Il cacciatore di esopianeti TESS della NASA riprende l’attività scientifica

Il cacciatore di esopianeti TESS della NASA riprende l’attività scientifica
Il cacciatore di esopianeti TESS della NASA riprende l’attività scientifica

MADRID, 18 aprile (STAMPA EUROPA) –

La missione TESS della NASA, che rileva gli esopianeti in transito davanti alla loro stella, è tornata al lavoro dopo aver attivato una “modalità provvisoria” l’8 aprile che ne ha interrotto l’attività.

Tutti gli strumenti sono accesi e, dopo il successo del download dei dati scientifici precedentemente raccolti e archiviati nel registratore di missione, ora stanno lavorando nuove osservazioni scientifiche. “Stiamo analizzando ciò che ha causato l’entrata del satellite in modalità provvisoria”, Lo ha riferito la NASA.

La missione TESS è un esploratore astrofisico della NASA gestito dal MIT (Massachusetts Institute of Technology). Acronimo di “Transiting Exoplanet Survey Satellite”, è stato lanciato nel 2018 per scoprire piccoli pianeti in orbita attorno a stelle luminose nel cielo notturno.

Come il suo predecessore, il telescopio spaziale Kepler, TESS identifica gli esopianeti osservando piccoli cali nella luminosità di una stella causati da un pianeta in orbita. Ma a differenza di Keplero, che si concentrò su un singolo gruppo di stelle, TESS sta conducendo un’indagine espansiva che copre quasi tutto il cielo.

Durante la sua missione primaria, durata due anni, TESS ha monitorato più di 200.000 stelle preselezionate rilevato più di 1.900 candidati esopianeti. Nel luglio 2020, TESS ha iniziato la sua prima missione estesa durante la quale continua a monitorare il nostro quartiere stellare e a identificare i pianeti che vi risiedono.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Marta Dusseldorp è entusiasta di tornare in Tasmania per la nuova stagione di Bay of Fires
NEXT AGGIORNAMENTO | Operaio di Ballito trovato vivo durante una drammatica operazione di salvataggio durata ore