Klaus Mäkelä, 28 anni, assumerà la direzione musicale della Chicago Symphony nel 2027

Klaus Mäkelä, 28 anni, assumerà la direzione musicale della Chicago Symphony nel 2027
Klaus Mäkelä, 28 anni, assumerà la direzione musicale della Chicago Symphony nel 2027

Klaus Mäkelä è stato assunto martedì per succedere a Riccardo Muti come direttore musicale della Chicago Symphony Orchestra e diventerà il più giovane direttore dalla sua fondazione nel 1891.

Finlandese che ha compiuto 28 anni a gennaio, Mäkelä ha avuto una sorprendente ascesa nel mondo della musica, diventando direttore ospite principale dell’Orchestra Sinfonica della Radio Svedese nel 2018-19, poi direttore principale della Filarmonica di Oslo nel 2020-21 e direttore musicale dell’Orchestra Sinfonica della Radio Svedese nel 2018-19. Orchestra di Parigi nel 2021-22. Inizierà un mandato di cinque anni come direttore principale della Royal Concertgebouw Orchestra nei Paesi Bassi nel 2027-28 dopo la scadenza dei suoi contratti in Norvegia e Francia.

Mäkelä diventerà immediatamente direttore musicale designato della CSO e inizierà un mandato quinquennale nel 2027-28, dirigendo un minimo di 14 settimane a stagione. Mäkelä sarà il più giovane direttore musicale statunitense con una grande orchestra da quando Gustavo Dudamel aveva 28 anni quando iniziò con la Los Angeles Philharmonic nel 2009.

L’ORCHESTRA DI PHILADELPHIA NOMINA MARIN ALSOP COME DIRETTORE OSPITE PRINCIPALE

“È semplicemente qualcosa a cui non penso”, ha detto Mäkelä durante un’intervista con l’Associated Press. “Quando ho iniziato ad Amsterdam mi sono ricordato che in realtà non sono nemmeno giovane, (Willem) Mengelberg aveva 24 anni quando ha iniziato.”

All’età di 28 anni, Klaus Mäkelä è stato assunto come nuovo direttore musicale della Chicago Symphony Orchestra e subentrerà nel 2027. (AP Photo/Frank Franklin II)

Muti è stato direttore musicale per 13 stagioni prima di dimettersi l’estate scorsa, prima del suo 82esimo compleanno. Mäkelä avrà 31 anni, sette mesi e 16 giorni quando inizierà a settembre. 1, 2027. Il precedente capo dell’orchestra più giovane era Frederick Stock a 32 anni, 5 mesi, 1 giorno quando fu assunto l’11 aprile 1905, per succedere al direttore musicale fondatore Theodore Thomas.

Mäkelä assumerà la direzione di un’orchestra molto più vecchia di lui. Dei 93 membri, Muti ha nominato 32 membri, Daniel Barenboim 28, mentre la maggior parte dei restanti è stata nominata Georg Solti. Il trombone principale Jay Friedman e l’arpista Lynne Turner furono assunti da Fritz Reiner, direttore musicale dal 1953 al 1962.

“Quello che mi piace della Chicago Symphony è che c’è una parte abbastanza grande che suona ancora come suonava con Reiner”, ha detto Mäkelä.

Ha guidato per la prima volta la CSO nell’aprile 2022 in un programma che includeva “L’uccello di fuoco” di Stravinsky.

“Quando dirigi un’orchestra per la prima volta, è in qualche modo una questione di chimica”, ha detto Mäkelä. “Sentivo che, ok, questa orchestra era disposta ad andare in posti con me che non avevo fatto con altre orchestre.”

Il presidente della CSO Jeff Alexander ha partecipato alla prima prova.

“Hai detto: ‘Buongiorno. Cominciamo’ e sei entrato subito nella musica”, ha ricordato Alexander durante un’intervista congiunta. “Molto spesso un direttore ospite parla, parla e parla del pezzo, ma penso che i musicisti abbiano apprezzato il fatto di mettersi al lavoro. Quindi sono rimasto per i primi 10 o 15 minuti e posso dirvi che sentivo già che c’era qualcosa di veramente speciale accadendo.”

L’ORCHESTRA FILARMONICA ISRAELE ANNUNCIA LA “HATIKVAH GLOBALE” PER ISPIRARE SPERANZA E PROMUOVERE LA PACE

Mäkelä è tornato nel febbraio 2023 per la Quinta Sinfonia di Mahler. Alexander ha quindi avviato i negoziati. L’annuncio è stato anticipato rispetto alle esibizioni di Mäkelä con la CSO questa settimana, che includevano la Decima Sinfonia di Shostakovich.

“Quando vedi Klaus dirigere, c’è una tale connessione tra lui e l’orchestra, e puoi semplicemente sentirlo, e poi tra lui e il pubblico,” ha detto Alexander.

L’assunzione di Mäkelä arriva in un momento in cui molte altre importanti istituzioni statunitensi hanno imminenti posti vacanti sul podio, tra cui la Cleveland Orchestra, la Los Angeles Philharmonic, la Los Angeles Opera e la San Francisco Symphony Orchestra. In qualità di direttore musicale di un’orchestra statunitense, il ruolo di Mäkelä includerà una componente di raccolta fondi.

“Non penso che sarà poi così drasticamente diverso dal lavoro svolto ad Amsterdam e a Parigi”, ha detto. “A Oslo abbiamo il 100% dei finanziamenti da parte dello Stato e zero sono privati, ma già ad Amsterdam sono 50-50 e c’è molto lavoro da fare, ed è anche molto nel mio interesse perché così possiamo ottenere le cose insieme se troviamo le giuste partnership.”

Mäkelä suonava il violoncello da bambino: suo padre era un insegnante di violoncello e sua madre un’istruttrice di pianoforte. Ricorda di aver assistito ai concerti del direttore d’orchestra finlandese Hannu Lintu a Helsinki e di aver deciso la sua futura vocazione quando aveva 7 anni e di cantare nel coro di bambini dell’Opera Nazionale Finlandese nella “Carmen” di Bizet. Era inchiodato mentre guardava l’autista su un monitor nel backstage.

“Sembra una storia sciocca, ma è proprio vera – da quel momento”, ha detto Mäkelä.

Studiando violoncello all’Accademia Sibelius, ha seguito un corso di direzione d’orchestra con Jorma Panula, i cui allievi hanno incluso Esa-Pekka Salonen e Susanna Mälkki. È stato incluso per la prima volta come violoncellista nella Filarmonica di Helsinki quando aveva 15 anni, poi gli è stato chiesto di dirigere. Ha diretto per la prima volta la Filarmonica di Oslo nel maggio 2018, a cui sono seguiti una serie di debutti. Ha fatto la sua prima apparizione alla Filarmonica di Berlino nell’aprile 2023 e farà il suo debutto alla Filarmonica di Vienna questo dicembre. Decca Classics lo ha ingaggiato come artista discografico esclusivo nel 2021, una rarità nella musica classica del 21° secolo.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

Con tutto il lavoro sinfonico, Mäkelä ha trovato poco tempo per l’opera, dove i soggiorni di uno o due mesi sono la norma.

Vive a Helsinki ma quest’anno non era stato lì fino alla fine di marzo. Mäkelä trascorre la maggior parte del suo tempo a Parigi e Oslo, e ottenere i punteggi nel posto giusto richiede molto tempo.

“Ho sempre FedEx, DHL e UPS e ovviamente dimentico sempre il punteggio”, ha detto. “Voglio avere i miei spartiti perché scrivo cose.”

Sta già pensando ai suoi primi programmi a Chicago.

“Deve essere qualcosa che rappresenti un inizio molto chiaro, un nuovo capitolo chiaro”, ha detto. “Deve essere musica che tenga sia me che l’orchestra un po’ all’erta, perché questa deve essere tutt’altro che una zona di comfort.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Carlota Boza, di fronte alle critiche per essere stata riconosciuta solo per ‘Quello che verrà’: “Sarebbe brutto…”
NEXT Il ribelle Omanyala risponde ai rivali americani Bednarek, Lyles e Kerley dopo lo shock di Kip Keino