Poche ore dopo il decollo, la NASA ha annullato il lancio del Boeing Starliner per motivi di sicurezza

Poche ore dopo il decollo, la NASA ha annullato il lancio del Boeing Starliner per motivi di sicurezza
Poche ore dopo il decollo, la NASA ha annullato il lancio del Boeing Starliner per motivi di sicurezza

La NASA ha annullato il lancio del Boeing Starliner per motivi di sicurezza (EFE)

Il lancio del La prima missione spaziale con equipaggio della Boeing è stato cancellato questo lunedì quando mancavano circa due ore al decollo per il Stazione Spaziale Internazionale (ISS) da Capo CanaveralIn Florida (Stati Uniti d’America).

Il motivo della cancellazione è dovuto a guasti in una delle valvole del razzo di lancio. Atlante Vdalla ditta privata Alleanza di lancio unita (ULA), su cui è montata la nave Starliner Di Boeingha riferito il VASO.

La decisione di annullare il decollo di questo lunedì è stata presa dal responsabile del lancio dell’ULA, Tom Hetter IIIe, secondo l’agenzia spaziale americana, le squadre controlleranno una delle valvole dell’ossigeno dell’ Atlante Vdove apparentemente risiede l’origine del guasto tecnico.

La prima priorità della NASA è la sicurezza. Andremo quando saremo pronti“ha detto l’amministratore della VASO, Bill Nelsonche ha così confermato la cancellazione.

Gli astronauti della NASA Butch Wilmore, a sinistra, e Suni Williams, hanno lasciato l’edificio operativo dirigendosi allo Space Launch Complex 41 per salire a bordo della capsula Starliner (AP/John Raoux)

IL Starliner era previsto il decollo lunedì sera alle 22:34 ora locale (le 2:34 GMT di mercoledì), da un complesso di lancio dell’aereo Stazione delle Forze Spaziali Di Capo Canaveralcon gli astronauti della VASO a bordo, Barry “Butch” Wilmore E Sunita Williams.

Nemmeno VASO né l’azienda privata hanno annunciato al momento una possibile nuova data di uscita.

La missione Boeing CFT (test di volo dell’equipaggio) si propone di conseguire le necessarie certificazioni del VASO poter iniziare a operare come secondo fornitore del trasporto di equipaggi e merci al cosiddetto laboratorio orbitale, servizio che l’azienda fornisce ufficialmente già dal 2020 SpaceX.

L’agenzia spaziale americana lo ha dato Boeing dal 2014 ad oggi sono stati spesi circa 4,2 miliardi di dollari per raggiungere questo obiettivo, e quindi le aspettative oggi erano considerevoli Capo Canaveral.

In quello stesso periodo di tempo, SpaceX ha ricevuto 2,6 miliardi di dollari e la sua capsula Drago ha già avuto più di una dozzina di voli per ISSalcune differenze a cui allude il suo presidente esecutivo, il magnate Elon Muskche in un messaggio in Xpoche ore prima del decollo previsto, lanciò una probabile spiegazione: “Troppi manager non tecnici alla Boeing”.

Né l’agenzia spaziale né l’azienda privata hanno ancora annunciato una possibile nuova data di lancio (EFE/FILE)

La cancellazione si aggiunge a una serie di contrattempi che il Starlinerche è riuscito a volare al ISS in una prima missione di prova, senza equipaggio, nel maggio 2022, dopo due tentativi falliti nel 2019 e nel 2021.

Di fronte al tuo prima missione con equipaggio non sono mancati gli insuccessi Boeingche aveva previsto il lancio di questa missione per il 21 luglio 2023, ma la scoperta di guasti nel sistema del paracadute e in alcuni nastri isolanti in fibra di vetro ne hanno costretto il rinvio a un mese e mezzo dalla fine.

“Posso dire con totale fiducia che le squadre hanno assolutamente svolto la dovuta diligenza”, ha detto la settimana scorsa. Giacomo Liberoamministratore associato della VASOnel corso di una teleconferenza in cui ha espresso la sua fiducia nel successo della missione che avrebbe dovuto partire oggi.

Free ha aggiunto che il CFT Si tratta di un volo di prova e, pertanto, gli astronauti e i controllori prevedevano che si sarebbero verificati eventi imprevisti.

(Con informazioni da EFE)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La nuova tecnologia potrebbe rendere i pannelli solari più efficienti
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera