Le risme di messaggi di testo del fondatore del petrolio e gli incontri con l’OPEC non erano collusione, afferma il partner della fusione di Exxon, sostenendo un “malinteso fondamentale”

L’accordo da 60 miliardi di dollari di Exxon Mobil per l’acquisto di Pioneer Natural Resources giovedì ha ricevuto l’autorizzazione dalla Federal Trade Commission, ma all’ex amministratore delegato di Pioneer è stato impedito di entrare nel consiglio di amministrazione della nuova società.

Giovedì la FTC ha affermato che Scott Sheffield, fondatore di Pioneer nel 1997, ha collaborato con l’OPEC e l’OPEC+ per aumentare potenzialmente i prezzi del petrolio greggio. Sheffield si è ritirato dalla società nel 2016, ma è tornato come presidente e CEO nel 2019, ha ricoperto il ruolo di CEO dal 2021 al 2023 e continua a far parte del consiglio di amministrazione. Dal 1° gennaio ricopre il ruolo di consigliere speciale dell’amministratore delegato della società.

“Attraverso dichiarazioni pubbliche, messaggi di testo, incontri di persona, conversazioni WhatsApp e altre comunicazioni mentre era alla Pioneer, Sheffield ha cercato di allineare la produzione di petrolio attraverso il bacino del Permiano nel Texas occidentale e nel Nuovo Messico con l’OPEC+”, secondo la FTC. Ha proposto un ordine di consenso secondo cui Exxon non nominerà alcun dipendente Pioneer, con poche eccezioni, nel suo consiglio di amministrazione.

Pioneer, con sede a Dallas, ha dichiarato in una dichiarazione di non essere d’accordo con le accuse ma non impedirà la chiusura della fusione, annunciata nell’ottobre 2023.

“Sheffield e Pioneer ritengono che la denuncia della FTC rifletta un fondamentale malinteso sui mercati petroliferi statunitensi e globali e fraintenda la natura e l’intento delle azioni del signor Sheffield”, ha affermato la società.

L’accordo con Pioneer espande notevolmente la presenza di Exxon nel bacino del Permiano, un enorme giacimento petrolifero che si trova a cavallo del confine tra Texas e Nuovo Messico. Gli oltre 850.000 acri netti di Pioneer nel Midland Basin verranno combinati con i 570.000 acri netti di Exxon nel Delaware e nel Midland Basin, campi quasi contigui che consentiranno alla nuova società di ridurre i costi.

Iscriviti alla newsletter CFO Daily per rimanere aggiornato sulle tendenze, sui problemi e sui dirigenti che plasmano la finanza aziendale. Iscriviti gratis.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Salta ha chiesto prevedibilità e ha avvertito che l’approvvigionamento di energia elettrica è in pericolo
NEXT Il processo Trump vede gli investigatori tornare in carica mentre la terza settimana si avvicina