Gabinetto (PMC). Il governatore generale ha l’autorità di revocare questi premi, ma la convenzione è stata stipulata su richiesta del ministro o dipartimento competente tramite PMC.

Lo ha detto un portavoce del Segretariato per gli Onori e i Premi del Governatore Generale Il Mandarino il 25 marzo che non avrebbero preso in considerazione la rimozione degli onori dell’Australia Day senza una raccomandazione trasmessa loro dall’autorità raccomandante, quattro giorni prima che fosse rivelata l’azione di notizie per rimuovere quella di Pezzullo.

“Le informazioni possono essere portate all’attenzione del segretariato delle onorificenze e dei premi, che indaga a fondo su tutte le questioni portate alla sua attenzione, sia da membri del pubblico, dai resoconti dei media o attraverso le proprie ricerche, e fornisce tali informazioni al consiglio”, ha aggiunto. ha detto il portavoce.

“Dopo un’adeguata considerazione e seguendo i processi delineati nell’ordinanza di cessazione e cancellazione, il consiglio può raccomandare un’azione appropriata al governatore generale.

“L’assegnazione del PSM può anche essere annullata… Ciò accadrebbe se l’autorità che lo ha raccomandato originariamente avesse informato il governatore generale di ciò.

“Il segretariato, in passato, ha portato all’attenzione dell’autorità di raccomandazione originaria potenziali problemi relativi ai destinatari affinché li prendessero in considerazione. Nessuna azione relativa all’assegnazione o alla cancellazione del PSM verrebbe effettuata senza il parere dell’autorità raccomandante competente”.

Per quanto riguarda Pezzullo e Campbell, la segreteria dei premi e delle onorificenze ha affermato di non commentare i singoli casi e di non aver fatto alcun annuncio.

Sulla scia delle recenti speculazioni secondo cui Pezzullo sta per essere privato dei suoi onori, i commentatori conservatori si sono precipitati in sua difesa, dicendo che “la punizione non è adeguata al crimine” e che si tratta di una decisione “infantile” o politica.

Ci sono stati anche tentativi da parte dei sostenitori di Pezzullo di minimizzare il significato delle sue azioni, evidentemente dandogli un lasciapassare per il suo ruolo nell’Operazione Confini Sovrani.

Un’indagine dell’APSC ne ha raccomandato la rimozione dall’incarico di ministro degli Interni sulla base della violazione del codice di condotta almeno 14 volte. Ciò includeva la politicizzazione del suo ruolo di servizio pubblico, l’abuso di potere a vantaggio personale e la mancata divulgazione dei conflitti di interessi.

Ma, come notato, i ministri del governo non hanno l’autorità di rimuovere un’onorificenza per l’Australia Day, né è convenzione per loro formulare raccomandazioni alla segreteria premi sulla rimozione di un AO. Ciò potrebbe essere fatto solo dall’Ufficio del Governatore Generale, che ha affermato che non prenderà tale decisione unilateralmente.

Nel caso di un PSM, PMC ha detto che spetterà al ministro competente formulare raccomandazioni sulla rimozione dei premi di qualcuno.

Hanno notato che anche in questo caso il potere ultimo di rimuovere le onorificenze spetta al governatore generale, non al PMC o al ministro.

Ai sensi della sezione 9(1) del Regolamento sulle medaglie del servizio pubblico del 1989, il governatore generale può annullare o ripristinare l’assegnazione della PSM”, ha affermato.

“Laddove il governatore generale abbia acconsentito alla cancellazione di un PSM, la notifica sarà resa disponibile nelle gazzette del Commonwealth”.

Sia il ministro degli Interni Clare O’Neil che il ministro della Difesa Richard Marles sono stati contattati per un commento il 25 marzo ma non hanno risposto prima della pubblicazione.


PER SAPERNE DI PIÙ:

Riprogettazione del quadro delle prestazioni APS SES discussa dai segretari

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il maltempo potrebbe minacciare il recupero del crollo del Key Bridge e gli sforzi di pulizia di questa settimana
NEXT St Pauls, Killarney spera di concludere la stagione alla grande con la vittoria sugli Swords Thunder