Gli anziani laureandi condividono le loro storie: i professori forniscono una spinta incoraggiante per il futuro entomologo

Gli anziani laureandi condividono le loro storie: i professori forniscono una spinta incoraggiante per il futuro entomologo
Gli anziani laureandi condividono le loro storie: i professori forniscono una spinta incoraggiante per il futuro entomologo

Gli anni del college sono un momento di crescita eccezionale, dal punto di vista accademico, sociale e filosofico. Chi sei il primo giorno è spesso molto diverso dalla persona che lancia il berretto in aria all’inizio. Mentre i membri della classe del 2024 concludono il loro tempo come studenti universitari, chiediamo loro di condividerer storia di trrisposta.

Gestire i creepies e i crawlies non è per tutti, ma Maia Crummett verrà di corsa a controllare qualcosa con più gambe.

“Anche se gli insetti sono davvero piccoli, è bello come ogni parte di loro funzioni per uno scopo”, ha detto Crummett. “Li ho trovati affascinanti.”

Crummett si laureerà questo maggio con due lauree, una in economia agricola e un’altra in scienze delle piante e del suolo, e progetta di diventare un entomologo (uno scienziato concentrato sullo studio degli insetti). Dice che la carriera di professore potrebbe essere la fine del gioco, anche se ci vorranno molti anni di studio prima che lei decida.

Crummett non si preoccupa degli insetti, ma ciò che gli fa venire i brividi lungo la schiena è parlare davanti a grandi gruppi di persone. Preferisce ancora le mantidi religiose al parlare in pubblico, ma la paura rapida e calda che una volta produceva nel nativo di Redding si è attenuata.

Attribuisce ai suoi professori il merito di averla aiutata ad affrontare le sue più grandi paure, prima conoscendola e costruendo fiducia, e poi sfidandola a sforzarsi. Dice che questa formula ha contribuito a sbloccare il potenziale che non sapeva fosse lì.

Dice che “Entomologia economica” è stato il corso più difficile che ha seguito, ma poiché ama le belle sfide, è stato anche il suo preferito. La professoressa Elizabeth Boyd riconobbe la sua attitudine per l’argomento e mise in contatto Crummett con il consulente (ed ex professore della Chico State) Steve Gruenwald, portandola a una posizione di lavoro con 27 diversi coltivatori e perlustrando 22.000 acri di frutteti alla ricerca di parassiti. I coltivatori non solo sono stati gentili e ben informati, ma hanno confermato a Crummett che apparteneva all’ag. Ora ha intenzione di conseguire un dottorato in entomologia ed eventualmente insegnare o lavorare a fianco dei coltivatori sul campo.

Nelle sue stesse parole:

Un grosso ostacolo per me è la mia mentalità. Sento quella vocina nella parte posteriore della mia testa e inizio a chiedermi cose come: cosa farò con una laurea in agraria se non vivo in una fattoria, e le loro posizioni saranno disponibili per me in ag come donna?

Ma il sistema di supporto qui è stato fantastico. Il mio coraggio è venuto da una combinazione della mia mentalità, secondo cui il fallimento non è davvero un’opzione, e dal sistema di supporto qui. Anche quando le cose non vanno bene, torno subito al lavoro e riprovo finché non ci riesco. Ma allo stesso tempo, non avrei mai tenuto una presentazione orale di 10 minuti in un’aula di dottorandi se il Dr. Z (professor Hossein Zakeri) non mi avesse iscritto e non mi avesse detto che avevo un mese per prepararmi. Le persone qui sono disposte a sfidarmi perché vedono qualcosa in me che forse non vedevo in me stesso.

Non sono un oratore molto eloquente, quindi presentare la ricerca davanti ai dottorandi è stato spaventoso. Era qualcosa che non avrei mai fatto da solo. Ma il dottor Z mi ha detto: “L’inglese non è la mia prima lingua”. Se posso farlo io, puoi farlo anche tu.’ E ogni volta che mi sono alzato e ho parlato davanti alla gente, lui era in mezzo alla folla. Ogni volta che vedo la sua faccia là fuori è così incoraggiante.

Mi ha incluso anche nella sua ricerca sulle fave. Tutta quell’esperienza, incluso l’opportunità nel mondo reale di sporcarmi le mani ed espandere la mia base di conoscenze è stata impagabile.

Ho capito il modo in cui imparo e cosa mi motiva, e l’ho usato per uscire dalla mia zona di comfort. Sono stupito di quanti professori e personale abbiano dedicato del tempo per conoscermi in quel modo. Quando cammino per il corridoio mi salutano tutti. Conoscono tutti il ​​mio nome. Lo scorso semestre mi sono ammalato davvero e il medico mi ha detto che non sarei tornata a scuola quel semestre. Ho inviato un’e-mail a Lindsey Jeffery (Consulente per il successo degli studenti del College of Agriculture) e Nel giro di pochi giorni tutti i miei professori mi mandavano e-mail, mi chiamavano e facevano tutto ciò di cui avevano bisogno per aiutarmi ad avere successo. I miei amici stavano inviando pacchetti via email. Quando sono stato abbastanza bravo da tornare a scuola, ero completamente preso.

Le opportunità che ho avuto sul campo e in classe mi hanno dato l’opportunità di crescere in modi che non avrei mai potuto immaginare.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Johnny Clark celebra la 50a vittoria del PASS al White Mountain Motorsports …
NEXT Il Barcellona si assicura il secondo posto nella Liga vincendo sul Rayo