Michael Cohen potrebbe creare o distruggere il processo penale di Trump

Michael Cohen potrebbe creare o distruggere il processo penale di Trump
Michael Cohen potrebbe creare o distruggere il processo penale di Trump
  • Di Kayla Epstein
  • Reporting dal tribunale di New York, BBC News

47 minuti fa

Anche il testimone chiave dell’accusa nel processo penale di Donald Trump a Manhattan potrebbe essere la sua responsabilità più grande.

Si prevede che Michael Cohen, ex avvocato personale di Trump, prenda posizione per testimoniare contro l’uomo che una volta chiamava con reverenza “The Boss”.

Cohen ha effettuato il pagamento del silenzio al centro del caso, oltre al quale le accuse dell’accusa sono state rimborsate fraudolentemente da Trump. Potrebbe fornire una testimonianza essenziale per i pubblici ministeri.

Ma fuori dal tribunale, sui podcast, in televisione e sui social media, Cohen non ha esattamente aiutato il loro caso.

Ha deriso il signor Trump su X, chiamandolo “l’assonnato Donald” e ha usato un soprannome profano riferendosi all’ex presidente. Cohen ha anche pubblicato meme che sembrano mostrare Trump in uniforme carceraria arancione e ha scherzato su TikTok sul fatto che Trump sia incarcerato.

“Trump 2024?” ha detto durante uno streaming su TikTok, riportato da ABC News. “Più simile a Trump 20-24 anni.”

Il comportamento canaglia di Cohen, unito ai suoi precedenti penali, ha aperto la porta alla difesa di Trump per mettere in dubbio questo giocatore cruciale.

Fonte immagine, Immagini Getty

Didascalia immagine, Quando Trump si candidò alla presidenza nel 2016, Cohen era spesso al suo fianco

“È un vero grattacapo”, ha detto Lance Fletcher, un ex procuratore di Manhattan che ora esercita la difesa penale. “Come pubblico ministero sta facendo tutto ciò che non vuoi che faccia il tuo testimone. Ha ogni sorta di problemi di credibilità.”

Un avvocato che rappresenta Cohen ha rifiutato di commentare questa storia.

Nel 2018, Cohen si è dichiarato colpevole di otto reati tra cui reati fiscali, frode e violazioni di finanziamenti elettorali. Quest’ultima accusa derivava dallo stesso pagamento di denaro segreto al centro del caso di Trump.

Si è anche dichiarato colpevole di aver mentito al Congresso, un fatto che gli avvocati di Trump hanno sollevato in questo processo e durante un caso civile separato.

Trump è accusato di 34 capi di imputazione per falsificazione di documenti aziendali con l’accusa di aver rimborsato Cohen per aver effettuato un pagamento segreto di 130.000 dollari alla star del cinema per adulti Stormy Daniels, cercando poi di mascherare i documenti del pagamento come spese legali.

Si è dichiarato non colpevole e ha negato di avere una relazione.

Todd Blanche, l’avvocato principale di Trump, ha cercato di indebolire Cohen come testimone nella sua dichiarazione di apertura. Ha detto che Cohen è rimasto “ossessionato” da Trump “fino ad oggi” e che “inveisce e delira” contro l’ex presidente.

I giornalisti della BBC News sono nell’aula del tribunale di Manhattan per seguire lo storico primo processo penale contro un ex presidente degli Stati Uniti. Troverai i loro aggiornamenti e analisi sul sito Web e sull’app delle notizie della BBC, nonché su TV, radio e podcast.

“Ritengo che non ci si possa fidare di lui”, ha detto il signor Blanche.

Il signor Fletcher è d’accordo con la strategia della difesa. “Vuoi quasi affrontare il caso su di lui”, ha detto.

Blanche e i suoi colleghi potrebbero menzionare i precedenti commenti di Cohen mentre è sul banco dei testimoni e mettere in dubbio la sua motivazione per aver fornito una testimonianza dannosa contro Trump. I suoi avvocati hanno già affermato che Cohen sta traendo profitto dai problemi legali di Trump attraverso il suo podcast, gli streaming di TikTok e i libri.

Se Cohen testimonia, “forse puoi farlo arrabbiare, forse inizia a urlare e urlare e a farti a pezzi”, ha detto il signor Fletcher.

Lanciare i dadi

Durante il suo periodo come pubblico ministero, l’ex giudice ad interim della Corte Suprema dello Stato di New York Diane Kiesel aveva un detto: “Non vado al casting centrale per i miei testimoni”.

In altre parole, i pubblici ministeri non sempre ottengono il testimone perfetto per dimostrare il loro caso: alcuni, pur fornendo testimonianze essenziali, sono imperfetti. Il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg è in una posizione simile con Cohen, ha detto.

“Chi pensi che effettuerà pagamenti segreti a una porno star?” Lo ha detto il giudice Kiesel. “Un rispettabile membro dell’ordine degli avvocati… che tutti considerano un esempio di etica legale?”

Ha detto che la squadra del signor Bragg deve “esaminare ogni singola cosa che Michael Cohen ha da dire” e offrire prove corroboranti per convincere la giuria.

I pubblici ministeri hanno già riconosciuto i difetti di Cohen davanti ai giurati.

Per riprodurre questo contenuto, abilita JavaScript o prova un browser diverso

Didascalia video, Guarda: il caso del silenzio di Trump chiede: ha “truccato i libri”?

Durante le dichiarazioni di apertura, l’assistente procuratore distrettuale Michael Colangelo ha detto alla giuria: “Dovrai mantenere una mente aperta” su Cohen e “tenere presente tutte le prove che corroborano la testimonianza di Michael Cohen”.

I pubblici ministeri hanno presentato una traccia cartacea di messaggi, e-mail, telefonate, documenti bancari e contatti legali che Cohen ha lasciato mentre mediava i pagamenti alla signora Daniels e ad un’altra donna, la modella di Playboy Karen McDougal, in cambio del loro silenzio.

Hanno fatto appello a numerosi testimoni corroboranti, come l’ex editore di tabloid David Pecker e l’ex avvocato della signora Daniel Keith Davidson, che potrebbero far luce sugli eventi che coinvolgono Cohen.

Ma i pubblici ministeri non possono far smettere di parlare a Cohen.

“Quando ero pubblico ministero, io [occasionally] Avrei voluto poter dare ai testimoni un ordine di silenzio, ma non è possibile”, ha detto Fletcher. “Hanno gli stessi diritti e poteri dei normali cittadini”.

L’ufficio del procuratore distrettuale non ha restituito una richiesta di commento.

Il 24 aprile, Cohen annunciò – probabilmente con sollievo dei pubblici ministeri – che si sarebbe imposto un ordine di silenzio.

“Nonostante non sia l’imputato imbavagliato, per rispetto del giudice Merchan e dei pubblici ministeri, cesserò di pubblicare qualsiasi cosa su Donald sul mio account X (ex Twitter) o sul podcast Mea Culpa fino a dopo la mia testimonianza al processo”, ha scritto Cohen. “Ci vediamo tra un mese (o più).

Resta da vedere se manterrà o meno la parola data.

“Il procuratore distrettuale può leggergli l’atto di sommossa quanto vuole”, ha detto l’ex giudice Kiesel. “Ma se non ascolterà, non ascolterà.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Chi è Mohamed Amra, il prigioniero evaso in Francia in un sanguinoso ‘salvataggio’
NEXT Giornata internazionale dell’insegnante: il 15 maggio commemora questa professione