Copa Sudamericana: l’Alianza perde 3-1 contro l’Universidad Católica a Valledupar | novità oggi

Copa Sudamericana: l’Alianza perde 3-1 contro l’Universidad Católica a Valledupar | novità oggi
Copa Sudamericana: l’Alianza perde 3-1 contro l’Universidad Católica a Valledupar | novità oggi

L’attaccante panamense dell’Universidad Católica Ismael Díaz (al centro), Efraín Navarro (a sinistra) e il difensore dell’Alianza Jesús Figueroa combattono per la palla durante la prima tappa della fase a gironi della Copa Sudamericana allo stadio Armando Maestre Pavajeau di Valledupar.

Foto: AFP – RAUL ARBOLEDA

L’Università Cattolica ecuadoriana si è rifatta 1-3 questo martedì nella sua visita all’Alianza colombiana, che ha affrontato nella terza giornata del Gruppo B della Copa Sudamericana, che l’ha lasciata saldamente in testa con sette punti in una buona serata di Jhon Jairo Cifuentes.

Camaratta parte meglio allo stadio Armando Maestre Pavajeau, con José Fajardo che si preoccupa fin dall’inizio e cerca di agganciare il panamense Ismael Díaz, finché l’alta pressione dei colombiani paga con la palla che Jhair Castillo ruba a Fausto Grillo per permettere a Emerson Batalla ha scatenato un potente tiro al limite dell’area e ha battuto il portiere venezuelano Rafael Romo all’ottavo minuto.

Gli ecuadoriani, guidati dall’ex allenatore della Trinità Jorge Célico, hanno voluto reagire con il calcio diretto e la lotta di Fajardo tra i difensori centrali, oltre alle incursioni di Layan Loor e Aron Rodríguez, che non sono riusciti a spezzare la resistenza dei locali, che avevano in Battle al loro giocatore più pericoloso e hanno lavorato bene sulle fasce, soprattutto con Efraín Navarro.

Nella prima fase, Batalla è andato vicino al raddoppio dopo aver sorpreso il portiere Romo mentre cercava un gol olimpico, mentre in visita Gustavo Vallecilla sembrava in pericolo di raggiungere Fajardo, e Díaz ha avvertito di accumulare rivali in un altro arrivo prima dell’intervallo.

Per quanto riguarda il complemento, le squadre non si sono risparmiate nulla, soprattutto il Little Blue Train, ma il primo ad avvertire è stato Alianza con la palla che Mayer Gil si è schiantata in verticale su un’azione di Michael Rangel, per dare il via al miglior momento dell’ospite che ha avuto tre occasioni chiare in un momento frenetico.

L’opzione più chiara dell’U è stata con Rodríguez, quando il portiere Pier Luigi Grazziani era già sconfitto, ma Leonardo Saldaña ha preso la palla prima che oltrepassasse la linea, e un minuto dopo è stato Luciano Nieto a sfiorare il pareggio con un tiro dalla media distanza.

Con Camaratta concentrato sull’attacco, Grazziani ha fermato un’altra palla in porta, questa volta in uno scontro con Díaz e prima dell’autogol di Pedro Franco al 56′ quando ha provato a respingere un cross di Gregory Anangonó per dare il via ad un’altra partita, completamente dominata da ospite e con l’influenza di Jhon Jairo Cifuentes, il cui ingresso è stato decisivo, segnando il secondo gol e assistendo per il terzo.

Per completare la rimonta, Díaz ha fatto il lavoro sporco togliendo la marcatura di Santiago Orozco e cercando Cifuentes, che ha definito con potenza e libertà al 69esimo, un colpo che la squadra colombiana non ha saputo assimilare e si è disgregata con il passare dei minuti permettendo al panamense Díaz di segnare l’1-3 al 77′.

Anche se la squadra di Valledupar si è affrettata e ha spostato la panchina, non ha trovato le risposte né la definizione perché Ruyery Blanco e Royscer Colpa hanno sprecato le loro opzioni alla fine della partita.

Il giorno successivo, l’Alianza riceve il Cruzeiro ultimo (un punto) e sotto pressione a Valledupar, mentre l’Universidad Católica riceve l’Unión La Calera.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV un morto e uno ferito
NEXT Le società sportive presentano una tutela davanti alla Giustizia Federale per le fatture del gas che raggiungono il milione di pesos