Fernando Halperín: “Importiamo gas perché non ci sono infrastrutture per portarlo da Neuquén e dalla Terra del Fuoco ai centri di consumo”.

Economia, Informazioni generali, Internazionali, Nazionali, Provinciali

Mercoledì 24/04/2024

Di
Armando Cabral

Rio Grande 24/04/2024.- Fernando Halperín, membro dell’Istituto Argentino del Petrolio (IAPG), ha tenuto una conferenza nella biblioteca dell’UTN sulla transizione energetica e la matrice energetica argentina, dove ha sottolineato l’importanza della produzione di idrocarburi nel provincia ed ha evidenziato che il 20% del gas consumato nel Paese proviene dai giacimenti, onshore e offshore, nella zona settentrionale della Terra del Fuoco.

Il direttore dell’IAPG, dialogando con la stampa, ha sottolineato la produzione di idrocarburi nella provincia, in particolare di gas, che oggi rappresenta il 20% di quanto consuma il Paese.

Halperín ha anche sostenuto che, se si comprendesse la complessità dell’intero sistema, si potrebbero prendere decisioni migliori.

Già nel contesto globale, Halperin ha fatto riferimento al conflitto bellico tra Russia e Ucraina, che presenta diverse problematiche al riguardo, affermando che “il gas c’è anche lì, gli Stati Uniti vogliono esportare il suo gas in Europa, che ha acquistato gas dalla Russia , ma ciò che è più terribile è che siamo dall’altra parte del mondo e ne soffriamo perché, anche se disponiamo di formidabili risorse di gas che sicuramente ci durerebbero per secoli, ne soffriamo perché il prezzo internazionale del gas aumenta , a causa della guerra e questo ha a che fare, perché importiamo gas e lo importiamo perché non abbiamo le infrastrutture per portare quella risorsa ai centri di consumo.

«Così nei mesi di forte domanda i prezzi a Buenos Aires aumentano perché i gasdotti non bastano per portare il gas da Neuquén e dalla Terra del Fuoco, poi una guerra che è dall’altra parte del mondo ci colpisce soprattutto “C’è tanto bisogno di investire nelle infrastrutture per lo sviluppo”.

Infine, a proposito della transizione energetica, Halperin ha spiegato: “Abbiamo un problema serio in tutto il mondo e cioè che oggi non possiamo vivere senza energia, sarebbe ridicolo pensare a noi stessi senza energia, e ancora di più in luoghi come la Terra del Fuoco , il problema è che l’energia utilizzata nel mondo proviene da combustibili fossili, carbone, petrolio, gas, ma dobbiamo bruciare tutti questi combustibili per generare energia e bruciandoli si producono gas serra che accentuano il riscaldamento climatico, questo è ciò che “Primo cosa che devi capire per prenderti cura dell’energia.”

«Dobbiamo capire questo problema, perché sarà molto difficile che questo panorama cambi drasticamente, il combustibile peggiore è il carbone, l’Argentina non brucia carbone perché non ce l’ha, ma ha gas, possiamo offrire al mondo da bruciare gas, e kick to stop “Affronteremo il problema mentre si sviluppano nuove fonti più rispettose dell’ambiente, quindi quello che dobbiamo capire è che dobbiamo prenderci cura dell’energia e capire il problema, perché poi entrano in gioco le decisioni politiche .”

La nota completa nell’audio qui sotto.

Foto Ariel Montenegro


https://www.lalicuadoratdf.com.ar/wp-content/uploads/2024/04/WhatsApp-Audio-2024-04-23-at-20.08.03-online-audio-converter.com_.mp3
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La persona uccisa nell’incendio nel campo militare di Burnham era un’adolescente
NEXT Fuoco a cannocchia oggi in diretta: il fumo inghiotte case e persone evacuate mentre l’incendio dilaga nel magazzino dei pacchi