Caputo ha motivato la decisione di rinviare l’aumento di luce e gas

Il ministro di Economia, Luis Caputoha confermato questa domenica che il Governo ha deciso di rinviare aumenti delle tariffe di luce e gas e ha spiegato che l’obiettivo è quello di fermare, per il momento, gli aumenti cui deve far fronte la classe media.

Vale la pena ricordare che, martedì, il Governo Stavo analizzando il rinvio del aumenti della tariffa elettrica e gas per il mese di maggio, ma non lo ha confermato, quindi a partire da questo 1 maggio, la formula di questo nuovo aggiornamento che il Esecutivo determinato per il aliquote.

– Pubblicità –

In effetti, gli enti regolatori di entrambi i servizi, Ente nazionale di regolamentazione dell’energia (IN RE) e il Ente nazionale di regolamentazione del gas (Enargas), non pubblicarono i nuovi dipinti tariffe in attesa di una definizione specifica Economia e questo mercoledì, Caputo ha confermato che il Governo fermerebbe il aumento delle tariffe di luce e gas.

Specifica, Caputo ha risposto al tweet di una giornalista, in cui escludeva l’aumento tariffe luce e gas. L’utente X ha scritto: “L’ossessione di Governo “Ridurre l’inflazione comincia a scontrarsi con la base del programma economico: eliminare il deficit dai conti dello Stato”. Nel frattempo, il Ministro rispose: “È esattamente il contrario. Perché siamo a nostro agio dal punto di vista fiscale, diamo priorità alla riduzione dell’inflazione e non gravare per il momento la classe media con ulteriori spese”.

COSÌ, Caputo ha confermato l’applicazione dei meccanismi di indicizzazione mensile che erano stati definiti dall’art Segretario dell’Energiaper evitare il ritardo in termini reali degli introiti dei distributori e dei trasportatori, intorno al tariffe luce e gas.

È necessario menzionare che, il Governo non solo si è tirato indietro con il aumento delle tariffe di luce e gasma ha anche deciso di rinviare l’aumento del carburante e ha spiegato che ciò era dovuto alla sospensione dell’aggiornamento della tassa sul carburante (ICL) che ha rappresentato un adeguamento dei prezzi alla pompa dell’8%.

– Pubblicità –

In questo senso, il Governo pubblicherà nelle prossime ore un decreto in cui verrà dettagliato quando verrà applicato l’aumento corrispondente al quarto trimestre del 2023 delle tasse sui carburanti e sull’anidride carbonica per la benzina senza piombo, la benzina vergine e il gasolio, al 1 giugno 2024.

Anche il governo nazionale ha annunciato che il Segretario dei trasporti rinviato l’aumento del trasporto ferroviario e confermato che entrerà in vigore dal 6 maggio e avrà una differenza in caso di utilizzo della carta SALIRE.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Famiglia illesa nell’incendio della casa di Kelowna – Okanagan
NEXT Kidscreen » Archivio » Fisher-Price presenta una nuovissima collezione di giocattoli in legno