Proseguono per il 5° giorno le proteste della Columbia University. Cosa sappiamo delle manifestazioni filo-palestinesi.

Proseguono per il 5° giorno le proteste della Columbia University. Cosa sappiamo delle manifestazioni filo-palestinesi.
Proseguono per il 5° giorno le proteste della Columbia University. Cosa sappiamo delle manifestazioni filo-palestinesi.

NEW YORK — Proteste alla Columbia University per il Guerra Israele-Hamas è continuato per il quinto giorno consecutivo domenica, suscitando ulteriori preoccupazioni per la sicurezza di alcuni studenti nel campus.

Da allora sono state arrestate più di 100 persone proteste dentro e vicino al campus a Upper Manhattan è iniziato mercoledì.

I manifestanti filo-palestinesi sono stati critici anche nei confronti della risposta della Columbia al conflitto e hanno invitato l’università a disinvestire da Israele.

Sabato, un folto gruppo di manifestanti si è radunato davanti ai cancelli dell’università, mentre gli studenti manifestanti sono tornati sul prato principale del campus. Secondo la polizia di New York altre quattro persone sono state arrestate e rilasciate con mandato di comparizione.

Il giorno prima, i manifestanti erano distesi nei sacchi a pelo e su stuoie con striscioni e bandiere palestinesi stesi intorno a loro.

Studenti di altri college, tra cui l’Università di Boston, l’Università di Harvard e l’Ohio State University, hanno chiesto manifestazioni in solidarietà con gli studenti della Columbia, ha riferito la CNN.

Nel frattempo a Washington, sabato la Camera ha approvato un Pacchetto di aiuti esteri da 95 miliardi di dollari che include fondi per Israele e aiuti umanitari a Gaza.

Antisemitismo e preoccupazioni per la sicurezza

L’inizio delle proteste è coinciso con quello del presidente della Columbia University, Minouche Shafik testimonianza sull’antisemitismo nei campus universitari davanti alla Commissione per l’Istruzione e la Forza Lavoro della Camera.

L’udienza è durata diverse ore e molti studenti della Columbia hanno assistito per vedere quello di Shafik impegno per la loro sicurezza.

Domenica mattina, la deputata Elise Stefanik ha invitato Shafik a dimettersi.

“Anche se la leadership fallita della Columbia ha trascorso centinaia di ore a prepararsi per l’udienza del Congresso di questa settimana, si trattava chiaramente di un tentativo di coprire il loro miserabile fallimento nel far rispettare le regole del campus e proteggere gli studenti ebrei nel campus”, ha detto Stefanik su X, precedentemente noto come Twitter. “Negli ultimi mesi e soprattutto nelle ultime 24 ore, la leadership della Columbia ha chiaramente perso il controllo del suo campus, mettendo a rischio la sicurezza degli studenti ebrei. È chiaro che la Columbia University – in precedenza un faro di eccellenza accademica fondata da Alexander Hamilton – – ha bisogno di una nuova leadership. Il presidente Shafik deve dimettersi immediatamente e il consiglio della Columbia deve nominare un presidente che protegga gli studenti ebrei e applichi le politiche scolastiche.”

https://twitter.com/NYCMayor/status/1782169499774377999Il sindaco di New York Eric Adams ha parlato del ruolo della polizia di New York durante le manifestazioni in corso.

“Sono inorridito e disgustato dall’antisemitismo diffuso dentro e intorno al campus della Columbia University. L’odio non ha posto nella nostra città e ho incaricato la polizia di New York di indagare su qualsiasi violazione della legge su cui ricevono una segnalazione e di arrestare chiunque venga trovato a farlo”. infrangere la legge”, ha detto Adams.

Il governatore di New York Kathy Hochul si è rivolta alla piattaforma dei social media per ribadire il diritto alle riunioni pacifiche, ma ha anche affermato che le minacce di violenza contro gli studenti ebrei non saranno tollerate.

“Il Primo Emendamento protegge il diritto di protestare, ma gli studenti hanno anche il diritto di apprendere in un ambiente libero da molestie o violenza. Alla Columbia o in qualsiasi campus, minacciare gli studenti ebrei con violenza o glorificare il terrore del 7 ottobre è antisemitismo,” Hochul ha detto.

La Casa Bianca ha anche rilasciato una dichiarazione in cui denuncia l’antisemitismo.

“Mentre ogni americano ha il diritto alla protesta pacifica, gli appelli alla violenza e all’intimidazione fisica contro gli studenti ebrei e la comunità ebraica sono palesemente antisemiti, inconcepibili e pericolosi: non trovano assolutamente posto in nessun campus universitario o in qualsiasi parte degli Stati Uniti. dell’America. E fare eco alla retorica delle organizzazioni terroristiche, soprattutto sulla scia del peggior massacro commesso contro il popolo ebraico dai tempi dell’Olocausto, è spregevole. Condanniamo queste affermazioni con la massima fermezza”, ha affermato il vice segretario stampa Andrew Bates.

I manifestanti occupano South Lawn in Columbia

Mercoledì i manifestanti hanno iniziato ad occupare il South Lawn nel campus della Columbia. Hanno costruito un accampamento improvvisato di tende, che ha portato a uno stallo con la leadership universitaria e a dozzine di arresti.

La polizia effettua arresti alla Columbia University in un accampamento improvvisato allestito da manifestanti filo-palestinesi sul prato principale dell’università il 18 aprile 2024.

Nathan Rosenbaum

La polizia di New York ha preso in custodia più di 100 persone nell’accampamento Giovedì dopo Shafik ha affermato che ha violato le politiche di sicurezza. La CBS New York ha appreso che altri tre sono stati arrestati sabato sera.

Gli studenti erano avvertito di lasciare l’accampamento entro mercoledì sera altrimenti sarebbero stati sospesi.

Alcuni studenti ebrei hanno detto che con la Pasqua che inizia lunedì sera si sentono insicuri.

Gli studenti all’interno dell’accampamento nell’attuale campus hanno affermato che i manifestanti filo-palestinesi che sono stati ascoltati fuori dai cancelli della scuola non erano affiliati agli studenti.

Nel cortile del campus, gli studenti si accampavano in tende, socializzavano e cantavano cose come “La resistenza è gloriosa”.

La Columbia ha dichiarato in un comunicato: “Gli studenti non hanno il permesso di montare tende sul prato. Coloro che lo fanno violano la politica universitaria di lunga data e saranno identificati e soggetti ad azioni disciplinari”.

Il rabbino dice agli studenti ebrei di restare a casa in mezzo alle proteste

Gli studenti ebrei del campus hanno affermato di aver vissuto nella paura costante negli ultimi cinque giorni, poiché credono che molti dei canti siano antisemiti.

Ciò, in parte, ha spinto un rabbino associato all’Iniziativa per l’apprendimento ebraico dell’Unione ortodossa della Columbia nel campus a dire che raccomanda agli studenti ebrei di rimanere a casa durante le proteste nel campus.

Tuttavia, dopo che il messaggio è stato inviato agli studenti, Campus Hillel ha rilasciato una dichiarazione contrastante su X, dicendo che non crede che gli studenti ebrei dovrebbero lasciare il campus, aggiungendo: “Crediamo che l’università e la città debbano fare di più per garantire la sicurezza dei nostri studenti.”

Un altro rabbino, Yehuda Drizin, del Chabad dell’università, ha deciso di consegnare la matzah agli studenti che celebravano la Pasqua ebraica. Ha detto: “Questo è un momento formativo e nessuno di loro merita di essere in questo. Questo è oltraggioso. È folle, ma allo stesso tempo, quello che vedo, gli studenti si fanno avanti e vengono con fiducia al Seder e mangiano”. la matzah e diciamo che siamo forti, orgogliosi e non abbiamo paura. Questa è la reazione che vedo ed è sorprendente.”

Una studentessa di nome Sarah, che stava protestando all’interno dell’accampamento, ha detto: “Chiediamo totale trasparenza finanziaria. Questo è qualcosa che la maggior parte delle scuole, molte scuole, scuole statali, forniscono tutte la giusta trasparenza su da dove provengono gli investimenti etici, cosa sono investire.”

L’accampamento appare alla New School

Un gruppo di studenti della New School ha montato delle tende all’interno del campus di Union Square.

Domenica circa una dozzina di studenti hanno preso possesso del Centro universitario della scuola sulla West 12th Street, montando tende e affiggendo cartelli con la scritta “Accampamento di solidarietà a Gaza”.

In un post online, il gruppo ha affermato di essere solidale con i manifestanti della Columbia.

La New School ha detto che il suo presidente incontrerà lunedì i gruppi di studenti per considerare le loro richieste di trasparenza finanziaria degli investimenti dell’università.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Harlem vince il secondo titolo statale di baseball consecutivo vincendo sul Calvary Day
NEXT Avvertimento urgente di Martin Lewis a chiunque guadagni meno di £ 60.000 con un “assegno di 10 minuti”