La NASA evidenzia la missione del nanosatellite UPAEP a López Obrador

Autorità del Agenzia spaziale degli Stati Uniti Si sono incontrati con il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, dentro Palazzo Nazionale e gli hanno regalato un dipinto speciale che ricorda, tra le altre cose, la missione AztechSat-1.

Il cordiale incontro si è svolto nel pomeriggio di martedì 23 aprile e ha coinvolto un gruppo di amministratori dell’ Amministrazione nazionale per l’aeronautica e lo spazio (NASA, per il suo acronimo in inglese).

Lo scopo principale di questo incontro, in cui l’ambasciatore degli Stati Uniti a Messico, Ken Salazarè stato quello di celebrare, tra l’altro, il traguardo rappresentato da AztechSat-1, il primo nanosatellite messicano sviluppato da studenti e professori dell’Università di UPAEPche è stato rilasciato a dicembre 2019 da Capo Canaveral su un razzo della compagnia SpaceX ed è stato lanciato in orbita nel febbraio 2020 dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Lui AztechSat-1, frutto della collaborazione tra il UPAEP, IL NASA e IL Agenzia spaziale messicana (AEM)ha segnato un momento importante nella storia dell’esplorazione spaziale messicana diventando il primo nanosatellite sviluppato e lanciato da Messico. Questo risultato non solo ha rappresentato un significativo progresso tecnologico, ma ha anche simboleggiato il talento, la dedizione e il potenziale della comunità scientifica e accademica del Paese.

Foto: speciale

Nel corso della riunione, il comitato della VASO lo presentò López Obrador un dipinto commemorativo che ricorda questo traguardo storico. L’opera cattura l’essenza e il significato di AztechSat-1, così come di altre collaborazioni che entrambi i paesi hanno avuto nel campo aerospaziale, evidenziandone l’importanza nel contesto dell’esplorazione spaziale e della cooperazione internazionale.

Con la presenza di Bill Nelsontitolare del VASO, E Pamela Melroyuna delle uniche due donne ad aver comandato una navetta spaziale, ha discusso, tra le altre cose, di questo Katya Echazarretaun giovane astronauta messicano potrà tornare di nuovo nello spazio, così come la cooperazione nel controllo del fuoco, nell’approvvigionamento idrico e nell’uso dei satelliti vicini per la comunicazione in tutto il territorio.

López Obrador ha ricevuto questo dono con emozione e gratitudine, sottolineando l’importanza di rafforzare la collaborazione tra il Messico e il VASO nel campo dell’esplorazione spaziale.

Questo incontro non solo rafforza i legami di cooperazione tra Messico e Stati Uniti nel campo spaziale, ma evidenzia anche le potenzialità e le capacità della comunità scientifica messicana e dei professori e studenti dell’ UPAEP contribuire al progresso dell’esplorazione spaziale in tutto il mondo. Inoltre, pone le basi per future collaborazioni e progetti congiunti che promuovano lo sviluppo scientifico, tecnologico e spaziale Messico.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Víctor González Herrera nega di avere una relazione con Irina Baeva
NEXT Chiediamo al nuovo Governo che la causa sia una vera questione di Stato