A Montreal si apre la stagione delle crociere

A Montreal si apre la stagione delle crociere
A Montreal si apre la stagione delle crociere

Il capitano del personale della nave da crociera Rakesh Prasad non può dimenticare le espressioni traumatizzate sui volti di centinaia di ucraini che si sono imbarcati sulla Volendam della Holland America nell’aprile 2022.

I 1.500 rifugiati, che erano fuggiti dalla loro patria due mesi prima dopo che l’invasione russa aveva scatenato una guerra in corso nel paese, salirono a bordo della nave con i loro scarsi averi, in gran parte imballati in sacchetti di plastica. La nave su cui si imbarcarono nel porto di Rotterdam sarebbe stata la loro casa per i prossimi sei mesi.

“Guardavi i bambini, potevi sentire quanto fossero spaventati, non c’era felicità”, ha detto Prasad, in piedi accanto alla piscina coperta del Volendam dopo che la nave ha attraccato al porto di Montreal sabato.

La Volendam, tornata a trasportare viaggiatori in vacanza, è stata la prima nave da crociera della stagione 2024 ad arrivare in città. L’autorità portuale ha tenuto una cerimonia a bordo della nave per celebrare l’occasione, alla quale hanno partecipato tra gli ospiti diplomatici dell’Ucraina e del Regno dei Paesi Bassi.

A pochi metri dall’area della piscina, verso l’ingresso della sala da pranzo, alcuni membri dell’equipaggio della Volendam hanno appeso una grande cornice piena di disegni di bambini rifugiati che vivevano sulla nave nel 2022. L’arte è ora una mostra permanente sulla nave.

Osservando l’interno rivestito in legno della nave, Eugene Czolij, console onorario dell’Ucraina a Montreal, ha indicato la cornice e ha detto che i rifugiati sono stati “chiaramente ospitati in modo molto amichevole”. Ho ringraziato le autorità olandesi per il loro aiuto.

La permanenza dei rifugiati a bordo della Volendam ha trasformato la nave in un villaggio ucraino.

“Le famiglie distribuivano tagli di capelli gratuitamente, le vecchie signore si prendevano cura dei bambini”, ha detto Prasad. “È diventata una comunità e quando è arrivato il momento di andarsene, la maggioranza voleva restare”.

Volendam Capitano. Rens Van Eerten ha affermato che i Paesi Bassi hanno una lunga storia di aiuto ai rifugiati in fuga dalla violenza, anche durante la Seconda Guerra Mondiale, quando il paese aiutò le persone a fuggire dai nazisti.

Poco dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, ha detto, il governo olandese si è rivolto all’armatore della Volendam, la Holland America, chiedendo di noleggiare una nave.

“Ne avevamo uno disponibile”, ha detto. “Abbiamo ospitato (i rifugiati), ci siamo presi cura di loro e ci siamo assicurati che potessero avere una vita relativamente normale in quel momento.”

Ma mentre i Paesi Bassi erano ansiosi di aiutare nell’aprile 2022, il console onorario del Regno dei Paesi Bassi a Montreal ha lamentato quello che ha descritto come un senso di “stanchezza dell’Ucraina” che ha preso piede in alcuni paesi occidentali.

All’inizio della guerra, Michael Polak disse a tutti che “erano entusiasti di aiutare l’Ucraina a combattere l’aggressione russa”. Ma negli ultimi sei-dodici mesi, ha detto, “alcuni alleati sono diventati un po’ reticenti, dubitano dei loro impegni, non vogliono spendere soldi”.

“Ma il fatto è che questa guerra è in corso ed è lungi dall’essere risolta”, ha detto.

Il 24 aprile il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha approvato l’invio di 1 miliardo di dollari in assistenza militare all’Ucraina, la prima installazione di un pacchetto di aiuti di circa 61 miliardi di dollari. Comprende anche capacità di difesa aerea, proiettili di artiglieria, veicoli corazzati e altre armi per sostenere le forze ucraine che hanno visto il morale affondare mentre il presidente russo Vladimir Putin accumulava vittorie su vittorie.

Czolij ha affermato che il pacchetto di aiuti statunitense è stato molto utile, aggiungendo che secondo lui aiuterebbe l’Ucraina a vincere la guerra. Ha detto che le uniche persone che hanno “stanchezza” nei confronti dell’Ucraina sono quelle che non capiscono che il paese non sta solo difendendo la sua integrità territoriale ma “difendendo l’intera Europa”.

“Se l’Ucraina, Dio non voglia, perde questa guerra”, ha detto, “saremo testimoni della terza guerra mondiale”.


Questo rapporto della Canadian Press è stato pubblicato per la prima volta il 4 maggio 2024.


— Con file dell’Associated Press.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il video di Joe Biden che presumibilmente dà il suo sostegno a Trump è ritagliato · Maldita.es
NEXT Perché il Governo non potrà evitare i tagli al gas durante l’inverno