Schlein del Pd sotto accusa per la strategia elettorale europea – Euractiv

Schlein del Pd sotto accusa per la strategia elettorale europea – Euractiv
Schlein del Pd sotto accusa per la strategia elettorale europea – Euractiv

Il Partito Democratico (PD), opposizione di centrosinistra italiana, è finito sotto accusa dopo che la sua leader, Elly Schlein, ha annunciato la sua candidatura per le elezioni europee di giugno nonostante avesse precedentemente affermato di non avere intenzione di occupare un seggio al Parlamento europeo.

Il partito vede nella candidatura di Schlein un modo per attirare elettori, anche se lei ha dichiarato che continuerà a guidare il partito in Italia piuttosto che cercare un seggio al Parlamento europeo. Citando gli attuali sondaggi, Schlein ritiene che la sua candidatura potrebbe portare un ulteriore 1,5% di voti al suo partito.

Tuttavia, la mossa del partito è stata criticata sia all’interno che all’esterno del partito, anche da uno dei suoi fondatori, l’ex presidente della Commissione Europea e primo ministro italiano Romano Prodi.

«Perché dovremmo votare qualcuno per farlo vincere, e se vince non va certo in Europa? Sono ferite alla democrazia che pian piano scavano la trincea per la quale la democrazia non è più amata”, ha detto Prodi.

Schlein è stato pesantemente criticato anche per la proposta dell’ultimo minuto di includere il suo nome nel simbolo del partito.

La mossa non ha precedenti all’interno del Partito Democratico, che, a differenza della Lega di Matteo Salvini o di Fratelli d’Italia (ECR) di Giorgia Meloni, che includono entrambi il nome del leader nel simbolo del partito, ha sempre cercato di contrastare la personalizzazione del partito.

Ma pochi minuti prima della scadenza per la presentazione dei simboli dei partiti per le elezioni europee, Schlein ha annunciato lunedì sui social media che il suo nome non apparirà sul logo.

“Questa proposta mi è sembrata più divisiva che rafforzativa”, ha detto.

I partiti italiani stanno iniziando a svelare i loro candidati per le cruciali elezioni europee prima della scadenza del 1° maggio per la presentazione delle liste.

Nel fine settimana Forza Italia (PPE) ha annunciato anche il vice primo ministro Antonio Tajani come candidato principale, mentre il primo ministro e leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni dovrebbe annunciare la sua decisione il 28 aprile.

La candidatura del primo ministro alla guida del suo partito in tutte le circoscrizioni elettorali è considerata certa da tempo. Alcuni analisti ritengono però che la Meloni stia valutando un cambio di programma alla luce delle critiche ricevute da Schlein.

(Alessia Peretti | Euractiv.it)

Scopri di più con Euractiv

Iscriviti ora alla nostra newsletter Elezioni europee decodificate

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV OpenAI disabilita la voce ChatGPT che suona come Scarlett Johansson
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera