La produzione statunitense di petrolio e gas è in forte espansione. Lo stesso vale per le donazioni dell’industria agli alleati repubblicani.

La produzione statunitense di petrolio e gas è in forte espansione. Lo stesso vale per le donazioni dell’industria agli alleati repubblicani.
La produzione statunitense di petrolio e gas è in forte espansione. Lo stesso vale per le donazioni dell’industria agli alleati repubblicani.

August Pfluger, un veterano dell’aeronautica militare e membro della Camera degli Stati Uniti che rappresenta un piccolo distretto nel Texas occidentale, non è esattamente un nome familiare sulla scena politica nazionale, con poca copertura da parte della stampa negli ultimi due mesi, a parte una recente apparizione su Fox News.

Ma è lui il principale beneficiario dei contributi elettorali del settore petrolifero e del gas, tra tutti i candidati federali, tra cui il presidente Biden, Donald Trump e il senatore del Texas. Ted Cruz: ha ricevuto 573.721 dollari durante l’attuale ciclo elettorale del 2024, secondo i dati sul finanziamento della campagna compilati da Open Secrets.

Ciò supera addirittura i 500.000 dollari spesi dall’American Petroleum Institute in Pennsylvania solo nel primo trimestre del 2024 per esercitare pressioni su agenzie statali e legislatori. Nel 2022 l’API ha speso di più in Pennsylvania, il secondo stato nazionale produttore di gas naturale, rispetto a qualsiasi altro stato.

Pfluger si candida alla rielezione, anche se non si tratta di una corsa competitiva nel distretto fortemente repubblicano, che comprende parte del bacino del Permiano, la più grande regione produttrice di petrolio del paese.

Ma Pfluger è stato un fedele alleato dell’industria, guidando l’opposizione del Congresso alla pausa dell’amministrazione Biden sulle esportazioni di gas naturale liquefatto. Quando Pfluger è entrato al Congresso nel 2021, il suo primo atto legislativo proponeva di vietare all’amministrazione Biden di chiedere una moratoria sul rilascio di nuovi permessi di petrolio e gas per le trivellazioni su terreni federali. Ha dichiarato alla Camera: “La mia principale preoccupazione al Congresso è proteggere la nostra industria del petrolio e del gas dai democratici radicali che presto controlleranno la Camera, il Senato e la Casa Bianca”. L’ufficio di Pfluger non ha risposto alle richieste di commento.

La sua preoccupazione riflette quella dell’industria, che favorisce fortemente i repubblicani quando si tratta di donazioni elettorali. Eppure il settore è in forte espansione sotto l’amministrazione Biden – si prevede che la produzione di petrolio negli Stati Uniti raggiungerà livelli record nel 2024, con una crescita dell’occupazione nel settore che supererà il mercato del lavoro complessivo – ma tale performance è dovuta meno alla politica del governo e più a fattori globali. come la guerra in Ucraina e l’aumento dei prezzi derivante dalla domanda post-pandemia.

Biden ha fatto arrabbiare l’industria con la sua ambiziosa agenda sul clima e molti democratici hanno spinto affinché le energie rinnovabili sostituissero i combustibili fossili. Al contrario, Trump ha sostenuto l’eliminazione di molte normative sulle compagnie petrolifere, del gas e del carbone, e i repubblicani hanno generalmente sostenuto politiche che aiutano l’industria.

Questa divisione si riflette chiaramente nei contributi elettorali del settore: secondo Open Secrets, le compagnie petrolifere e del gas contribuiscono ai candidati repubblicani e ai gruppi conservatori più di sette volte in più rispetto ai democratici e ai gruppi liberali. Nel ciclo elettorale del 2024, il settore ha contribuito con più di 25 milioni di dollari al GOP e ai gruppi conservatori rispetto ai 3,6 milioni di dollari versati ai Democratici al 16 aprile. A questo ritmo, la divisione nelle donazioni sarà ancora più ampia di quanto non fosse durante il competitivo 2020. elezioni. Per alcuni giganti del petrolio il divario è ancora più netto. Koch Industries, il conglomerato con sede nel Kansas, ha contribuito finora con 1,3 milioni di dollari ai repubblicani e solo 710 dollari ai democratici nel 2024. Dei 20 principali contribuenti del settore, solo il produttore petrolifero con sede nel Wyoming Samson Energy ha dato più ai democratici che ai repubblicani .

Insieme a Pfluger, gli altri cinque principali destinatari dei finanziamenti derivanti dal petrolio e dal gas in questo ciclo sono tutti repubblicani: Trump (501.014 dollari), che ha perso i candidati presidenziali Ron DeSantis (496.927 dollari), Nikki Haley (431.817 dollari) e Cruz (445.232 dollari).

Al contrario, il settore delle energie rinnovabili (che comprende solare, eolico, geotermico, idroelettrico e biocarburanti) ha contribuito quasi il doppio ai democratici (3,92 milioni di dollari) rispetto ai repubblicani (2,15 milioni di dollari) in questo ciclo.

“Nonostante il fatto che il petrolio stia andando incredibilmente bene sotto la presidenza Biden, l’industria e i suoi alleati hanno continuato a sostenere il punto di discussione fuorviante secondo cui Biden è impegnato in una guerra al petrolio e al gas, la realtà è che sta cercando di proporre alcune regole modeste sul settore”, ha affermato Alan Zibel, analista di Public Citizen. “L’industria preferisce i repubblicani perché faranno quello che vogliono che facciano”.

In alcuni casi, la legislazione fa un passo avanti anche rispetto al settore, “inspingendo gli omaggi del settore” nell’Inflation Reduction Act, ha affermato Zibel. Nel 2023 Pfluger ha introdotto una legislazione che avrebbe abrogato una tassa intesa a scoraggiare le emissioni di metano, una tassa che in realtà era sostenuta da diverse compagnie petrolifere e del gas.

Tra i maggiori contribuenti politici del settore c’è il potente American Petroleum Institute (API), che finora ha contribuito con circa 3,7 milioni di dollari in questo ciclo, la stragrande maggioranza a gruppi conservatori e candidati repubblicani. Il gruppo sta anche spendendo otto cifre in una campagna pubblicitaria televisiva e digitale nazionale, soprannominata la campagna Lights on Energy, che cerca di spingere per una maggiore produzione nazionale di petrolio e gas e di “smantellare” le minacce politiche, comprese parti dell’agenda climatica dell’amministrazione Biden.

In risposta alla domanda sul perché favorisca i candidati repubblicani, il portavoce dell’American Petroleum Institute Scott J. Lauermann ha risposto:

“L’API supporta i leader di entrambi i partiti che si allineano con le nostre priorità politiche e riconoscono l’importanza del gas naturale e del petrolio statunitensi nel sostenere milioni di posti di lavoro americani, soddisfare la domanda di energia affidabile e conveniente e ridurre le emissioni attraverso combustibili più puliti”.

Il gruppo esercita la sua influenza anche attraverso spese di lobbying, soprattutto in Pennsylvania, un obiettivo chiave per gruppi come API perché il suo governatore democratico, Josh Shapiro, è sotto pressione da parte dei gruppi ambientalisti per allontanare l’economia dello stato dai combustibili fossili.

In Pennsylvania, le donazioni dell’industria sono state più bipartisan, con i legislatori di entrambi i partiti che hanno attirato contributi elettorali dai produttori di petrolio e gas. L’unico contributo elettorale apportato finora a questo ciclo da First Energy, un’azienda elettrica che ha recentemente abbandonato il suo obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra entro il 2030 perché non può sostituire due centrali a carbone, è andato a Joanna McClinton, portavoce democratica della State House of Rappresentanti. Uno dei maggiori produttori di gas dello stato, Range Resources, ha finora indirizzato le sue donazioni solo ai candidati repubblicani, tra cui il tesoriere statale Stacy L. Garrity e diversi rappresentanti statali che fanno parte del potente Comitato per le risorse ambientali ed energetiche, che supervisiona l’industria.

In una delle battaglie più competitive dello Stato, il senatore democratico in carica. Bob Casey ha raccolto finora circa 50.000 dollari dal settore, meno della metà di quanto raccolto (119.521 dollari) dal suo avversario repubblicano, David McCormick. Parte del fascino di McCormick è stata la sua forte opposizione alla pausa dell’amministrazione Biden sulle esportazioni di gas naturale liquefatto (ha recentemente promesso di inondare il mercato globale con gas naturale) e le sue critiche a Casey per aver votato per sovvenzionare i veicoli elettrici e i pannelli solari attraverso la riduzione dell’inflazione. Atto.

A dimostrazione di quanto sia potente la questione del gas naturale liquefatto in Pennsylvania, i senatori democratici dello stato, Casey e John Fetterman, sono stati entrambi espliciti nella loro opposizione al divieto, esprimendo le loro “preoccupazioni per gli impatti a lungo termine che questa pausa “avrà migliaia di posti di lavoro nell’industria del gas naturale della Pennsylvania”.

La Pennsylvania vedrà un “flusso di denaro da parte dell’industria”, ha previsto Zibel. “Le decisioni prese dai suoi legislatori determineranno i futuri profitti dei produttori di petrolio e gas nello stato”.

Questo articolo è stato prodotto dalla pubblicazione giornalistica senza scopo di lucro Capitale e principale. È co-pubblicato qui con il permesso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Prezzo delle azioni IRFC di Multibagger in primo piano dopo i risultati del quarto trimestre, annuncio dei dividendi
NEXT Indipendenza finanziaria, non pensionamento anticipato