Repsol taglia del 13% i profitti colpiti dal calo del gas e accelera gli investimenti

Repsol taglia del 13% i profitti colpiti dal calo del gas e accelera gli investimenti
Repsol taglia del 13% i profitti colpiti dal calo del gas e accelera gli investimenti

Repsol ha ottenuto nel primo trimestre un utile netto di 969 milioni di euro, che rappresenta un calo del 12,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, soprattutto a causa del calo dei prezzi del gas naturale. I conti riflettono un calo dei risultati in tutte le aree di attività e anche la produzione a basse emissioni di carbonio è in perdita.

Il rapporto inviato alla National Securities Market Commission (CNMV) riflette che il risultato netto rettificato, che misura in modo specifico l’andamento degli affari, è sceso del 33% a 1.267 milioni di euro. Il risultato operativo lordo (Ebitda) si è attestato a 2.143 milioni di euro, in calo del 20,5%. L’azienda stima che nel 2024 pagherà circa 335 milioni per l’imposta straordinaria sulle imprese energetiche -A febbraio si guadagna la metà-.

L’azienda sottolinea in un comunicato che il Il prezzo medio del gas dell’Henry Hub è sceso del 32,4%, fino a $ 2,3 per MBtu. Questo calo risponde ad un calo della domanda dovuto alle temperature più miti negli Stati Uniti, che contrastano con una produzione elevata e minori esportazioni. Da parte loro, i prezzi del greggio Brent hanno continuato la loro tendenza al rialzo fino a raggiungere una media di 83,2 dollari al barile, il 2,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2023. I conflitti nel Mar Rosso e tra Israele e Palestina hanno segnato il contesto internazionale. Il margine di raffinazione è crollato del 26,9% a 11,4 dollari al barile.

L’amministratore delegato di Repsol, Josu Jon Imaz, ha mostrato fiducia nella nota diffusa dalla società. “Il nostro inizio d’anno dimostra la solidità del progetto Repsol, che farà un nuovo passo avanti grazie all’Aggiornamento Strategico 2024-2027. Continuiamo a far evolvere le nostre attività, con un’offerta multienergia unica in Spagna, avanzando con fatti tangibili nella decarbonizzazione e investire in modo redditizio per garantire il futuro dell’industria e dell’occupazione”, ha osservato.

Da parte loro, il gli investimenti sono cresciuti del 23,3% rispetto al primo trimestre 2023 raggiungendo i 2.129 milioni di euro. Più della metà è stata destinata alla crescita delle rinnovabili. Nel periodo 2024-2024, la società prevede di investire tra i 16.000 e i 19.000 milioni di euro netti: il 60% dedicato alla penisola iberica e oltre il 35% a progetti low carbon. Tuttavia, una parte dei suoi investimenti nel settore industriale sono condizionati dall’evoluzione del quadro normativo e fiscale in Spagna.

IL L’indebitamento netto del gruppo è salito a fine marzo a 3.901 milioni di euro, 1.805 milioni di euro in più rispetto a fine 2023, a causa dell’aumento del capitale circolante, di maggiori investimenti organici e inorganici, tra cui l’acquisizione di ConnectGen e il pagamento dei dividendi a gennaio. Il rapporto di leva finanziaria del gruppo ha chiuso il trimestre all’11,5%, rispetto al 6,7% nel 2023. La liquidità è stata di 10.332 milioni di euro tenendo conto delle linee di credito irrevocabili non utilizzate, che rappresentano 2,85 volte le scadenze del debito lordo a breve termine.

Risultati delle diverse attività

Lui Il risultato rettificato dell’area Esplorazione e Produzione è sceso del 7% su base annua come conseguenza dei minori prezzi di realizzo del gas, dei maggiori ammortamenti, dei maggiori costi di esplorazione e produzione, della dismissione di tutti gli asset produttivi in ​​Canada e del deprezzamento del dollaro rispetto all’euro, secondo la società, che sottolinea che questa situazione è stata parzialmente compensata dal prezzi realizzati del petrolio greggio più alti e royalties più basse. Le imposte sul reddito diminuiscono di 231 milioni di euro a causa dei minori risultati operativi e della regolarizzazione della stima fiscale dell’anno precedente.

Lui l’utile della parte industriale è crollato del 43% fino a 731 milioni di euro, mentre nella Raffinazione il risultato operativo è inferiore di 369 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente a causa della minore marginalità. Anche il risultato della parte Clienti è sceso del 10,3% a 156 milioni di euro, mentre il La Low Carbon Generation ha registrato perdite in numeri rossi per sei milioni di euro rispetto a un utile di 34 milioni di euro nel primo trimestre del 2023. Corporation e altri continuano a registrare perdite ma le riducono di 16 milioni di euro (a 56 milioni).

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Saline Softball conquista la quota del titolo SEC Red
NEXT Morikawa e Schauffele condividono il comando prima del round finale