I milionari del dollaro keniano affittano le loro seconde case

I milionari del dollaro keniano affittano le loro seconde case
I milionari del dollaro keniano affittano le loro seconde case

Secondo i risultati del rapporto Knight Frank Wealth, nove milionari su 10 dollari in Kenya stanno affittando le loro seconde case.

Il rapporto pubblicato martedì rileva che gli individui con patrimoni elevati (HNWI) il cui patrimonio ammonta a 133,27 milioni di scellini (1 milione di dollari) e oltre hanno trasformato le loro proprietà residenziali aggiuntive in beni generatori di reddito.

“L’80-90% degli individui con un patrimonio netto elevato seguono un approccio strategico nei confronti delle loro case secondarie. Invece di mantenere queste proprietà esclusivamente per uso personale, le affittano, sfruttando il loro patrimonio immobiliare per generare reddito”, osserva in parte il rapporto.

L’affitto di proprietà residenziali secondarie è visto come una mossa da parte dei milionari del dollaro keniano per diversificare le fonti di reddito lontano dalle tradizionali vie di investimento.

La maggior parte dei milionari keniani possiede almeno due proprietà residenziali, mentre solo il 5% degli ultra-ricchi possiede una sola casa.

Gli investimenti in immobili residenziali rappresentano tra il 50 e il 60% della ricchezza detenuta da individui con un patrimonio netto elevato, rispecchiando l’importanza del settore immobiliare come strategia di gestione patrimoniale da parte dei ricchi keniani.

“Poiché la soglia keniota per entrare nella fascia degli individui con un patrimonio netto elevato è bassa rispetto al resto del mondo, la realtà è che gran parte di questa ricchezza è vincolata al settore immobiliare residenziale. Abbiamo una tendenza abbastanza comune per gli investitori che hanno una casa a Nairobi, un’altra nel paese da cui provengono e una casa per le vacanze sulla costa. Alcuni potrebbero anche avere due case a Nairobi”, ha osservato Mark Dunford, amministratore delegato di Knight Frank Kenya.

Secondo un sondaggio allegato al rapporto sulla ricchezza, circa il 20% degli HNWI ha acquistato una casa nel 2023, mentre il 30% degli individui prevede di acquistare una nuova casa quest’anno. La maggior parte delle proprietà residenziali acquistate si trovano nel paese, mentre solo il 10% degli intervistati indica proprietà di case all’estero.

La preferenza per avere proprietà in Kenya è supportata dai notevoli rendimenti offerti e dal senso di sicurezza nel paese.

Anche la comodità e la familiarità con la gestione delle proprietà nelle immediate vicinanze hanno contribuito alla propensione verso le partecipazioni nazionali.

Il rapporto sulla ricchezza di Knight Frank non specifica il numero di HNWI in Kenya.

Dunford, tuttavia, ha affermato che gli HNWI in Kenya sono riusciti ad accrescere la propria ricchezza lo scorso anno nonostante ostacoli quali shock dei tassi di cambio e tassi di interesse più elevati.

Quasi un terzo degli HNWI, ovvero il 31%, prevede un aumento sostanziale della propria ricchezza di almeno il 10% nel 2024.

Il CEO di Knight Frank Kenya afferma che i milionari del dollaro kenioti hanno attraversato le turbolenze valutarie detenendo attività che generano guadagni in forex.

“Le fluttuazioni valutarie rappresentavano un’opportunità tanto quanto un rischio. Se ti trovi nella fascia alta del mercato degli investimenti, ci sono molte opportunità per creare ricchezza laddove la valuta sta scivolando, soprattutto se disponi di asset che generano forex”, ha affermato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Charles Leclerc vince il GP di Monaco di F1: sintesi e risultati
NEXT JOHNNY WACTOR | Chi era Johnny Watson? Questa è stata la sua carriera professionale come attore