Il rapporto generale dell’ispettore della NASA evidenzia i problemi con lo scudo termico Orion

Il rapporto generale dell’ispettore della NASA evidenzia i problemi con lo scudo termico Orion
Il rapporto generale dell’ispettore della NASA evidenzia i problemi con lo scudo termico Orion

WASHINGTON – Un rapporto dell’ispettore generale della NASA ha rivelato nuovi dettagli sui problemi con lo scudo termico della navicella Orion e altri problemi che hanno ritardato il suo primo lancio con equipaggio.

Il rapporto del 1 maggio dell’Ufficio dell’ispettore generale (OIG) della NASA ha esaminato i problemi con la navicella spaziale Orion, nonché le apparecchiature di terra e la Deep Space Network, dalla missione Artemis 1 senza equipaggio lanciata alla fine del 2022.

Uno dei maggiori problemi riguardava lo scudo termico Orion. La NASA ha rivelato mesi dopo il volo che durante il rientro era andata perduta una quantità maggiore di materiale ablativo dello scudo termico rispetto a quanto previsto, ma ha aggiunto che ciò non ha rappresentato un rischio per la sicurezza del veicolo spaziale. La NASA sta ancora esaminando cosa è successo allo scudo termico, e questo è stato uno dei tre problemi che hanno portato l’agenzia a gennaio a ritardare la missione Artemis 2 dalla fine del 2024 a non prima di settembre 2025.

Secondo il rapporto OIG, la NASA ha trovato più di 100 punti sullo scudo termico in cui il materiale “si è staccato inaspettatamente” durante il rientro dell’Artemis 1. Il rapporto includeva immagini che mostravano parti butterate dello scudo termico che non erano state precedentemente rilasciate dall’agenzia.

Immagini dal rapporto OIG della NASA che mostrano danni allo scudo termico di Orion dopo la missione Artemis 1. Credito: NASA OIG

Il materiale dello scudo termico, noto come Avcoat, “si è consumato in modo diverso da quanto previsto dagli ingegneri della NASA, rompendo e rompendo la navicella spaziale in frammenti che hanno creato una scia di detriti invece di sciogliersi come previsto”, afferma il rapporto. “Il comportamento inaspettato dell’Avcoat crea il rischio che lo scudo termico non possa proteggere sufficientemente i sistemi e l’equipaggio della capsula dal calore estremo del rientro nelle missioni future.”

La NASA deve ancora trovare una causa principale per il comportamento del materiale dello scudo termico. In una risposta che accompagna il rapporto, Cathy Koerner, amministratore associato della NASA per lo sviluppo dei sistemi di esplorazione, ha affermato che i test a terra “hanno ricreato con successo la perdita di char” e che il materiale in quei test “ha le stesse caratteristiche osservate sullo scudo termico Artemis I”. Ma il rapporto dell’OIG ha osservato che mentre la NASA è stata in grado di ricreare la perdita di carbone, “non è riuscita a riprodurre l’esatta risposta del materiale o l’ambiente di volo sperimentato durante Artemis I”.

In una riunione del 26 aprile del comitato per l’esplorazione umana e le operazioni del Consiglio consultivo della NASA, Amit Kshatriya, vice amministratore associato del programma Moon to Mars, ha affermato che comprendere le prestazioni dello scudo termico era il rischio principale per la missione Artemis 2.

L’obiettivo, ha detto, è comprendere la “fisica fondamentale” del materiale dello scudo termico e come potrebbe staccarsi durante il rientro. “Ci stiamo avvicinando alla risposta finale in termini di quella causa”, ha detto, mentre altri analizzano potenziali cambiamenti nella traiettoria di rientro per alterare il carico termico sulla capsula.

“Quando metteremo insieme il tutto, o avremo una logica di volo oppure no”, ha concluso. Non ha stimato quando ciò sarebbe stato fatto, sebbene la risposta della NASA al rapporto OIG offrisse una data di completamento prevista per il 30 giugno.

Oltre alla perdita di carbonizzazione dello scudo termico, il rapporto dell’OIG afferma che tre dei quattro bulloni di separazione sulla base dello scudo termico, utilizzati per separare il modulo di servizio prima del rientro, hanno subito “scioglimento ed erosione inaspettata” a cui l’analisi post-volo ha attribuito la colpa. una discrepanza del modello termico.

La NASA prevede di riprogettare il bullone di separazione sulla successiva navicella spaziale Orion ma, per Artemis 2, installerà ulteriore materiale di protezione termica negli spazi tra i bulloni. Il rapporto aggiunge che il lavoro per Artemis 2 non potrà essere completato finché la NASA non avrà finalizzato il suo lavoro sullo scudo termico complessivo.

Altri problemi citati nel rapporto includono problemi con un’unità di distribuzione dell’energia sul modulo di servizio in cui la corrente di blocco limitata si apriva senza che gli fosse stato ordinato di farlo, cosa che la NASA ha attribuito all’esposizione alle radiazioni e ha risolto con modifiche al software di volo e alle procedure operative. Un problema con una stazione della Deep Space Network in California ha causato una perdita di 4,5 ore di comunicazioni con Orion durante la missione Artemis 1, che l’OIG ha collegato a problemi più ampi con la rete.

Il rapporto evidenzia anche danni precedentemente documentati alla torre di lancio mobile, dovuti in parte all’acustica a bassa frequenza che non è stata accuratamente modellata prima del lancio. Gli ascensori furono danneggiati perché le “porte blindate” destinate a proteggerli si rivelarono essere porte in fibra di vetro progettate solo per proteggerli dal vento. Le riparazioni al lanciatore mobile sono costate 26 milioni di dollari, più di cinque volte i 5 milioni di dollari che la NASA aveva pianificato per la ristrutturazione post-lancio.

Il rapporto fornisce sei raccomandazioni per affrontare i problemi riscontrati durante la missione Artemis 1, che la NASA ha accettato, aggiungendo che stava già lavorando su di essi. L’agenzia, tuttavia, si è lamentata nella sua risposta che l’audit dell’OIG ha causato “interruzioni al flusso di lavoro e alle priorità in corso” e che il rapporto era “più focalizzato sull’ingegneria che sull’ambito della comprensione della nostra gestione del rischio”.

L’OIG ha difeso il suo approccio alla revisione della missione Artemis 1. “Fornire raccomandazioni tempestive volte a garantire ulteriormente la sicurezza degli astronauti nella prossima missione Artemis II non solo rientra nel ruolo di supervisione dell’OIG, ma è una responsabilità vitale del nostro ufficio. “Continueremo a fornire il livello di supervisione della campagna Artemis che riteniamo appropriato”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La nuova minaccia della Cina contro Taiwan: 62 aerei da guerra e 27 navi del regime hanno fatto raid nei dintorni dell’isola
NEXT Nel pieno della crisi, il governo ha iniziato a limitare il gas alle industrie