Biden contro Trump sulle proteste nei campus universitari: cosa hanno detto

Biden contro Trump sulle proteste nei campus universitari: cosa hanno detto
Biden contro Trump sulle proteste nei campus universitari: cosa hanno detto
giocare

Un uomo guida verso la folla di manifestanti alla Portland State University

Un uomo in Oregon ha guidato verso una folla enorme durante una protesta alla Portland State University prima di scendere dall’auto e spruzzare spray al peperoncino.

WASHINGTON ― Il presidente Joe Biden e l’ex presidente Donald Trump si sono scontrati questa settimana a causa delle proteste palestinesi scoppiate nei campus universitari, segnalando messaggi molto diversi per le elezioni del 2024.

In un discorso tenuto giovedì alla Casa Bianca, Biden ha cercato di trovare un equilibrio nel caos nazionale dei campus, sostenendo che gli Stati Uniti devono rispettare la protesta pacifica e allo stesso tempo chiarire che “la protesta violenta non è protetta”.

Il discorso di Biden fa seguito a giorni di attacchi di Trump ai manifestanti. Le osservazioni del presidente hanno evidenziato la linea delicata che Biden sta seguendo per mantenere intatta la coalizione democratica, compresi i giovani elettori che protestano contro la guerra a Gaza, senza vacillare dal suo sostegno a Israele.

“C’è il diritto di protestare, ma non il diritto di provocare il caos”, ha detto Biden.

Di più: Il presidente Biden rompe il silenzio sui disordini nei campus: “La protesta violenta non è protetta”

Trump, tra le sue apparizioni questa settimana in un tribunale di New York per il suo processo segreto, ha usato un tono molto diverso, incoraggiando la repressione della polizia alla Columbia University, all’Università della California, a Los Angeles e in altri college in tutta la nazione. Ha fatto un passo avanti rispetto a Biden nei suoi messaggi di legge e ordine, celebrando la repressione della polizia come “una cosa bella da guardare”.

Trump, il presunto candidato repubblicano, sta lavorando per legare Biden al caos e alla distruzione dei college in un appello agli elettori indipendenti indecisi, agli elettori suburbani e ai repubblicani moderati incerti sull’appoggio di Trump.

“Questi sono pazzi della sinistra radicale e devono essere fermati adesso”, ha detto Trump dei manifestanti prima della sua comparizione in tribunale giovedì.

Le proteste dei college non hanno offerto a Biden buone opzioni politiche

Per i giorni che hanno preceduto le più ampie osservazioni di Biden sulle proteste, Trump ha provocato Biden per il suo silenzio sulle immagini di distruzione nei campus universitari.

Biden ha reagito sottilmente giovedì.

“In momenti come questo, c’è sempre chi si precipita a segnare punti politici”, ha detto Biden, senza menzionare Trump per nome. “Ma questo non è un momento per la politica, è un momento per fare chiarezza.”

L’ondata di proteste universitarie ha posto Biden di fronte a un dilemma: esprimersi con forza contro le proteste e applaudire le azioni dei leader universitari e della polizia potrebbe allontanarsi ulteriormente dai giovani elettori, un collegio elettorale democratico chiave. Ma la difesa dei diritti dei manifestanti alimenta nuove linee di attacco a Trump e ai repubblicani, che vogliono imputare i disordini nazionali a Biden.

Alla fine, Biden ha provato a fare entrambe le cose: dire basta alla violenza, ma difendere il diritto di protestare pacificamente. Biden ha anche condannato l’antisemitismo emerso in alcune proteste, denunciando anche l’”islamofobia” e la discriminazione contro gli arabi americani.

“Non siamo una nazione autoritaria in cui mettiamo a tacere le persone o reprimiamo il dissenso”, ha detto Biden. “Ma non siamo nemmeno un paese senza legge. Siamo una società civile e l’ordine deve prevalere”.

Due delle osservazioni più significative di Biden sono arrivate dopo la fine del suo discorso preparato. Alla domanda di un giornalista se le proteste lo abbiano costretto a riconsiderare la sua politica nei confronti di Israele, Biden ha risposto: “No”.

E alla domanda se crede che la Guardia Nazionale debba intervenire nelle proteste – come hanno chiesto alcuni repubblicani – Biden ha anche detto: “No”.

Trump usa le proteste universitarie per minimizzare gli attacchi del 6 gennaio

Analogamente alle proteste di George Floyd del 2020, Trump e i repubblicani hanno fatto riferimento alle proteste filo-palestinesi nei campus universitari per dipingere Biden e i democratici come legati all’estrema sinistra e riluttanti a far rispettare la legge.

Di più: Chi sceglierà Donald Trump come suo compagno di corsa? Cosa sapere quando i potenziali vicepresidenti si riuniscono in Florida.

Il portavoce Mike Johnson la scorsa settimana si è recato alla Columbia University per cogliere l’occasione delle proteste, mentre altri repubblicani alla Camera questa settimana hanno fatto un breve viaggio alla George Washington University, un altro luogo di proteste filo-palestinesi.

Mercoledì, durante una manifestazione in Wisconsin – una giornata negativa per il processo – Trump ha dichiarato: “Gli estremisti radicali e gli agitatori di estrema sinistra stanno terrorizzando i campus universitari, come forse avrete notato, e Biden non si trova da nessuna parte; non ha detto nulla “

L’addetta stampa della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha respinto qualsiasi idea secondo cui le critiche di Trump avrebbero spinto il discorso di Biden. “Quando si tratta di una cosa del genere, non ha bisogno di seguire nessuno”, ha detto Jean-Pierre.

Con le proteste di quest’anno, Trump ha anche sostenuto che esiste un doppio standard per liberali e conservatori.

Trump ha suggerito che i funzionari potrebbero non perseguire il tipo di manifestanti che hanno preso il controllo, barricato e vandalizzato un edificio alla Columbia.

Trump sta anche usando la violenza per minimizzare l’attacco al Campidoglio del 6 gennaio 2021, in cui i suoi sostenitori hanno preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, DC, nel tentativo fallito di bloccare la certificazione della vittoria del presidente Joe Biden nelle elezioni del 2000.

Nel condannare i manifestanti del college, Trump ha detto questa settimana: “Mi chiedo se quello che accadrà loro sarà qualcosa di paragonabile a quello che è successo al J6, perché stanno causando molta distruzione, molti danni, molte persone facendosi molto male.”

Ha aggiunto: “Penso di poterti dare la risposta adesso… ed è per questo che le persone hanno perso fiducia nel nostro sistema giudiziario”.

In risposta, il portavoce della campagna di Biden, James Singer, ha detto che Trump ha tifato per anni il 6 gennaio e altri manifestanti di destra. Trump è “una figura caotica, piena di odio e divisiva che soffia sul fuoco per mettere gli americani gli uni contro gli altri”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La morte di Ramzan Kadyrov cambierà poco in Cecenia
NEXT A Ferozepur, nel Punjab, giovane di 19 anni picchiato a morte per “sacrilegio” | Notizie su Chandigarh