È giusto che i riassicuratori abbiano difficoltà a passare inosservati

È giusto che i riassicuratori abbiano difficoltà a passare inosservati
È giusto che i riassicuratori abbiano difficoltà a passare inosservati

I riassicuratori svolgono uno dei lavori più ingrati nel settore finanziario.

Questi gruppi, che assicurano gli assicuratori, sono spesso vecchi di secoli e svolgono un ruolo vitale nella distribuzione dei rischi, rendendo meno probabile che un aumento dei sinistri sia fatale per i loro clienti assicuratori, proteggendo in definitiva anche i clienti degli assicuratori.

Di solito svolgono questo lavoro difficile e generalmente trascurato in silenzio, senza disturbare gli estranei con un curioso gergo che include termini come “tariffa in linea” (il costo della riassicurazione) e “retrocessione” (riassicurazione propria dei riassicuratori).

Ma sia i riassicuratori del ramo danni che quelli contro i danni, così come i loro omologhi nel ramo vita, stanno attirando sempre più attenzione.

Prendiamoli uno per uno. Il forte aumento del costo dell’assicurazione sulla casa negli Stati Uniti e altrove può essere ricondotto, in parte, a una mossa di due anni fa da parte dei riassicuratori del ramo danni di aumentare il prezzo della copertura contro le catastrofi naturali e di inasprire le loro condizioni.

Se la tua villa sulla spiaggia viene rasa al suolo da un uragano, questi riassicuratori finiranno per assorbire gran parte dei costi e, in risposta a fattori tra cui il cambiamento climatico e l’inflazione, hanno iniziato a far pagare agli assicuratori molto di più per il privilegio.

Un 2023 tranquillo per gli uragani ha fatto sì che i riassicuratori emergessero con i migliori profitti degli ultimi anni. I Lloyd’s di Londra, un grande mercato per la riassicurazione contro le catastrofi immobiliari, hanno registrato la migliore performance complessiva dal 2007.

È stato un anno negativo, tuttavia, per altri tipi di eventi meteorologici estremi come i temporali, in cui agli assicuratori primari è stata lasciata una quota maggiore del rischio dopo che i riassicuratori si sono ritirati.

Questo è stato uno dei motivi principali per cui, secondo l’agenzia di rating AM Best, gli assicuratori danni statunitensi hanno registrato perdite tecniche per oltre 20 miliardi di dollari per il secondo anno consecutivo. Invito da parte di regolatori, intermediari e altri soggetti affinché i riassicuratori pensino al loro scopo sociale e riducano i prezzi.

Si tratta di un argomento complicato: il rischio climatico non fa che aumentare. I riassicuratori affermano che il loro obbligo è quello di condividere questi rischi, ma anche di non fallire nel processo.

Alcuni esponenti del settore affermano che i riassicuratori devono preoccuparsi delle pressioni sugli assicuratori immobiliari che forniscono loro una parte della loro attività. Ma gli assicuratori di ultima istanza sostenuti dallo Stato, che si sono espansi mentre gli assicuratori privati ​​si sono ritirati da alcune aree, sono anche grandi acquirenti di riassicurazione.

Se i riassicuratori danni tendono a restare in secondo piano, i riassicuratori vita non sono nemmeno presenti alla festa. Questi gruppi di basso profilo consentono agli assicuratori sulla vita – fornitori di rendite e altri prodotti finanziari a lungo termine – di riassicurare rischi come la longevità. Qui pagano un premio per proteggersi dal rischio che i loro clienti vivano più a lungo del previsto.

Negli ultimi anni si è assistito all’ascesa di quella che è nota come riassicurazione ad alta intensità di asset o riassicurazione finanziata. In tali accordi, gli assicuratori sulla vita scaricano, spesso a un riassicuratore in una giurisdizione straniera, quella che è essenzialmente una parte delle loro passività, più le attività che sostengono quelle promesse future.

Questo è diventato un grande business negli Stati Uniti, dove secondo Moody’s sono stati delocalizzati quasi 800 miliardi di dollari di riserve di assicuratori sulla vita. È cresciuto anche in Europa. La Banca d’Inghilterra sta pianificando uno stress test per il prossimo anno sugli effetti di un fallimento della riassicurazione finanziata. L’Eiopa, l’autorità di regolamentazione dell’UE, ha recentemente rilasciato una dichiarazione di vigilanza in cui definisce cosa dovrebbero fare gli assicuratori per garantire che la loro riassicurazione offshore sia solida.

Lo scenario che teme le autorità di regolamentazione è illustrato da 777 Re, un riassicuratore con sede alle Bermuda legato al gruppo di investimento statunitense 777 Partners. All’inizio di quest’anno, il gruppo assicurativo statunitense A-Cap ha dichiarato che avrebbe tentato di riprendere il controllo degli asset ceduti a 777 Re dopo che il riassicuratore aveva avuto il suo rating di credito declassato, e le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti e delle Bermuda hanno lavorato per districare A-Cap e 777.

Le Bermuda, un hub per la riassicurazione globale, sono state sottoposte a un crescente controllo da parte delle autorità di regolamentazione di altri paesi per la loro supervisione sui gruppi vita e hanno recentemente inasprito le loro regole più flessibili su dove e come possono investire.

In questo contesto, gli assicuratori di vari paesi sono invitati a considerare più attentamente il rischio che i loro accordi di riassicurazione offshore possano fallire e siano costretti a farsi carico delle proprie passività. La preoccupazione è che nel frattempo le attività a garanzia di tali passività potrebbero essere state convertite in titoli illiquidi che si sono inaspriti o che non sono adatti a sostenere le promesse pensionistiche a lungo termine fatte ai clienti.

Ciò che accomuna i due tipi di riassicuratori, affermano esponenti senior del settore, è la mancanza di contatto con i consumatori che in ultima analisi supportano.

Invece, i riassicuratori immobiliari sono liberi di parlare di “adeguata compensazione per il rischio” a debita distanza dai clienti che non sono adeguatamente assicurati o pagano prezzi molto alti. I riassicuratori sulla vita, soprattutto quelli nascosti offshore o come parte di un gruppo aziendale più grande, possono farla franca senza dire molto.

In definitiva, pagare quando hanno promesso è il modo in cui i riassicuratori dimostrano il loro valore. Ma gli sviluppi nel settore vita, in particolare, suggeriscono che è necessaria maggiore attenzione, soprattutto date le implicazioni per milioni di pensionati in tutto il mondo. Dopotutto, cose strane possono crescere nell’oscurità.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Flamengo si qualifica agli Ottavi con la sua 100esima vittoria in Copa Libertadores
NEXT I possibili undici dell’Alianza Lima per cercare l’impresa contro il Fluminense