La Nuova Zelanda avrebbe potuto vincere la finale della Coppa del mondo ODI 2019? L’arbitro Marias Erasmus ammette di aver commesso un “enorme errore”

La Nuova Zelanda avrebbe potuto vincere la finale della Coppa del mondo ODI 2019? L’arbitro Marias Erasmus ammette di aver commesso un “enorme errore”
La Nuova Zelanda avrebbe potuto vincere la finale della Coppa del mondo ODI 2019? L’arbitro Marias Erasmus ammette di aver commesso un “enorme errore”

Marais Erasmus ha recentemente chiuso il sipario sulla sua carriera da arbitro dopo aver arbitrato più di 250 partite internazionali di cricket. Il sudafricano aveva un ottimo rapporto con il giocatore di cricket internazionale, viste le sue precise decisioni in campo. Ma gli esseri umani sono destinati a commettere errori e anche l’Erasmus lo ha fatto in una partita cruciale, come la finale della Coppa del Mondo ICC 2019, che ha visto la partecipazione di Inghilterra e Nuova Zelanda.

BLOG DAL VIVO RCB vs LSG IPL 2024

Parlando con Il telegrafoErasmus ha ammesso di aver commesso un “enorme errore” nell’elettrizzante finale della Coppa del Mondo 2019 che ha visto l’Inghilterra vincere il suo primo titolo in assoluto, in un modo piuttosto controverso al Lord’s.

La squadra guidata da Eoin Morgan ha alzato l’ambito trofeo per la prima volta, superando la Nuova Zelanda sulla regola del conto alla rovescia dei confini, ora abolita, dopo che entrambe le squadre erano in parità a seguito di un Super Over. Tuttavia, la partita avrebbe potuto finire nei tempi regolamentari se gli arbitri in campo, Erasmus e Kumar Dharamsena non avessero assegnato all’Inghilterra sei punti per un rovesciamento al 50esimo over con i padroni di casa che avevano bisogno di nove punti da tre palloni.

Segui tutta l’azione da IPL 2024includendo il Programma IPL 2024 E IPL 2024 Tabella dei punti. Inoltre, controlla i giocatori che guardano IPL 2024 Berretto arancione e berretto viola IPL 2024

Dopo la conclusione della partita, i due si sono resi conto che all’Inghilterra avrebbero dovuto essere assegnati solo cinque punti poiché i battitori non si erano incrociati per il secondo punto.

“La mattina dopo (dopo la finale) ho aperto la porta della mia camera d’albergo mentre andavo a fare colazione e Kumar ha aperto la sua porta nello stesso momento e ha detto: ‘Hai visto che abbiamo fatto un errore enorme?’ È stato allora che ne sono venuto a conoscenza”, ha detto Erasmus a “The Telegraph”.

“Ma in quel momento in campo, abbiamo semplicemente detto sei, sai, ci siamo comunicati, ‘Sei, sei, sono sei’ senza renderci conto che non si erano incrociati, non era stato raccolto. Questo è tutto.”

annuncio

LEGGI ANCHE | “Non sollevare nemmeno una domanda”: un severo avvertimento per le persone che mettono in dubbio il posto di Virat Kohli nella Coppa del Mondo T20

Erasmus ha ammesso di aver commesso un altro errore nella finale giocata cinque anni fa quando ha giudicato Ross Taylor lbw su Mark Wood.

“Era semplicemente troppo alto ma avevano bruciato la loro recensione. Questo è stato il mio unico errore in tutte le sette settimane e dopo sono rimasto molto deluso perché sarebbe stato un vero e proprio capovolgimento se avessi superato l’intera Coppa del Mondo senza commettere errori e questo ovviamente ha influito un po’ sulla partita perché lui era uno dei i loro migliori giocatori”, ha aggiunto il sudafricano.

Nel corso della sua lunga carriera da arbitro, Erasmus è stato quello meno sotto pressione da parte della Nuova Zelanda, i bravi ragazzi del gioco, mentre gente del calibro di Ricky Ponting e Mahela Jayawardene cercavano di intimidire lui e i suoi colleghi.

“Loro (la Nuova Zelanda) sono sempre stati molto, molto rispettosi”, mentre Ponting e Jayawardene “hanno cercato di intimidirci. A volte era sottile, a volte non sottile”, ha inoltre detto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Aumento delle tariffe gas ed elettricità: “l’aumento che c’è in questo momento è catastrofico”
NEXT L’aggiornamento basato sul buon senso del leasing di petrolio e gas protegge i parchi e i terreni pubblici · Associazione nazionale per la conservazione dei parchi