Caso di omicidio di Rifat: il detenuto nel braccio della morte Minni chiede la cauzione all’HC

Caso di omicidio di Rifat: il detenuto nel braccio della morte Minni chiede la cauzione all’HC
Caso di omicidio di Rifat: il detenuto nel braccio della morte Minni chiede la cauzione all’HC

La detenuta nel braccio della morte Ayesha Siddika Minni ha presentato oggi un’altra istanza all’Alta Corte chiedendo la libertà su cauzione nel caso dell’omicidio di suo marito Rifat Sharif.

Minni, attualmente detenuta nel carcere di Kashimpur, ha presentato la petizione tramite i suoi avvocati ZI Khan Panna, Syeda Nasrin, Md Shahinuzzaman e Nazmus Sakib Tusti, sostenendo l’innocenza nell’omicidio di Rifat Sharif e affermando di aver tentato di salvarlo.

Rifat, 25 anni, un fornitore di servizi Internet, è stato violato da un gruppo di giovani, guidati dal primo imputato Nayon Bond, davanti al Barguna Government College in pieno giorno il 26 giugno 2019. Rifat è morto più tardi quel giorno al Barishal Medical College Hospital.

Un video clip del barbaro attacco a Rifat Sharif, catturato su un telefono cellulare, è diventato virale sui social media, suscitando l’indignazione del pubblico per l’inerzia degli astanti nel salvarlo.

Minni, che è stata vista nel videoclip urlare mentre cercava disperatamente di impedire ai due uomini di aggredire il marito con armi affilate, è stata nominata la prima testimone del caso.

L’avvocato ZI Khan Panna ha detto al Daily Star che l’udienza per la richiesta di cauzione di Minni si terrà quando verrà presentata in serie davanti all’HC.

In precedenza, il 16 ottobre 2022, una richiesta di cauzione simile era stata presentata all’HC ma non è stata ascoltata.

Il 4 novembre 2020, l’HC ha ammesso di aver ascoltato il ricorso presentato da Ayesha Siddika Minni contestando il verdetto del tribunale di Barguna che l’ha condannata a morte nel clamoroso caso di omicidio.

L’HC ha inoltre confermato l’ordinanza del tribunale di prima istanza che le aveva comminato una multa di 50.000 Tk nel caso.

Un tribunale di Barguna il 30 settembre 2020 ha condannato a morte sei persone, tra cui Minni, nel caso dell’omicidio di Rifat Sharif.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I Maple Leafs forzano Gara 7 vincendo 2-1 sui Bruins
NEXT L’ex aiutante Hope Hicks testimonia sul nastro “Access Hollywood”.