La svendita delle azioni mette fine alla “dispiaciuta storia”, dice il presidente di NatWest

La svendita delle azioni mette fine alla “dispiaciuta storia”, dice il presidente di NatWest
La svendita delle azioni mette fine alla “dispiaciuta storia”, dice il presidente di NatWest

Il presidente della Natwest si è dichiarato pronto a porre fine alla ‘dispiaciuta storia’ del coinvolgimento del governo mentre si avvicina la vendita pubblica delle azioni dell’istituto di credito.

Rick Haythornthwaite, subentrato a gennaio, ha dichiarato all’assemblea generale annuale della banca a Edimburgo: “Un ritorno alla proprietà privata è ora in vista”.

E si è detto fiducioso che Paul Thwaite – il quarto amministratore delegato della banca da quando è stata salvata dal collasso nel 2008 – sarà l’ultimo a rispondere agli azionisti del Tesoro.

Le osservazioni di Haythornthwaite sono arrivate mentre il Tesoro, che possiede una partecipazione di poco meno del 29% nell’istituto di credito, si prepara a lanciare una vendita in stile “Tell Sid” da parte delle sue partecipazioni quest’estate.

“Credo che rimuovere questo ostacolo sia utile, ma mette anche fine a quella che è una storia triste per il Regno Unito e una storia triste per la banca”, ha detto.

La Natwest – allora conosciuta come Royal Bank of Scotland – fu di fatto nazionalizzata con un salvataggio da 46 miliardi di sterline dopo essere stata portata sull’orlo del collasso sotto Fred ‘the Shred’ Goodwin.

Al suo apice, il contribuente possedeva l’84% del creditore.

Da allora questa partecipazione è stata gradualmente ridotta in una serie di vendite a investitori privati.

Sotto la guida dell’ex amministratore delegato Alison Rose, la banca – che comprende i marchi Royal Bank of Scotland, Natwest e Ulster Bank – ha abbandonato il nome del gruppo RBS nel tentativo di rompere con il suo passato tormentato dalla crisi.

articoli Correlati

COME QUESTO È IL DENARO PUÒ AIUTARE

Tuttavia, Rose è stata costretta a dimettersi l’anno scorso dopo essere stata accusata di uno scandalo per la decisione di abbandonare l’ex leader dell’Ukip Nigel Farage come cliente della banca privata del gruppo, Coutts.

Crisi a parte, tuttavia, la ripresa della banca è continuata e all’inizio di quest’anno ha registrato i profitti annuali più elevati dal 2007.

Il governo si è impegnato a liberarsi completamente della sua partecipazione nella banca entro l’anno finanziario 2025-26.

Haythornthwaite ha dichiarato ieri: “Si tratta di un’ambizione condivisa che crediamo sia nel migliore interesse della banca e dei nostri azionisti”.

Le azioni ieri hanno chiuso in rialzo del 2,2%, o 6,1 pence, a 285,8 pence.

Alcuni collegamenti in questo articolo potrebbero essere collegamenti di affiliazione. Se clicchi su di essi potremmo guadagnare una piccola commissione. Questo ci aiuta a finanziare This Is Money e a mantenerlo gratuito. Non scriviamo articoli per promuovere prodotti. Non permettiamo che alcun rapporto commerciale pregiudichi la nostra indipendenza editoriale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il tennis Hi-Liner conclude la stagione regolare perfetta con una vittoria su Wahpeton
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera