Il capo della NASA assicura che la Cina nasconde la presenza militare nello spazio | L’UNIVERSALE

Con preoccupazione, Bill Nelson, capo della NASA, ha detto ai legislatori di Washington che la Cina avrebbe nascosto una presenza militare nello spazio. Ha assicurato che ciò avverrà attraverso i programmi civili attuati da questo paese.

“La Cina ha fatto progressi straordinari, soprattutto negli ultimi 10 anni, ma è molto, molto riservata”, ha detto Bill Nelson alla Commissione per gli stanziamenti della Camera degli Stati Uniti. Potrebbe interessarti: La Galassia Vortice è stata modellata dal passaggio ripetuto di una galassia satellite

Secondo Deutsche Welle, Nelson ha dichiarato: “Crediamo che gran parte del vostro cosiddetto programma spaziale civile sia un programma militare. E penso che, in effetti, siamo in una gara”.

“La mia preoccupazione è che la Cina arrivi per prima e all’improvviso dica ‘ok, questo è il nostro territorio, tu sei escluso’”

Bill Nelson

Recentemente è arrivata la notizia dei satelliti cinesi Queqiao-2 e dei mini satelliti Tiandu-1 e 2, che avevano catturato la foto della Terra e della Luna attraverso le tecnologie di navigazione e comunicazione lunare.

Ciò crea concorrenza per gli Stati Uniti, poiché la Cina cerca di rivoluzionare il mondo degli astronomi attraverso futuri viaggi sulla Luna. In questo senso, il satellite Queqiao-2 viene utilizzato come piattaforma di trasmissione. Leggi anche: Catturano un raro bagliore gigante proveniente da una magnetar

La NASA intende attuare il programma Artemis, per riportare l’uomo sulla Luna dopo più di 50 anni. E con questo programma in discussione, Bill Nelson lancia un avvertimento agli Stati Uniti sul vantaggio che la Cina potrebbe avere se il Paese non adottasse misure per impedire loro di correre troppo.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un ferito grave dopo lo scontro tra due camion a un pericoloso incrocio a San Genaro
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera