ha rilevato 26 aerei cinesi e 5 navi vicino al suo territorio pochi giorni prima dell’inaugurazione di Lai Ching-te

ha rilevato 26 aerei cinesi e 5 navi vicino al suo territorio pochi giorni prima dell’inaugurazione di Lai Ching-te
Taiwan ha rilevato 26 aerei cinesi e 5 navi vicino al suo territorio pochi giorni prima dell’inaugurazione di Lai Ching-te

ha rilevato 26 aerei cinesi e 5 navi vicino al suo territorio pochi giorni prima dell’inaugurazione di Lai Ching-te (EUROPA PRESS)

Lui Ministero della Difesa di Taiwan ha annunciato questo venerdì il rilevamento di 26 aerei e cinque navi dell’esercito cinese nelle ultime 24 ore nei pressi del suo territorio.

Secondo la dichiarazione rilasciata dall’esercito taiwanese, 17 degli aerei rilevati “sono entrati nel nord e nel centro della zona di identificazione della difesa aerea” dell’isola.

La spedizione di questi aerei avviene settimane prima dell’insediamento, il 20 maggio, del presidente eletto di Taiwan, Lai Ching-tedescritto dalla Cina come un pericoloso separatista.

Il regime di Pechino rivendica Taiwan come parte del suo territorio e non rinuncia a usare la forza per prendere il controllo dell’isola.

Negli ultimi anni, la Cina ha aumentato il pressione militare, economica e diplomatica su Taiwan, in coincidenza con la presidenza di Tsai Ing-wenche rifiuta la sovranità di Pechino sul territorio dell’isola.

Il suo vice presidente Lai ha vinto le elezioni presidenziali di gennaio nonostante gli avvertimenti di Pechino che avrebbe portato “guerra e declino” a Taiwan.

La principale agenzia di intelligence cinese ha promesso di combattere l’indipendenza di Taiwan e di estendere il sostegno al “riunificazione pacifica” del territorio in vista della presa di possesso Lai Ching-te.

La spedizione di questi aerei avviene settimane prima dell’insediamento, il 20 maggio, del presidente eletto di Taiwan, Lai Ching-te, descritto dalla Cina come un pericoloso separatista (EFE/EPA/Daniel Ceng)

Il Ministro della Sicurezza dello Stato del regime di Pechino, Chen Yixinha sottolineato che il Intelligenza cinese sta unendo le forze per “combattere risolutamente ogni forma di movimento indipendentista taiwanese”, motivo per cui spera di contrastare l’ingerenza di forze straniere e punire le spie taiwanesi che agiscono a favore dell’indipendenza”.

“Dobbiamo fare ogni sforzo per promuovere la riunificazione, rafforzare il potere delle forze patriottiche ad essa favorevoli ed espandere il sostegno dell’opinione pubblica a favore della riunificazione pacifica”, ha affermato secondo le dichiarazioni riportate dal giornale. Posta del mattino della Cina meridionale.

Taiwan, da parte sua, sta monitorando da vicino le attività militari della Cina in vista dell’insediamento del presidente eletto, ha affermato il direttore generale dell’Ufficio per la sicurezza nazionale. Tsai Ming-yen.

Dopo la sua apparizione in Parlamento, il capo dell’agenzia di intelligence ha affermato che Esercito popolare di liberazione cinese (EPL) effettuerà le sue manovre di routine tra Giugno e novembresubito dopo Lai Ching-te assumere la carica di presidente.

L’Ufficio per la Sicurezza Nazionale sta studiando se il Partito Comunista Cinese utilizzerà questa presa del potere come scusa per condurre manovre militari volte ad aumentare la pressione su Taiwan.“, ha indicato.

Taiwan sta monitorando attentamente le attività militari della Cina prima dell’insediamento del presidente eletto, ha affermato il direttore generale dell’Ufficio per la sicurezza nazionale, Tsai Ming-yen (REUTERS/Carlos Garcia Rawlins).

Parlando davanti ai legislatori, Tsai ha affermato che i funzionari dell’intelligence stanno prestando particolare attenzione ai possibili cambiamenti nella dimensione e nel formato delle esercitazioni dell’EPL.

Una nuova tendenza è la realizzazione di “pattuglie notturne” di prontezza al combattimento: recentemente l’esercito cinese ne ha effettuati tre esercizi notturni con navi da sbarco, dragamine e navi cisterna, che fino ad ora è qualcosa di nuovo, ha detto Tsai.

Di conseguenza, le forze armate taiwanesi hanno adottato “contromisure” per rispondere a queste manovre, ha indicato il funzionario.

La Cina ha intensificato la pressione su Taiwan con varie misure, tra cui l’aumento delle pattuglie della guardia costiera attorno alle isole Kinmen e la modifica di diverse rotte aeree attraverso lo stretto.

A queste tattiche si sono affiancati, negli ultimi giorni, altri annunci, come la parziale ripresa del turismo tra Cina e Taiwan o l’apertura all’importazione di pompelmi e altri prodotti agricoli e della pesca dall’isola.

La settimana scorsa Lai ha ribadito la sua offerta di dialogo alla Cina senza precondizioni, ma le autorità di Pechino sostengono che qualsiasi interazione ufficiale tra le due parti deve avvenire sulla base di “una Cina” nel mondo.

(Con informazioni da EFE, AFP e Europa Press)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV la salute del sindaco di Buenos Aires dopo il terribile incidente
NEXT 100 frasi del Memorial Day negli Stati Uniti per onorare i veterani della tua famiglia | MESCOLARE