30 giorni dopo l’esplosione del reattore di ATANOR.

30 giorni dopo l’esplosione del reattore di ATANOR.
30 giorni dopo l’esplosione del reattore di ATANOR.

2 maggio 2024 – 09:14

“Sabato prossimo, 4 maggio, manifesteremo di nuovo, a partire dalle 17:00 a Montevideo e Rivadavia”, dicono i vicini.

Comunicato dei vicini autoconvocati: “Il 30° giorno da quella fatidica mattina, ci siamo svegliati con un’esplosione nel reattore della centrale e il conseguente incendio, con la fuoriuscita di Astrazina, un derivato chimico degli erbicidi, per chilometri.

Abbiamo iniziato a visualizzare ciò che soffriamo quotidianamente con gli odori e con le vasche di trattamento dei rifiuti all’aperto, in alcuni casi in ogni famiglia si è accumulata incertezza e panico sull’entità di una simile catastrofe, i vicini sono stati completamente abbandonati dalle autorità comunali manovre improvvisate senza certezze, la scuola 17 ha dovuto sospendere le lezioni con insegnanti e alunni con occhi e labbra gonfi, le raccomandazioni erano di lavare il prodotto chimico con acqua e, in un’altra versione, di non farlo a causa della loro reazione, gli animali domestici che Anche i cortili hanno subito le conseguenze, l’unica dichiarazione pubblica è stata quella di una veterinaria locale sul canale locale che ha denunciato la pericolosità del prodotto che era arrivato a cani, gatti e uccelli.

Fino ad allora l’incertezza ha raggiunto il panico, per cui l’autoconvocazione è passata alle prime conclusioni. Un’industria di erbicidi non può essere localizzata nel cuore dell’area urbana. Deve andare adesso!!

30 anni di questa rivendicazione, la giustizia in tutto questo tempo ha attuato misure con sanzioni, multe, che l’azienda ha dovuto pagare per continuare a operare, manifestazioni pubbliche sono state registrate anche da vicini e lavoratori licenziati, organizzazioni sociali e politiche, nel 2014 e nel 2016 , il potere politico di tutti i colori volta le spalle o non prende di conseguenza una decisione definitiva, Atanar deve essere trasferito, in questa occasione lo hanno fatto gli stessi vicini, noi che ne soffriamo insieme alle nostre famiglie con drammatiche conseguenze del cancro in casa Tra alcuni membri, i morti si contano ogni anno a dozzine, basta fare un giro nel quartiere di Química per capire da dove viene l’appello alla sesta marcia di sabato prossimo che chiede lo spostamento urgente dell’area urbana. Le nostre vite e le nostre famiglie stanno scomparendo in questo.

Sabato prossimo, 4 maggio, manifesteremo di nuovo, dalle 17:00 a Montevideo e Rivadavia, con una richiesta di firme e un appello alla solidarietà a tutti coloro che potranno venire, per marciare di nuovo attraverso Rivadavia dalle 17:00 alle 17:00 le porte di ATANOR – ALBAUGH”.

Commenti:

Altre notizie locali:

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Furto d’oro: il manager ruba oro del valore di ₹ 91 litri dall’azienda | Notizie Rajkot
NEXT Un ferito nell’incendio di un autobus di sabato sulla Garden State Parkway a Wall NJ