Uomo, 79 anni, accusato di omicidio nel 1966 in cui una donna fu pugnalata 120 volte

Uomo, 79 anni, accusato di omicidio nel 1966 in cui una donna fu pugnalata 120 volte
Uomo, 79 anni, accusato di omicidio nel 1966 in cui una donna fu pugnalata 120 volte

Gli ultimi titoli dei nostri giornalisti negli Stati Uniti vengono inviati direttamente nella tua casella di posta ogni giorno feriale

Il tuo briefing sulle ultime notizie da tutti gli Stati Uniti

Una madre di 18 anni fu brutalmente pugnalata a morte più di 120 volte mentre il suo bambino dormiva nelle vicinanze nel 1966, ora il suo presunto assassino è stato arrestato grazie a nuove prove del DNA.

Karen Snider fu trovata dal marito a Calumet City, a circa 23 miglia da Chicago, il 12 novembre 1966, e il caso presto si sgonfiò.

Ora, il 79enne James Barbier si trova ad affrontare un’accusa di omicidio dopo che un nuovo test del DNA lo ha abbinato alle macchie di sangue sui pantaloni e sul vestito della signora Snider.

Il 26 aprile è stato emesso un mandato d’arresto e pochi giorni dopo il sospettato è stato arrestato nel Missouri.

“È stata probabilmente una delle migliori telefonate della mia vita”, ha detto Paula Larson, la figlia di Snider, della notizia che la polizia aveva riaperto il caso.

Karen Snider fu pugnalata a morte mentre il suo bambino dormiva nelle vicinanze a Calumet City, Illinois, nel 1966 (CBS 2Notizie)

Ha aspettato una risposta per 57 anni dopo che sua madre è morta quando lei aveva solo un paio di mesi.

“Era una donna bellissima. Assolutamente sbalorditivo”, ha detto la signora Larson ai giornalisti di sua madre.

Suo padre, Paul Snider, lavorava nelle ferrovie e tornò a casa quella fatidica notte per trovare una scia di sangue attraverso la loro casa.

In seguito spiegò alla signora Larson cosa era successo a sua madre quando aveva circa 11 anni.

James Barbier è sospettato di aver ucciso Karen Snider quasi 60 anni fa (Dipartimento di polizia della città di Calumet / Notizie CBS 2)

Il sospettato ha lavorato con il signor Snider e ha anche contribuito a trasportare la bara della sua presunta vittima.

“La polizia ha notato al funerale che aveva delle ferite, quindi era sul loro radar allora”, ha detto la signora Larson.

La polizia ha interrogato allora il signor Barbier, ma non lo ha mai accusato.

Ora, quella nuova prova del DNA, ottenuta a seguito di un mandato di perquisizione a dicembre, potrebbe essere la chiave per ottenere una condanna.

Giovedì il signor Barbier è comparso in tribunale, con il giudice che gli ha permesso di tornare nel Missouri in attesa del processo a causa delle sue condizioni mediche.

La famiglia della signora Snider ha detto di sperare di poter finalmente vedere giustizia.

L’indipendente si è rivolto al dipartimento di polizia della città di Calumet e al procuratore dello stato della contea di Cook per ulteriori commenti.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il bilancio federale avvia una riforma urgente dell’università
NEXT Il greggio di Bassora emerge nonostante il declino globale del petrolio