Gli studenti non smetteranno di protestare per la Palestina, anche durante la loro laurea

Gli studenti non smetteranno di protestare per la Palestina, anche durante la loro laurea
Gli studenti non smetteranno di protestare per la Palestina, anche durante la loro laurea

Secondo quanto riferito, dozzine di studenti manifestanti filo-palestinesi hanno interrotto brevemente la cerimonia di apertura di sabato presso l’Università del Michigan. Il New York Times.

Gli studenti che si opponevano alla mortale campagna militare israeliana a Gaza, hanno marciato verso il palco, gridando “Reggenti, reggenti, non potete nascondervi! “Stai finanziando un genocidio!”

Altri studenti hanno esibito bandiere e berretti israeliani adornati con la Stella di David. In alto volò un aereo, portando il messaggio “Disinvestire da Israele adesso! “Palestina libera!” mentre un altro è volato via con uno striscione che diceva: “Noi stiamo con Israele. “Le vite degli ebrei contano”.

Nel frattempo, gli studenti laureandi della Northeastern University hanno trasmesso messaggi alla telecamera del live streaming della loro scuola mentre attraversavano il palco per ritirare i loro diplomi.

“I NEU FUNDS GENOCIDE DIVEST ORA”, diceva un messaggio.

All’Indiana University Bloomington, circa 30 docenti si sono riuniti venerdì fuori dalla cerimonia di laurea per protestare contro la risposta dell’amministrazione alle proteste pacifiche degli studenti, inclusa la decisione di addestrare un cecchino sugli studenti in manifestazione, secondo l’Indiana Daily Student.

Maggiori informazioni su The Daily Beast.

Ricevi i più grandi scoop e scandali del Daily Beast direttamente nella tua casella di posta. Iscriviti ora.

Rimani informato e ottieni accesso illimitato ai report senza eguali di Daily Beast. Iscriviti ora.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV PGA Championship 2024: chi c’è in campo per il secondo major dell’anno al Valhalla? | Notizie sul golf
NEXT Il Tennessee autorizza la pena di morte per violenza sessuale su minori in contestazione diretta ai precedenti della Corte Suprema