Confermano alti valori di inquinamento a San Nicolas dopo l’esplosione ad Atanor

Confermano alti valori di inquinamento a San Nicolas dopo l’esplosione ad Atanor
Confermano alti valori di inquinamento a San Nicolas dopo l’esplosione ad Atanor

Confermano alti valori di inquinamento a San Nicolas dopo l’esplosione ad Atanor

L’organizzazione ambientalista Pace verde ha pubblicato giovedì i risultati dei campioni prelevati da un team San Nicolanelle vicinanze di la pianta dell’Athanordietro il scoppiare di un reattore avvenuto il 20 marzo. Attraverso i tamponi, l’organizzazione ambientalista ha rilevato tassi elevati di atrazina, a composto tossico bandito dall’Unione Europea nel 2004 e dagli Stati Uniti.

L’analisi dei campioni prelevati il ​​22 marzo, 48 ore dopo l’esplosione, L’atrazina è stata rilevata in tutti i punti campionati, in un raggio che va dai 150 ai 350 metri dall’impianto.

Si tratta di un composto tossico vietato nell’Unione Europea dal 2004 e limitato negli Stati Uniti. È uno degli erbicidi più utilizzati nel paese. Si stima che questa sostanza possa rimanere nell’ambiente fino a cento giorni..

Precisamente, I campioni sono stati raccolti dai muri delle case e dai marciapiedi. Inoltre, un campione di terreno davanti allo stabilimento.

Rilascio di pesticidi dopo l’esplosione ad Atanor

Gli attivisti dell’organizzazione avevano visitato le vicinanze dello stabilimento Atanor nella città di San Nicolás, a Buenos Aires, dopo la esplosione con rilascio di pesticidi, avvenuto il 20 marzo 2024, per raccogliere informazioni e testimonianze su quanto accaduto.

Questi risultati hanno confermato, ancora una volta, gli impatti della produzione di atrazina sulla comunità, come denunciano da anni i residenti e come emerso dalle sentenze dei tribunali.

Atanor.jpg

Dopo l’esplosione di un reattore nella fabbrica agrochimica Atanor, situata a San Nicolás, la Giustizia ha ordinato la chiusura dell’impianto questo mercoledì.

“Le storie dell’inquinamento causato da Atanor non sono recenti. Questa azienda ha ricevuto ripetute lamentele da parte dei vicini per due decenni.“Alcuni sono venuti davanti alla giustizia per l’inquinamento a cui sono stati esposti”, ha detto Leonel Mingo, coordinatore della campagna tossica di Greenpeace.

>>Per saperne di più: Sentenza storica contro un’azienda per aver contaminato il Paraná e causato gravi danni alla

Atanor continua le sue attività nonostante una sentenza del tribunale dell’anno scorso per inquinamento e gravi danni alla salute delle persone.“, ampio.

Questi nuovi campioni forniscono dati concreti sulla contaminazione da atrazina a San Nicolás. “Continueremo a denunciare la contaminazione e chiederemo che le cause e l’impatto dell’esplosione siano indagati urgentemente”, ha aggiunto Mingo.

Atanor: risultati dell’analisi del campione

Sono stati prelevati campioni dalle pareti e dai pavimenti delle case vicine, fuori dalla strada, utilizzando tamponi.

Il primo campione ha mostrato 1.555 µg/cm2, mentre il secondo era 1.775 µg/cm2. Intanto, in secondo luogo, sono stati prelevati campioni tramite tampone sul marciapiede antistante lo stabilimento Atanor e nello stesso punto sono stati prelevati anche campioni di terreno.

Nel terzo prelievo, tramite tampone, sono comparsi i valori 11,083 µg/cm2, mentre nel quarto il prelievo ha indicato 481,83 ± 60,27 µg/kg.

Leggi tutto: Esplosione ad Atanor: Greenpeace avverte che rimangono tracce di atrazina sulle strade pubbliche di San Nicolás

Questi risultati indicano la più alta concentrazione nel campione 3 rispetto ai campioni 1 e 2indicando la vicinanza al punto in cui è stato rilasciato il composto e rafforzando i risultati della dispersione verso la zona in cui sono stati prelevati i campioni 1 e 2.

Da Pace verde lo hanno sottolineato Il campione di terreno presenta un’elevata concentrazione, nonostante un’elevata deviazione dovuta all’eterogeneità del campione..

Cos’è l’atrazina

IL atrazina è un erbicida Quello È commercializzato dagli anni ’60. È un composto tossico che viene utilizzato principalmente per controllo delle infestanti. In Argentina è uno dei tre pesticidi più utilizzati, nonostante sia vietato in 37 paesi, compresa l’Unione Europea..

Il Ministero dell’Ambiente nazionale ha analizzato nel 2021 gli impatti dell’erbicida sull’ambiente e sulla salute e ha rilevato “i rischi inerenti all’uso dell’atrazina come erbicida”.

È opportuno sottolineare che l’esposizione umana a questo prodotto chimico avviene attraverso diverse vie e scenari espositivi e ciò può provocare una molteplicità di effetti nocivi. Questo erbicida è moderatamente persistente nel suolo e nell’acqua (tra 30 e 100 giorni).

Greenpeace lo aveva già fatto denunciò penalmente l’azienda per contaminazione dell’acqua nel 1998. A quel tempo, Atanor aveva uno stabilimento a Llavallol e furono analizzati campioni prelevati da Arroyo Rey (parte del bacino Matanza – Riachuelo), attraverso i quali fu confermata la contaminazione con elementi tossici.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I funzionari del Maryland rilasciano la tempistica e la stima dei costi per la ricostruzione del ponte
NEXT Mahindra XUV700 Blaze Edition pranzata in India, prezzo a partire da Rs 24,24 Lakh