Baltimora intenta una causa per il crollo del ponte, citando l’enorme impatto economico

Baltimora intenta una causa per il crollo del ponte, citando l’enorme impatto economico
Baltimora intenta una causa per il crollo del ponte, citando l’enorme impatto economico

Baltimora ha intentato una causa contro il proprietario e operatore della nave mercantile Dali che ha abbattuto il ponte Francis Scott Key mentre tentava di lasciare il porto di Baltimora.

Baltimora vede “incuria, negligenza, negligenza grave e imprudenza” nella decisione del proprietario e/o dell’operatore di “mettere in mare una nave chiaramente non idonea alla navigazione”, azioni che definiscono “gravemente e potenzialmente penalmente negligenti”:

Le richieste di risarcimento dei danni, non ancora specificate in termini di dollari, abbracciano un vasto elenco che comprende la sostituzione di ponti, l’ostruzione del fiume, l’interruzione dei trasporti in tutta la città, il risanamento ambientale, l’aumento della manutenzione stradale su percorsi alternativi, i costi per l’assistenza pubblica e i servizi, le perdite fiscali sui interruzione del porto e di altre attività, disordini pubblici e molto altro ancora.

“È difficile sopravvalutare l’importanza del porto per l’economia locale”, hanno affermato le autorità cittadine nella loro richiesta al tribunale di avviare un’eventuale richiesta di risarcimento danni.

La città cita recenti stime secondo cui il porto di Baltimora ha generato più di 70 miliardi di dollari di valore economico solo nel 2023, “compresi miliardi di dollari di entrate fiscali annuali per enti governativi, inclusa la città di Baltimora”.

Baltimora vede “decine di migliaia” di posti di lavoro legati al porto. Uno studio sull’impatto economico del 2023 prodotto per l’amministrazione portuale del Maryland ha identificato 51.365 “posti di lavoro diretti, indotti e indiretti” forniti dal porto.

Si sono diretti allo stand della difesa l’armatore registrato a Singapore, Grace Ocean Private Ltd., e l’operatore della nave, Synergy Marine Pte Ltd., anch’egli di Singapore.

La negligenza nel caso Dali fa seguito all’indicazione, ancora ore prima della partenza, che gli allarmi erano scattati sui container refrigerati del Dali, dimostrando che il Dali aveva avuto un’alimentazione elettrica incoerente, ha affermato Baltimora.

Quel problema di alimentazione, che alla fine ha lasciato la Dali incapace di uscire dal porto in sicurezza, “non è stato indagato o, se indagato, non è stato risolto”, afferma il reclamo.

La nave mercantile che colpì il ponte Francis Scott Key alla fine di marzo figura nell’elenco della flotta del club assicurativo mutualistico Britannia P&I. Britannia è un membro costitutivo P&I del gruppo internazionale di club P&I che acquista 3,1 miliardi di dollari di limite di responsabilità marittima XoL per il gruppo al di sopra del limite reciproco dei club membri.

Hai tratto valore da questa storia? Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana gratuita e ricevi storie come questa direttamente nella tua casella di posta.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un tubo del gas è esploso presso un’opera comunale a Villa Ballester e un’abitazione ha preso fuoco
NEXT La storia dietro la serie “Dr. Morte” con protagonista un venezuelano