La NASA colloca gli studenti peruviani che hanno progettato veicoli spaziali tra i primi 10 | Notizia


Di Camila Julón

Il concorso Human Exploration Rover Challenge (HERC) 2024 della NASA mira a promuovere la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie spaziali. Gli studenti del Progetto Ares dell’Università di Piura sono tornati a gareggiare con il proprio veicolo spaziale e sono riusciti a entrare nella top 10 dopo aver affrontato università di tutto il mondo.

L’HERC 2024 è una delle più grandi competizioni indette dalla NASA e prevede varie divisioni, alle quali possono partecipare sia studenti universitari che studenti delle scuole superiori.

Questo concorso internazionale mira a trovare e promuovere giovani menti per sviluppare nuove tecnologie che possano aiutare, in futuro, a pianificare ed eseguire varie missioni spaziali.

In questo senso, il Progetto Ares – un gruppo di studenti universitari incaricato di promuovere possibilità innovative nel campo dell’esplorazione spaziale – si è avventurato a costruire un Veicolo a propulsione umana (HPV), che ha superato una serie di test che simulano l’impegnativo e il robusto Terreno della superficie di Marteil pianeta più vicino alla Terra e sul quale la NASA spera di inviare in futuro missioni esplorative con astronauti.

Il presidente del progetto Ares, Sebastian Adanaqué, 21 anni, ha detto al Agenzia andina Che, in questa edizione, la squadra si è rafforzata con studenti di ingegneria, così come con studenti provenienti da altre carriere.

Nell’HERC 2023 sono riusciti a piazzarsi al 19° posto su 200 università a livello mondiale. Per questa edizione, gli studenti di ingegneria incaricati della progettazione e costruzione dell’astromobile non hanno dovuto preoccuparsi di tutto ciò che riguardava il budget o la comunicazione.

“Nella scorsa competizione includevamo solo ingegneri, ma in questa edizione Volevo incorporare tutti, per avere il contributo di tutti. Qualcuno dovrebbe concentrarsi, ad esempio, sull’edilizia e non guardare a ciò che ha a che fare con i soldi, perché per questo c’è una specialità, una carriera e le persone”, afferma.

Questa apertura verso le altre gare non solo è riuscita a far lavorare la squadra in modo più organico, e così hanno ottenuto il 10° posto tra le 85 università, Ha anche permesso loro di aggiungere a Riconoscimento della NASA per il loro grande lavoro nella diffusione delle aree STEM sui social network. Questo riconoscimento li ha posizionati al di sopra delle oltre 200 università di tutto il mondo che hanno gareggiato all’evento.

La costruzione del rover venne sviluppata a Lima grazie a a accordo con il SEMAN della FAP. Una volta terminato, è stato portato a Piura, presso le strutture dell’Università, affinché il team potesse effettuare gli ultimi preparativi e verificarne il funzionamento.

I membri del team hanno lavorato alla progettazione del veicolo spaziale dal lunedì al sabato per rispettare le date stabilite nel loro calendario e lasciare l’astromobile pronta prima dell’inizio delle lezioni, poiché una volta iniziato il ciclo regolare sarebbero tornati a Piura per continuare gli studi. Questo accordo con la FAP è stato finalizzato perché gli studenti dovevano farlo trovare i propri mezzi per coprire le spese che hanno portato alla creazione e produzione del rover e una delle sue strategie sono gli accordi.

A differenza di altri concorsi, presso l’HERC della NASA Non è possibile utilizzare materiali commerciali. Tutti gli elementi devono essere creati dagli studenti, quindi devono partire da zero. Esiste però un team dedicato solo alla ricerca di sponsor, che a questo scopo si rivolge ad aziende private convincerli a collaborarepartecipare e sostenere la crescita delle scienze in Perù sostenendo il progetto.

Ares Project ha lavorato virtualmente alla progettazione e ha quindi effettuato test in un laboratorio digitale per trovare la versione che funziona meglio e soddisfa i requisiti richiesti dal concorso. Alcuni dei requisiti richiesti dalla NASA è che il veicolo può stare in un cubo di 1,5 metri di lato. Inoltre, deve pesare meno di 70 chiliEssere pieghevole e il tempo di viaggio deve essere breve. Oltre a ciò, è necessario progettare uno strumento che consenta al veicolo di svolgere una serie di compiti durante lo svolgimento del viaggio.

Per finanziare il viaggio e la costruzione dell’astromobile, il team di Ares Project ha raccolto fondi attraverso attività promosse sui propri social network.

Essendo l’unico rappresentante del Perù, i membri del gruppo Ares si sentono molto bene orgoglioso e felice di essere stato selezionato. “Circa 320 università in tutto il mondo fanno domanda, di cui la NASA ne sceglie solo 80, quindi da lì, credo, sia un risultato totale. È sentirsi orgogliosi di ciò che costruisci tu stesso”, sottolinea. La preselezione prevedeva una revisione del suo design.

Per la sua parte, José Rodolfo Palacios Elíasmembro del team e direttore dell’ingegneria, ha detto a Agenzia andina che il team ha iniziato il viaggio di buon umore, poiché il veicolo spaziale da loro progettato è arrivato in condizioni ottimali. I 15 membri selezionati della delegazione sono riusciti a ottenere il visto senza ostacoli e i pochi problemi che hanno avuto con il rover sono stati risolti rapidamente, perché erano pronti per quella situazione.

La competizione È iniziato il 18 aprile e si è concluso il 22 aprile.. Il primo giorno sono state effettuate la registrazione e il processo di assemblaggio. Inoltre, un membro della squadra ha percorso il circuito a piedi per tenere conto del tipo di terreno e dei compiti da svolgere.

Il 19 aprile è proseguita con il processo di assemblaggioBeh, un veicolo grande. Il giorno successivo è iniziata la gara. Durante il giro hanno dovuto fermarsi più volte per risolvere alcuni problemi al meccanismo, ma il tempo era bello.

Il 21 aprile il secondo ed ultimo giorno di gara, il veicolo aveva già le rispettive correzioni e sono riusciti a migliorare il tempo del primo giorno. Sono inclusi anche i minuti investiti nella revisione e nell’impiego del rover, con cui hanno anche battuto il record di gruppo e il tempo totale raggiunto 7 minuti e 46 secondi. La giornata si è conclusa con 106 punti tra compiti, ostacoli e altre valutazioni.

Dopo essere stato annunciato nella Top 10, Palacios ha confessato che è stata un’emozione incredibile. “Quella situazione è stata davvero molto emozionante, perché abbiamo iniziato tutti a saltare come matti, siamo saliti sul palco e ricordo molto bene che Sebastián era davanti. Abbiamo iniziato a gridare, portando la bandiera del Perù e beh, è ​​stata un’esperienza che ho vissuto mai avuto prima.” sperimentato prima anche se è la seconda volta che partecipo all’Ares. Spero che per la prossima edizione anche i ragazzi dell’Ares abbiano questo sentimento di appartenenza alla squadra e sarebbe molto importante che da adesso in poi lo sia incluso in tutte le gare come ha fatto Sebastián in questo momento,” ha dichiarato.

D’altra parte, Adanaqué afferma che la squadra continuerà a cercare di scalare la classifica e che questa esperienza non solo ha permesso loro di dimostrare il livello del Perù, ma ha anche permesso loro, vedendo le creazioni di altre università, di imparare di più e potrà mettere alla prova più elementi l’anno prossimo.

“Bisogna continuare a migliorare, cercare sempre l’eccellenza. Non basta, come dico sempre, fare le cose bene, bisogna farle in modo eccellente. Bisogna uscire da quella zona di comfort ed è quello che ho cercato di fare.” infondere, e credo che sia stato raggiunto, tutto il team sin dall’inizio del progetto”.

Dato che è l’ultimo anno in cui entrambi faranno parte della squadra, i giovani ingegneri cercano di lasciare un buon segno affinché i membri successivi possano continuare a migliorare e lasciare alto il nome della loro università e del paese.

(FINE) CJP/SPV

Pubblicato: 3/5/2024

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Processo segreto: all’interno dell’aula di tribunale dove Trump è stato costretto ad ascoltare Stormy Daniels
NEXT Il processo contro Donald Trump è rinviato senza data e lui potrebbe arrivare alle elezioni senza condanna