L’incidente notturno dell’elicottero delle forze di autodifesa giapponesi ricorda gli altri nel 2017, 2021

L’incidente notturno dell’elicottero delle forze di autodifesa giapponesi ricorda gli altri nel 2017, 2021
L’incidente notturno dell’elicottero delle forze di autodifesa giapponesi ricorda gli altri nel 2017, 2021
Lo Yomiuri Shimbun
Il capo di stato maggiore della MSDF, l’ammiraglio Ryo Sakai, parla dell’incidente dell’elicottero, domenica in una conferenza stampa presso il Ministero della Difesa.

Lo Yomiuri Shimbun

17:18 JST, 22 aprile 2024

Due elicotteri da pattuglia della Forza di autodifesa marittima precipitati in mare a est della catena di isole Izu di Tokyo stavano partecipando a un’esercitazione notturna di rilevamento di sottomarini.

I piloti di elicotteri e i membri dell’equipaggio che prendono parte alle esercitazioni notturne devono essere altamente qualificati ed esperti.

Nel 2017 e nel 2021 si sono verificati anche incidenti che hanno coinvolto elicotteri da pattuglia della MSDF durante esercitazioni notturne. Pertanto, ci si chiede perché le lezioni tratte da incidenti passati non possano essere utilizzate per prevenire il ripetersi.

L’obiettivo dell’indagine sulle cause dell’incidente di sabato è identificare come volavano i due elicotteri.

Bassa visibilità

“I livelli di visibilità sono bassi durante le esercitazioni notturne, e quindi le operazioni sono piuttosto difficili”, ha detto il capo di stato maggiore della MSDF, l’ammiraglio Ryo Sakai, in una conferenza stampa organizzata rapidamente domenica dopo l’incidente. “È possibile che le distanze tra gli elicotteri diventino molto ravvicinate durante la ricerca di sottomarini”, ha detto il massimo ufficiale della MSDF.

Secondo la MSDF, l’esercitazione era una simulazione in cui gli elicotteri decollavano da navi da combattimento di superficie, cercavano un sottomarino utilizzando dispositivi sonar e poi dovevano attaccare il sottomarino. La serie di azioni intraprese verrebbe confermata nell’esercitazione.

Quando un elicottero da pattugliamento marittimo cala in acqua un dispositivo sonar, questo diminuisce di altitudine fino a circa 20 metri sopra la superficie del mare e poi resta sospeso.

Dopo aver raccolto i dati sul posto, l’elicottero sale a circa 50 metri sopra il mare e si sposta in un’altra posizione.

Se vengono schierati tre elicotteri, mantengono una formazione triangolare che circonda un sottomarino bersaglio al centro del triangolo e lo inseguono.

Nella zona al momento dell’incidente erano presenti tre elicotteri, compresi i due precipitati.

Per evitare collisioni durante le esercitazioni notturne, i piloti e gli altri membri dell’equipaggio degli elicotteri di pattuglia confermano le reciproche posizioni monitorando il radar, i contatti radio wireless e vedendo le luci degli altri elicotteri.

“Durante il volo, ogni elicottero cambia la sua altitudine rispetto a quella di altri aerei amici, ma i piloti e gli altri membri dell’equipaggio dovrebbero essere in grado di identificare le posizioni di quegli aerei tramite radar e altri mezzi”, ha detto Bonji Ohara, membro senior del Sasakawa Peace. Foundation che in passato era un pilota di elicotteri della MSDF. “È difficile supporre che un simile incidente possa verificarsi in condizioni normali.”

Altitudine e distanza

Un elicottero da pattuglia della MSDF che partecipava ad esercitazioni notturne si è schiantato in mare al largo della prefettura di Aomori nel 2017 a causa di un errore di pilotaggio. Due sono morti e uno è scomparso nell’incidente.

Nel 2021, due elicotteri di pattuglia sono stati coinvolti in una piccola collisione sul mare al largo della prefettura di Kagoshima. Sebbene nessuno sia morto, l’MSDF ha dovuto prendere in considerazione misure per prevenire il ripetersi.

Come misura per garantire la sicurezza quando due o più velivoli volano simultaneamente, la MSDF ha istruito il personale che i responsabili dei controlli di volo dovrebbero istruire ciascun velivolo a volare ad altitudini diverse e che i piloti dovrebbero fare attenzione alle distanze dagli altri velivoli se ci sono è una possibilità che due o più possano avvicinarsi molto.

Domenica, nella conferenza stampa, Sakai ha presentato alcuni elementi che potrebbero focalizzare l’indagine sulle cause dell’incidente. Ho citato alcuni punti di indagine, ad esempio se i due elicotteri precipitati volavano a quote diverse, se si mantenevano a una distanza sufficiente l’uno dall’altro e se i membri dell’equipaggio monitoravano adeguatamente le aree.

La MSDF ha recuperato sul luogo dell’incidente i registratori dei dati di volo che registravano i movimenti degli elicotteri, e controllerà nel dettaglio gli sviluppi della situazione in cui i due elicotteri si sono avvicinati.

Voli sospesi

L’MSDF conduce ripetutamente esercitazioni di rilevamento dei sottomarini indipendentemente dal fatto che tali esercitazioni vengano eseguite durante il giorno o la notte.

Lo fa perché sono necessari livelli di abilità estremamente elevati per individuare i sottomarini, che sono difficili da trovare poiché si nascondono in vaste acque e la loro ubicazione è difficile da individuare.

Tuttavia, a seguito del recente incidente, le Forze di Autodifesa sospenderanno per il momento tutti i voli degli elicotteri da pattugliamento dello stesso modello di quelli coinvolti nell’incidente.

Sakai ha detto: “Poiché questo tipo di esercitazione è sospesa, penso che ci sarà un certo impatto”. Inoltre, ho annunciato che la MSDF ha annullato un piano per partecipare al Simposio navale del Pacifico occidentale che si terrà nella provincia di Shandong, in Cina. Il WPNS è una conferenza internazionale alla quale partecipano ufficiali della marina di vari paesi.

L’incidente ha influenzato negativamente gli scambi delle SDF con i funzionari della difesa di altri paesi.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il bilancio delle vittime delle inondazioni in Brasile raggiunge quota 100
NEXT Dentro il cambiamento.Accelerato.Vivere a Monaco